7 creatori queer e trans con disabilità che combattono per un mondo accessibile

L'abilismo è ancora troppo diffuso negli spazi e nelle comunità LGBTQ+. Questi organizzatori, accademici e artisti stanno lavorando per cambiarlo.
  L'immagine può contenere Abbigliamento Abbigliamento Umano e Persona

La comunità LGBTQ+ ha molto più in comune dei nostri generi e sessualità. Sebbene questi dettagli della nostra esperienza siano importanti, concentrarci solo su di essi trascura le oppressioni aggravate che molti di noi devono affrontare. Ecco perché attivista per i diritti dei disabili D'Arcee Charington Neal crede nell'allineamento di noi stessi in base a ciò che ci distingue dalla società tradizionale.



'Mettiamo l'obiettivo della sessualità in primo piano e al centro perché [alcuni] credono che sia ciò che ci unisce, quando penso che sia più la [nostra] non-normatività e il modo in cui siamo un valore anomalo molto potente, molto ampio della società umana', dice Neal, sottolineando come questa lente più espansiva ci permetta di organizzarci contro altre forme di emarginazione, compreso l'abilismo.

Secondo un rapporto del 2019 del Movement Advancement Project, circa 3-5 milioni di americani LGBTQ+ vivono con una o più disabilità, di cui due transessuali su cinque e quasi il 40% delle donne lesbiche. Date queste statistiche, non si può scusare la continua inaccessibilità degli spazi e degli eventi LGBTQ+. Queste realtà riguardanti sono state in piena mostra negli ultimi due anni; con il ritorno delle celebrazioni del Pride di persona, hanno sottolineato ancora una volta gli attivisti per i diritti dei disabili utenti di ausili alla mobilità in difficoltà affrontato nel partecipare, mancanza di traduttori ASL , e la scarsità di eventi che richiedono mascherine.



Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina da.



Al di là dei modi in cui la società contemporanea rimane inaccessibile alle persone con disabilità, un'altra questione citata dagli organizzatori dei diritti della disabilità queer e trans è il centraggio dei messaggi cis, eterosessuali e bianchi in generale sui diritti della disabilità. Troppo spesso, quando le persone pensano agli organizzatori che hanno reso la nostra società più accessibile, pensano a Justin Dart, comunemente noto come 'il padre dell'ADA', o a Ed Roberts, considerato il 'padre del movimento per la vita indipendente'. Mentre entrambi gli uomini hanno lottato per importanti diritti per le persone con disabilità, c'è molto di più nel movimento. E così in questo mese del Disability Pride, mettiamo in evidenza il lavoro di 7 attivisti queer e trans, accademici, creatori e artisti la cui lotta collettiva decostruisce l'abilismo ogni giorno dell'anno.

Ascia

Asha (lei/lei) queer, disabile, artista multidisciplinare e abolizionista è un'educatrice e figlia della diaspora desi dell'Africa orientale. Asha attualmente vive nella Bay Area in California, dove ha insegnato nelle scuole pubbliche negli ultimi 10 anni. Oltre al suo lavoro di educatrice, Asha è una poetessa riconosciuta a livello internazionale. Il suo libro Non è la tua generazione Masi è inteso come un testo di guarigione per coloro che convivono con disturbi di salute mentale mentre affrontano traumi generazionali.

Ascia



Sia nella sua poesia che nella sua pedagogia, Asha si sforza di mettere in luce le culture dei disabili queer e trans della diaspora dell'Africa orientale e dell'Asia meridionale. 'La rappresentazione non basta', dice Loro . 'Resistendo a una cultura capitalista e abbracciando idee antiche e ancestrali, possiamo rivendicare la magia e il potere che detengono i nostri corpi sacri'.

Asha conosce personalmente la posta in gioco di questa bonifica. Dopo un tentativo di suicidio, la poetessa ha appreso in prima persona la mancanza di cure culturalmente inclusive offerte nell'assistenza sanitaria americana tradizionale, un risveglio che l'ha portata a scrivere Non è la tua generazione Masi.

'Mi sono reso conto che i praticanti non hanno considerato l'impatto della malattia cronica e della disabilità sulla salute mentale', spiega Asha. “Le ragioni che mi avevano portato alla struttura non sono state convalidate nelle cliniche. Ho cercato una sorta di risorsa che intersecasse convenzionale [cognitivo comportamentale; terapia e terapia comportamentale dialettica] pratiche con tradizioni ancestrali, il tutto affrontando gli stigmi vissuti da persone di diverse generazioni e background. Non l'ho mai trovato, quindi l'ho creato'.

Ben Oni Johnson

Ben-Oni Johnson (qualsiasi/tutti i pronomi) è un organizzatore di comunità neoindigeno, queer e trans-pangender attualmente residente nella terra del popolo Tongva (Los Angeles). L'obiettivo del loro lavoro è creare spazi in cui le persone possano portare se stesse ed essere riconosciute come tali. Ben-Oni ha conseguito un master in Disturbi dello spettro autistico e sta attualmente conseguendo un dottorato in Psicologia Clinica presso la Saybrook University. Allenano anche una squadra di basket giovanile locale e lavorano con WNBGAY , una comunità di ballerini queer e trans a L.A.

Ben Oni Johnson



Nel 2020, durante il picco della pandemia, ha fondato Ben-Oni Neurodiversità nera , una pagina di risorse di Instagram che fornisce analisi storiche sbalorditive , insieme a strategie pratiche per creare spazi più accessibili.

Alla domanda sull'ispirazione per la loro organizzazione, Ben-Oni cita i loro antenati, in particolare il loro trisnonno, Il reverendo Richard Henry Boyd , che ha imparato a leggere a 20 anni e ha costruito una casa editrice che opera ancora oggi.

“Pratico il culto ancestrale e sono eternamente e infinitamente ispirato dai miei antenati. Tanto che mi ha portato a sviluppare un nuovo termine che ho coniato, 'neuroindigeno'', raccontano Loro. 'Essere neuroindigeni significa essere neurodistinti e in conversazione, ammirazione e rispetto per i propri modi indigeni e ancestrali di conoscere ed essere'.

Umberto Gauri

La truccatrice, scrittrice, modella e oratrice pubblica Umber Ghauri (loro/loro) sa in prima persona quanto può essere difficile sentirsi desiderabili quando si vive con una o più disabilità. Ecco perché l'artista usa la sua abilità come truccatrice per aiutare ad affermare le persone QTPOC, in particolare quelle che vivono con disabilità.

'Quando sei disabile, dell'Asia meridionale e queer, in Gran Bretagna, è difficile avere la sensazione di esprimere te stesso conta', dice Ghauri Loro. 'Ti senti invisibile per la maggior parte del tempo.'

Umberto Gauri

Nora S Whelan

Lavorare con il trucco per trasformare il proprio aspetto può aiutare a combattere quelle esperienze di invisibilità. Ciò che aiuta ancora di più, osserva Ghauri, è trasformare il riflesso della propria 'disabilità' in uno stile unico e personale.

'Anche quando ho avuto problemi come le mie mani che diventano insensibili a causa della neuropatia, posso comunque giocarci', aggiunge Ghauri. 'Anche se non riesco davvero a fare l'eyeliner alato, quello che farò è diverso e cerco sempre di fare qualcosa di diverso'.

Ghauri menziona anche come truccarsi con le loro disabilità consenta loro di essere creativi e che la creatività può essere curativa: '[Makeup] è anche un gioco, che ti fa sentire connesso a te stesso'.

Karli ha disegnato

Karli Drew (lei/lei), alias 'KarLeia', è una scrittrice freelance, attivista e persona su sedia a rotelle. A 16 anni ha iniziato a scrivere professionalmente. Ora lavora come copywriter, copy editor e specialista dell'inclusione della disabilità.

Karli ha disegnato

Agli occhi di Drew, il modo principale in cui le persone normodotate possono presentarsi come alleate per coloro che vivono con disabilità è innanzitutto riconoscere quanto sia pervasivo l'abilismo nel mondo.

“L'azione sociale inizia sempre con il riconoscimento delle iniquità. Quindi, penso che il primo passo naturale verso l'azione sia riconoscere la prevalenza delle persone disabili nella società e i modi in cui siamo attivamente esclusi, beh, da tutto', dice Drew Loro . “Ignorare la nostra esistenza non ci farà scomparire, ma sicuramente rende più facile per le persone non disabili dimenticare quanto lavoro deve ancora essere fatto”.

Corin Parsons

Corin Parsons (lui/lui) è un disabile, omosessuale, trans e accademico. Oltre a studiare la disabilità nell'istruzione superiore, l'avvocato è noto per la sua presenza sui social media, dove twitta su come la pandemia di COVID-19 in corso o il ribaltamento di Roe v. Wade abbiano un impatto specifico sulle persone con disabilità.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina da.

Per Parsons, è importante continuare ad attirare l'attenzione sulle acute implicazioni della pandemia sulle persone con disabilità, un progetto particolarmente urgente alla luce dell'attuale fame della società di andare oltre i ricordi del blocco.

“COVID-19 è stato un problema più urgente per le persone disabili, e in particolare per BIPOC, queer/trans e disabili poveri. Questo non solo perché molti di noi hanno condizioni che contribuiscono a un rischio elevato di malattie gravi o di morte, ma anche perché le persone disabili generalmente hanno meno risorse a nostra disposizione, quindi qualsiasi crisi colpirà più duramente la nostra comunità', afferma Parsons. 'Ci dovrebbe essere consenso sulla collaborazione per proteggere i più vulnerabili in situazioni come questa, ma la risposta alla pandemia si sta muovendo costantemente nella direzione opposta'.

D'Arcee Charington Neal

D'Arcee Charington Neal

D'Arcee Charington Neal (lui/loro) è un premiato attivista, accademico e consulente. Attualmente stanno perseguendo un dottorato di ricerca presso la Ohio State University, dove si stanno concentrando su afrofuturismo, teoria della disabilità e media digitali.

Quando si tratta di giustizia per la disabilità, Neal sottolinea i modi in cui l'abilismo si interseca con il razzismo e la fatfobia, soprattutto quando si tratta della politica del desiderio. 'Manteniamolo al 100%: se hai un pacco da sei e una faccia come Nyle DiMarco, alcuni uomini sono più che disposti a tirare fuori un cellulare e trascurarlo', dice Neal Loro . “Essere su una sedia a rotelle? Potrei avere il corpo di Adonis. Ma la gente dirà ancora 'errrrmmmm, non so...''

Continuano: 'E io sono ancora nero, e porto con quell'identità tutte le sue peculiarità. Non ho la capacità di mettere in evidenza un'identità rispetto all'altra in nome della facilità, che è sempre stato uno dei problemi che la comunità queer in generale considera raramente'.

Farrah Garland

La candidata al dottorato Farrah Garland (loro/loro) è un'educatrice e sostenitrice dei diritti dei disabili. Alla domanda sulla rappresentazione delle persone con disabilità nei media, Garland sottolinea l'importanza della rappresentazione autentica.

'Quando ci vediamo rappresentati nei media, [è essenziale che] non siamo rappresentati da attori abili che fingono di essere disabili, rubando posti di lavoro a attori disabili che già lottano per trovare lavoro', affermano.

Contenuti Instagram

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina da.

Altrettanto importante, sottolinea Garland, è assicurarsi che le persone con disabilità siano in grado di prendere decisioni di alto livello.

'Anche le persone abili con le migliori intenzioni e con un alto grado di istruzione non sapranno mai veramente di cosa abbiamo bisogno o come creare al meglio spazi accessibili senza l'input diretto e la guida delle persone disabili reali', aggiunge Garland. 'Le persone disabili appartengono ovunque, vengono prese decisioni, ovunque si vedono corpi, ovunque si trovino persone'.