Abra parla di interpretare la ragazza nera alternativa in Assassination Nation

All'inizio del nuovo thriller di Sam Levinson Nazione assassina , Em, uno dei quattro personaggi principali del film, si vanta con entusiasmo del fatto che ha una fanfic di Nancy Grace di 20.000 parole nelle mie bozze in questo momento. Lily, un altro membro del quartetto centrale, risponde, mi dimentico letteralmente quanto sei strano a volte, e poi tiri fuori una merda del genere! La scena è interpretata per risate innocue, ma ciò che rivela su questi personaggi è importante: mentre Lily è ribelle, Em è nerd e si diverte in cose più insolite, come scrivere fanfiction lungo un romanzo su ex conduttori televisivi. aprire , che interpreta il personaggio nel film, descrive Em come l'incarnazione perfetta di quella che lei considera la ragazza nera alternativa.



Come artista ha firmato per Father's con sede ad Atlanta Record terribili , Abra è conosciuta principalmente per lei musica , una miscela unica di elettronica e hip-hop sperimentale che l'ha rapidamente catapultata allo status di icona di culto, soprattutto per altre ragazze nere alternative. In effetti, è ciò che Abra sostiene le ha assicurato il ruolo di Em in primo luogo. Come ricorda, il regista Sam Levinson l'ha contattata dopo essersi imbattuto in un documentario che ha realizzato con FACT Magazine , che lei descrive come solo io che giro per Londra, mostrando loro la mia vecchia scuola materna, e sono solo un vero spazz. (In un quasi pure sul naso del documentario, si può sentire dire, sono solo questo piccolo idiota che bazzica nella loro stanza a guardare film dell'orrore.) Dopo averlo visto, Levinson ha subito pensato: Questo è esattamente chi ho scritto questo personaggio per.

Avere la possibilità di ritrarre questo personaggio spesso sottorappresentato sul grande schermo è forse il momento più orgoglioso di Abra quando si tratta di Nazione assassina . Sente che tutta questa esperienza l'ha aiutata a crescere come persona a tutto tondo. Il giorno dell'uscita del film, abbiamo parlato al telefono con l'artista georgiana per parlare del suo passaggio dalla musica al cinema, di cosa spera che il pubblico porti via dal film e perché le è piaciuto rivivere la sua esperienza al liceo a condizioni diverse.



Odessa Young Hari Nef Suki Waterhouse e Abra in ASSASSINATION NATION.

Per gentile concessione di NEON



Hai filmato Nazione assassina un anno e mezzo fa, e ora è finalmente uscito. Come ci si sente?

In realtà è davvero surreale. Continuo a guardare le foto e i cartelloni pubblicitari e a pensare, Chi cazzo è lei? È molto strano, ma è una sensazione compiuta. La parte migliore sono i miei amici che mi colpiscono e mostrano la loro eccitazione nel vedermi su un cartellone pubblicitario o qualcosa del genere.

Provieni da un sottofondo musicale. Il passaggio alla recitazione è stato regolare?



Oh diavolo no! Era molto difficile per me. Prima di tutto, sono davvero di basso profilo, credo. Forse è solo la mia protezione, ma sento che mi piace solo rilassarmi. Mi piace ascoltare e mi piace guardare. Sono un osservatore, ecco perché sono un musicista. All'inizio volevo essere un poeta, e ora sono un cantautore. Mi piace guardare intorno a quello che vedo e poi scriverne. Ma gli attori, loro trasudare . Essi sono di cosa scrivi. È stato difficile per me esprimermi attraverso qualcosa che non era musica.

Un'altra cosa difficile è stata interrompere, come la transizione tra Em e Abra, tra me e me stesso. Quando avremmo avuto quelle scene [emotive], avrei portato il trauma a casa con me in hotel di notte. Semplicemente non mi rendevo conto di tutto il lavoro che serve per separarti. Ho dovuto continuare a ricordare a me stesso che questa era la visione di Sam che stavo solo aiutando a portare in vita. C'era un po' di turbolenza ed è stato difficile per me inserirmi all'inizio, ma tutti erano così gentili e super solidali. Per il mio primo film in cui ho partecipato, non avrei potuto chiedere di meglio.

Anche tra girare il film e poi tornare per promuoverlo, sono cresciuto così tanto. So che suona strano, ma ho lavorato su molte cose con cui non sapevo nemmeno di avere a che fare. Essere in questo film, rifare il liceo come una puttana cattiva, è stato fantastico. Immagina di poter tornare indietro e fare di nuovo il liceo, ma proprio come non succhiare. È stato stupefacente. Ero proprio come: ok, niente brufoli, niente ciclo — sto bene ! Mi sentivo come se avessi tutto bloccato.

Dato che in un certo senso stavi rivivendo il liceo, prenderesti in considerazione le riprese di Nazione assassina essere stata un'esperienza catartica?

Direi di no, perché a me erano già successe cose del genere. Riviverlo nel film è stato quasi in realtà di più... è diventato tutto più urgente. Ad esempio, sono su Internet da un po' di tempo ormai. Non sto spuntando con milioni di follower o altro, ma ne ho una buona quantità e ci sono cose che ho pubblicato prima in cui mi piace immediatamente oh merda, elimina elimina elimina! Quindi ho fatto le stesse cose che fanno le ragazze in questo film e questo mi ha reso davvero più frustrato. Almeno una volta alla settimana, vado su Internet e le foto di qualcuno sono appena trapelate o la privacy di qualcuno è stata violata. Mi ha fatto arrabbiare perché nessuno dovrebbe vivere in questo tipo di paura. Quindi non era catartico; mi ha irritato, in realtà.



Ma da quando il film è uscito, mi sento davvero ottimista riguardo al futuro, soprattutto per la risposta. lo penso volere sii catartico se a tutti non frega più un cazzo. Si spera che sarà solo saturo al punto in cui è normale ora. Ad esempio, Twitter è fondamentalmente il nostro diario ora. In passato, quei diari online, come Xanga o LiveJournal, avevano delle password. Ora abbiamo Twitter ed è solo un libro aperto. Questo è ciò che i social media sono in questo momento. Questo film cristallizza semplicemente il rapporto tra social media e rettitudine. Penso che una volta che l'idea sarà là fuori e portata nella coscienza, le persone diranno, sì, beh, in realtà, tutti fa schifo. Quindi mettilo là fuori! Spero davvero che saremo in grado di portare un po' di empatia e meno giudizio nel mondo attraverso questo film.

A proposito di giudizio, mi viene in mente il discorso di Lily ai suoi genitori su come l'idea stessa di nudità debba essere riesaminata: il legame della nudità con la promiscuità sessuale le conferisce un'inclinazione intrinsecamente negativa, anche se non dovrebbe esserlo.

Quella scena ha davvero risuonato anche con me. In realtà avevo solo una memoria casuale. Dato che sono cresciuto a Londra, quando sono arrivato ad Atlanta, non mi sono adattato affatto. Il primo posto sicuro che ho trovato in cui mi sono adattato davvero è stato Internet. Quindi, ovviamente stavo facendo tutti i tipi di merda su Internet. Ovviamente stavo andando in tutti i tipi di posti in cui non avrei dovuto essere. Ma non era niente di sinistro. Ricordo di essermi avvicinato molto agli anime disegnando, ma non avevo nulla da cui attingere ed ero troppo spaventato per guardare i corpi delle donne nude. Quindi ho scattato una foto di me stesso, l'ho caricata sul mio computer e ho usato la mia foto come riferimento per disegnare uno schizzo di una sirena. Poi mio padre ha esaminato il mio computer e ha visto questa foto di me in abiti succinti e ha pensato che la stavo inviando a dei giovani uomini. L'ho appena avuto sul mio desktop; Non mi sono nemmeno degnato di nasconderlo perché non era nemmeno mia intenzione. Quindi, in quel caso, era come voi mi stanno sessualizzando. Lo stavano rendendo strano perché all'epoca non era nemmeno sul mio radar. È solo pazzesco. È una strada difficile da percorrere.

All'inizio di questa settimana, a un panel dopo la premiere di New York di Nazione assassina , hai discusso brevemente dei tuoi sentimenti riguardo all'essere una donna di colore che occupa spazio nella gang femminile centrale di questo film, che storicamente è stata composta solo da donne bianche. Com'era quella dinamica durante le riprese?

Era complicato. non mentirò. Una volta ho capito che questo film significava più di un semplice oooh, sto per apparire in un film , ero tipo, ok, devo assicurarmi di rappresentare tutti gli altri strambi là fuori come me che normalmente non si sentono rappresentati! Ero un bambino quando vivevo a Londra, ma sento ancora che non abbiamo avuto lo stesso tipo di storia con la tensione razziale ed era molto più diversificata. Ma quando stavo crescendo in Georgia – che è fortemente radicata in quella tensione razziale – c'era così tanta disparità tra le ragazze nere e le ragazze bianche. Quindi, quando ho iniziato a uscire con le persone, le mie esperienze sono state molto quelle in cui ero il token Black. Non ero abbastanza nero per i bambini neri, ma troppo nero per i bambini bianchi. In questo film, mi sembra di interpretare un po' lo stesso ruolo. Non ho fatto trapelare cazzate, non ho fatto cose pazze, ma sono pronto a guidare. Io sono qui e mi sento come se fosse rappresentato.

Voglio dire, in un certo senso vivo sotto una roccia, ma non ho mai visto molti film in cui mi sentivo come se il mio io adolescenziale fosse rappresentato - una ragazza che non fosse esattamente il tuo personaggio nero stereotipato. Questo non è quello che sono. Qui, mi sentivo me stessa, e penso che ci siano molte ragazze che - è strano a dirsi - mi ammireranno per essere quella strana ragazza nera. Ricordo che quando siamo andati al TIFF (Toronto International Film Festival), c'era questa ragazza di colore che era così alternativa e cool. L'ho vista in CVS ed era dietro l'angolo che mi guardava, cercando di capire chi fossi. Poi, immagino che mi abbia riconosciuto e si sia avvicinata a me, e mi ha detto, Oh mio dio, Abra! Sono così entusiasta di vedere questo film. Ti vedrò davvero solo perché mi fai sentire bene nell'essere me stessa, che è questa ragazza nera alternativa. E sai, l'intero movimento è grande su Internet. Ovviamente non sono l'unico. Ma questa è la prima volta che lo vedo sul grande schermo che mi viene in mente e spero di avergli reso giustizia.

Questa intervista è stata modificata e condensata per chiarezza.