Apparentemente i concorrenti LGBTQ+ Love Island pongono troppe difficoltà logistiche

Come Gay Man con la G maiuscola, mi sento a mio agio nell'affermare che sì, possiamo esserlo difficile . Nelle parole di un altro gay iconico, l'unica e unica Joanne Prada, lo siamo puttane disordinate che vivono per il dramma.



Detto questo, mi sento un po' meno a mio agio con l'idea che le persone queer siano così impegnative che non possiamo essere gestite normalmente, o che richiediamo cure speciali in un modo che rende quasi impossibile includerci. Ecco perché, forse, sto lottando con il rapporto che presumibilmente le persone omosessuali stanno posando, ehm , difficoltà logistiche per i produttori del reality show britannico di grande successo L'isola dell'amore .

Parlando con Orari radiofonici all'inizio di questa settimana, Amanda Stavri, commissario della Televisione Indipendente, che produce L'isola dell'amore , ha affermato che il team dietro lo spettacolo di appuntamenti vuole incoraggiare una maggiore inclusività e diversità, ma ha aggiunto che gli isolani gay rappresentano una sfida unica.



C'è una sorta di difficoltà logistica, ha detto, perché sebbene gli isolani non debbano essere etero al 100%, il formato deve in qualche modo dare agli isolani una scelta uguale quando si accoppiano.



Questa affermazione segue i rapporti dell'inizio di quest'anno L'isola dell'amore i produttori presumibilmente stavano facendo uno sforzo per incorporare i concorrenti LGBTQ+ (o Islanders per i superfan) nelle stagioni future.

Mi dispiace, ma devo ridere della linea di difficoltà logistica e del fatto che, invece di confermare il casting di LGBTQ+ Islanders, Stavri ha detto che vogliono avere un cast più diversificato.

Come tutti sappiamo, un desiderio non è necessariamente un'azione diretta, il che significa che è del tutto possibile che l'eccitazione che avevamo inizialmente L'isola dell'amore L'imminente settima stagione sarà prontamente repressa dopo aver visto l'ultima formazione. In effetti, Stavri ha fatto riferimento in modo significativo ai precedenti rapporti sui concorrenti LGBTQ+ come voci sua Orari radiofonici colloquio .

Geremia Bianco su L'isola dell'amore sta facendo passi da gigante per essere più inclusivo La popolare serie di competizioni sta cambiando direzione per la sua prossima stagione. Visualizza storia



Detto questo, il ragionamento sulla difficoltà logistica di Stavri ha un senso. In una normale stagione di L'isola dell'amore , le delineazioni tra chi è una possibilità per un dato concorrente è chiara: ogni donna ha la sua scelta su ogni uomo e viceversa. Aggiungendo concorrenti la cui attrazione può essere diretta verso membri dello stesso sesso (in modo esclusivo o parziale), le cose si complicano naturalmente. Con LGBTQ+ Islanders nella villa, alcuni uomini sarebbero disponibili solo per altri uomini, alcune donne sarebbero disponibili solo per altre donne e altri concorrenti avrebbero la possibilità di scegliere chiunque, indipendentemente dal sesso.

Ma d'altra parte, così è la vita. Se hai intenzione di inserire gli isolani queer nel mix, le persone dovranno solo abituarsi, come si suol dire. Non posso dirti quante volte ho dovuto usare il mio settimo e ottavo senso per capire se un altro ragazzo in uno spazio non esclusivamente queer fosse un membro della comunità di Alphabet. La mescolanza di persone omosessuali e etero fa parte della vita normale; tenere separate queste comunità, come se aggiungere una goccia di stranezza in una ciotola di brodo puro potesse danneggiare fondamentalmente la purezza della zuppa, sembra una segregazione new age.

(Inoltre, sono sicuro che uno spettacolo così popolare e ampiamente visto come L'isola dell'amore ha già incontrato la sua giusta dose di difficoltà logistiche con i suoi concorrenti etero. E come nel caso di qualsiasi altro reality show, sono sicuro che hanno fatto l'unica cosa che potevano fare: affrontarlo di conseguenza.)

A merito di Stavri, non sta affermando che sia completamente impossibile mettere concorrenti etero e non etero sullo stesso reality show di appuntamenti. Nella sua intervista, ha notato che ITV ha già spettacoli con rappresentazione LGBTQ +.

Con i nostri spettacoli di appuntamenti, come Le cabine , c'è molta più diversità sessuale, ha detto. I formati non hanno tante [molte] restrizioni come L'isola dell'amore . Quindi ne siamo molto consapevoli durante la nostra programmazione su ITV.



E inoltre, ogni speranza non è perduta. Più avanti nella conversazione, Stavri ha ribadito la sua precedente dichiarazione, dicendo: Siamo sempre molto attenti alla diversità e all'inclusione e speriamo che lo vedrai quando annunceremo la formazione.

Dato quanto è in corso l'attuale conversazione sulla diversità e l'inclusione L'isola dell'amore ha ruotato attorno alla questione della sessualità, sembra difficile immaginare che Stavri si sarebbe deliberatamente messa in imbarazzo prendendoci in giro così vicino alla rivelazione della formazione. Se la prossima stagione non finisce per includere alcuna rappresentazione queer alla fine, questi piccoli indizi sulla diversità e la conclusione sarebbero davvero molto scadenti.

Inoltre, sembra anche difficile immaginare che un rappresentante di alto profilo di una delle più grandi reti televisive pubbliche britanniche si riferirebbe senza scopo alle persone queer come difficoltà logistiche nell'anno 2021, durante il Pride Month, nientemeno! Ma, bene, eccoci qui.