Tra Ariana, St. Vincent e Dua Lipa, dobbiamo chiederci: era queerbaiting?

Lo scorso fine settimana, l'internet queer, a cui raramente viene data abbastanza cultura pop da masticare, ha organizzato una festa sostanziosa che avrebbe potuto essere servita dalla stessa Judith Butler. Ariana Grande ha pubblicato il suo tanto atteso album grazie, il prossimo e con esso, il video musicale per aver rotto con la tua ragazza, mi annoio. Il finale, che è stato definito un colpo di scena (AKA ciò che ho chiamato la mia sessualità a 21 anni), mostra Grande che si avvicina sulla pista da ballo e sensuale in piscina con una donna che le somiglia in modo inquietante. L'ultima inquadratura mostra loro che stanno per baciarsi, un finale che è stato uno shock per chiunque abbia guardato il video attraverso qualsiasi tipo di lente eteronormativa, pensando che rompere con la tua ragazza significasse solo che lei voleva un incontro casuale con un ragazzo ad una festa. Anche io, uno strano membro del pubblico che lo è sempre fare il tifo perché qualcosa fosse anche minimamente gay, non lo vedeva completamente arrivare.



La mia prima reazione, e quella di molti su Twitter queer, è stata di tifare. E poi io, come altri, ho avuto un molte domande . Era questo il suo modo di dichiararsi bisessuale, queer o qualcos'altro che non fosse etero? O cos'era questo? Poi, ho iniziato a vedere tweet come questo:

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.



Quando momenti benedetti come quello di Ariana grazie, il prossimo album accade, è facile saltare al ritmo (molto di qualità). Ma i video come la rottura con la tua ragazza ispirano un'ulteriore domanda: questa appropriazione della cultura queer (queerbaiting) è da parte di qualcuno che non si identifica come queer? O è questa normalizzazione della cultura queer da parte di qualcuno con una considerevole base di fan LGBTQ+? A volte non ci sono risposte facili, ma ciò non significa che non si debbano porre domande su ciò che è e non è salutare per la nostra comunità.



Come una discussione di gruppo sugli studi di genere al college che non finisce mai, questo fine settimana ha continuato a continuare il mio dialogo interiore. La domenica sera dei Grammy Awards, St. Vincent e Dua Lipa (indossando tagli di capelli abbinati alla Velma Kelly, nientemeno) hanno portato sul palco un'energia davvero bollente che avrebbe fatto uscire anche il membro del pubblico meno consapevole sessualmente un quiz online su Kinsey Scale.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.



Non c'era così tanto della domanda queerbaiting in giro con St. Vincent, che è un artista fuori, queer, ma c'era il tweet occasionali da ragazzi che hanno usato il Wow, ora penso di essere una linea lesbica. Dua Lipa non è queer, ma la sua base di fan, proprio come quella di Grande, si identifica in gran parte in questo modo. La scorsa estate, ha sostenuto i suoi fan omosessuali dopo che, secondo quanto riferito, erano stati presi di mira dalla sicurezza al suo concerto a Shanghai. Ai Grammy, ha condiviso un palco con un'artista queer che ha fatto molto per la visibilità delle donne queer nella musica. E non potevo fare a meno di chiedermi Aspetta, per chi era quello, esattamente? dopo che tutta la polvere si era posata da questo fine settimana. Sembra facile dire che St. Vincent si esibiva per i suoi fan omosessuali, ma non era così chiaro a chi fosse rivolto il video di Grande.

La scorsa estate, Rita Ora e Cardi B hanno affrontato quella resa dei conti quando i loro fan queer hanno chiesto se la loro canzone Girls fosse queerbaiting in una delle sue forme più economiche. Come Fuori rivista ha scritto quindi, il problema non riguardava la stranezza di Ora, ma il modo in cui la canzone sembrava impiegare relazioni omosessuali. Una canzone che presentava l'affetto fisico tra donne ha appena portato a una maggiore confusione tra il pubblico queer che ha visto, più e più volte, intrattenitori usare la queerness per ottenere il favore dei loro fan queer.

Nel 2003, quando la porta del mio armadio era ancora chiusa a chiave e la chiave era nascosta da qualche parte dietro il poster di un Orlando Bloom femminile sul soffitto della mia camera da letto, Madonna, Christina Aguilera e Britney Spears si sono esibite come una vergine ai VMA. Le due pop star allora ventenni hanno baciato una Madonna di 45 anni, vestita da sposo, che, sulla carta, è il sogno di ogni donna queer con mamma fantasie. Ma proprio quando accade il bacio, la telecamera fa una panoramica di Justin Timberlake, l'ex fidanzato della Spears (questi erano i giorni di Cry Me a River), il che implica che i produttori stavano approfittando della reazione dell'uomo etero che vede il suo ex entrare in intimità con un'altra donna. Diventa abbastanza ovvio in questo momento che questo bacio era destinato all'attenzione di tutti tranne che della comunità omosessuale. Questo è successo 16 anni fa, un'età prima di Twitter, ma vale comunque la pena tornare ai primi anni ed essere solo un po' seccato a una premiazione per aver usato un paio di baci strani per le sue valutazioni.

Ci sono anche momenti che possono essere celebrati con un sopracciglio alzato. Nel 2014, Rihanna, l'alta sacerdotessa di chiunque sia omosessuale o etero, e Shakira rilasciato il video musicale di Can't Remember to Forget You, in cui si toccano i corpi quasi nudi. A quel tempo, Bella Qvist ha scritto Il guardiano sul motivo per cui un video come questo offre a coloro che si identificano come bisessuali un motivo per avere alcuni problemi significativi anche con Rihanna.

Ciò che mi colpisce di più, tuttavia, è la parte in cui Rihanna e Shakira cantano 'Farei qualsiasi cosa per quel ragazzo' mentre si toccano la pelle nuda, ha scritto. Mentre sullo schermo il loro uso del lesbismo sembra essere un modo per aumentare l'interesse degli spettatori (questo è ovviamente uno dei trucchi più antichi del libro, pensa a taTu), nel backstage entrambi parlano apertamente di come si stanno succhiando lo stomaco nel tentativo di uscire -sesso a vicenda.



Qvist stava ponendo una domanda cinque anni fa che dovrebbe rimanere centrale nella mente di tutte le persone queer amanti della cultura pop oggi: viene fatto per dare alle persone queer una piattaforma e per far avanzare le loro storie e la loro arte, o semplicemente per ottenere visualizzazioni video o suscita curiosità? Oggi abbiamo Hayley Kiyoko e il re principessa; abbiamo Brandi Carlile cantando le dure aspettative che gli etero danno alle persone omosessuali sposate. Questi sono artisti queer che vogliono fare musica e dire le loro verità attraverso la loro arte e lo fanno deliberatamente. In Party of One, Carlile canta dei problemi reali che devono affrontare le persone omosessuali sposate. Kiyoko canta della sensazione familiare di amare una ragazza con un fidanzato (per più ragioni oltre al semplice fatto che è annoiata). King Princess ha spiegato i suoi sentimenti di amore strano non corrisposto nel 1950.

Mentre prendiamo in considerazione tutta questa arte, abbiamo il diritto di entrare su Twitter, parlare con i nostri amici e avere quella discussione in circolo da studi di genere su ciò che facciamo e non ci piace. Se la cultura andrà avanti in un mondo in cui le Ariana Grande del mondo stanno facendo colpi di scena sulla sessualità, allora possiamo avere una piccola voce in capitolo sul fatto che ci piace la trama generale in primo luogo.