Beyoncé rimuoverà una lirica abilista dal Rinascimento

La mossa arriva dopo che Lizzo ha rimosso un insulto simile dai suoi testi.
  INDIO CA APRILE 14 Beyonce Knowles si esibisce sul palco durante il 2018 Coachella Valley Music And Arts Festival Weekend 1 a... INDIO, CA - 14 aprile: Beyonce Knowles si esibisce sul palco durante il 2018 Coachella Valley Music and Arts Festival Weekend 1 all'Empire Polo Field il 14 aprile 2018 a Indio, California. (Foto di Larry Busacca/Getty Images per Coachella ) Larry Busacca/Getty Images

Questo articolo è apparso originariamente su Glamour UK.



Beyoncé ha annunciato che correggerà un 'insulto abilista' nei testi di una canzone sul suo nuovo Rinascimento album.

Viene dopo che la superstar globale è stata criticata per l'uso del termine 'sp**' nella sua canzone, 'Heated' - 'Sp***in' on that ass, sp** on that ass - un termine colloquiale offensivo derivato dal termine medico 'spastico' o 'spasmo', che si riferisce agli spasmi muscolari persone con esperienza di paralisi cerebrale. La canzone faceva parte del suo nuovo album, Renaissance, uscito lo scorso venerdì 29 luglio.



Si crede, secondo L'indipendente , che l'uso colloquiale di questa parola è generalmente inteso come più offensivo nel Regno Unito rispetto agli Stati Uniti , dove ha sede Beyoncé. Tuttavia, è considerato globalmente offensivo nei confronti delle persone con disabilità, secondo il blogger sui diritti dei disabili the Esploratore a rotazione .



Non passò molto tempo prima che gli attivisti della disabilità sottolineassero l'inadeguatezza del testo. Warren Kirwan, media manager di Scope, un ente di beneficenza per disabili, ha notato l'uso da parte del cantante del 'termine profondamente offensivo' e lo ha definito 'spaventoso'. Hannah Diviney, una scrittrice australiana, Disabilità e diritti delle donne, ha detto che i testi di Beyoncé sono sembrati 'uno schiaffo in faccia' a se stessa e alla comunità disabile.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina da.

'L'impegno di Beyoncé nella narrazione musicalmente e visivamente non ha eguali, così come il suo potere di fare in modo che il mondo presti attenzione alle narrazioni, alle lotte e all'esperienza vissuta sfumata dell'essere una donna di colore - un mondo che posso capire solo come alleato e non ho desiderio di oscurare', ha scritto Diviney per il sito australiano, Vita . 'Ma questo non giustifica il suo uso di un linguaggio abilista, un linguaggio che viene usato e ignorato troppo spesso'.



Per fortuna, sembra che Beyoncé e il suo team abbiano risposto prontamente al contraccolpo e faranno ammenda del tanto atteso settimo album solista della star. Il termine offensivo verrà sostituito, ha confermato a Sky News un addetto stampa di Beyoncé, aggiungendo che non è stato 'usato intenzionalmente in modo dannoso'.

Beyoncé al momento non ha rilasciato direttamente una risposta.

È da notare che, come ha evidenziato Hannah Diviney nel suo tweet, non è passato molto tempo da quando Lizzo è stata criticata per un uso simile del stesso compie termine nella sua canzone 'GRRRLS'. Ha continuato a sostituirlo con la frase 'tienimi indietro'.

“Mi è stato riferito che c'è una parola dannosa nella mia nuova canzone 'Grrrls'. Lasciami chiarire una cosa: non voglio mai promuovere un linguaggio dispregiativo', ha risposto Lizzo su Instagram in quel momento.