La California potrebbe presto offrire prodotti mestruali a tutti gli studenti universitari, indipendentemente dal sesso

Un innovativo disegno di legge della California spera di rendere l'accesso ai prodotti mestruali universale per tutti gli studenti universitari.



Introdotto dal membro dell'Assemblea Cristina Garcia (D-Bell Gardens), il disegno di legge 367 dell'Assemblea imporrebbe che i campus universitari dei college comunitari della California e all'interno del sistema della California State University (CSU) forniscano prodotti per il periodo gratuito agli studenti del campus. La legislazione ha un potenziale impatto su oltre 100 università in tutto lo stato, inclusa la University of Southern California (USC), che conta più di 47.000 studenti da sola.

La legislazione è stata guidata da attivisti con Free the Period, una coalizione guidata da studenti che rappresenta le scuole di tutto lo stato. Audin Leung, co-fondatrice dell'iniziativa, afferma che si è riunita dopo che gli studenti della loro alma mater, l'Università della California, a Davis, hanno fatto pressioni sull'amministrazione per fornire risorse mestruali in tutti i bagni del campus.



Fa davvero la differenza sapere che abbiamo accesso ai prodotti mestruali durante la giornata scolastica, perché così possiamo concentrarci sui nostri accademici e non doverci preoccupare se abbiamo le risorse per soddisfare questi bisogni corporei di base, Leung, che si è laureato in la scuola quest'anno, racconta loro . per telefono. Forniamo gratuitamente carta igienica, sapone e tutte queste altre necessità di base per il bagno, ma non forniamo gratuitamente prodotti per il ciclo mestruale.



UC Davis ha fornito solo finanziamenti parziali per mettere prodotti come assorbenti e tamponi nei bagni del campus, nonostante il fatto che Leung affermi che gli studenti hanno offerto prove chiare che illustrano perché erano così necessari. Gli attivisti hanno rifornito i servizi igienici della scuola per un anno e gli studenti che hanno utilizzato questi prodotti hanno affermato di aver salvato la vita nei momenti di bisogno, secondo Leung.

Data la domanda, Free the Period ha deciso di puntare ancora più in alto.

Abbiamo detto: 'Se i nostri amministratori non soddisfano pienamente le nostre esigenze, dobbiamo portarlo al top', afferma Leung. Quindi siamo andati alla legislatura dello stato della California. In questo periodo, ci stavamo collegando con tutti questi altri studenti e organizzazioni in tutto lo stato, che avevano anche spinto per l'accesso ai prodotti mestruali nelle loro scuole. Siamo diventati rapidamente una coalizione in tutto lo stato dalla nostra iniziativa di piccolo campus.



Quella costruzione di ponti ha portato all'AB 367, che è stato accolto con il sostegno di un'ampia gamma di politiche pubbliche e gruppi di difesa da quando è stato introdotto a febbraio. I sostenitori includono organizzazioni come Black Women for Wellness Action Project, Alliance for Girls, California Latinas for Reproductive Justice, The Pad Project e Period Equity.

L

Libera il periodo

Jennifer Weiss-Wolf, co-fondatrice di Period Equity, afferma che il disegno di legge è necessario per affrontare quella che lei chiama una crisi nascosta tra gli studenti universitari. Un sondaggio di febbraio condotto da Università George Mason ha rilevato che più di 1 intervistato su 10, ovvero il 14%, non ha avuto accesso ai prodotti mestruali ad un certo punto dell'ultimo anno. Questi numeri erano ancora più alti per gli studenti neri e latini: il 19% e il 24,5% degli intervistati di questi rispettivi gruppi hanno espresso difficoltà a ottenere risorse adeguate.

I sostenitori spesso si riferiscono a questo fenomeno come alla povertà del periodo e Weiss-Wolf afferma che è peggiorato ulteriormente a causa del COVID-19.

Durante la pandemia, non solo abbiamo assistito a una crisi che ha prosciugato le reti di sicurezza, racconta loro . Le scuole sono state chiuse e i rifugi sono stati prenotati. Alcuni sono addirittura off-limits; non sono diventati al sicuro. Tutto ciò che era difficile nella vita prima della pandemia è infinitamente più difficile durante la pandemia.



Sebbene una manciata di altri stati negli Stati Uniti abbia adottato misure per affrontare l'accesso ai prodotti mestruali per gli studenti delle scuole medie e superiori, AB 367 è tra i primi a riconoscere le esigenze particolari degli studenti universitari. E altrettanto fondamentale, la legislazione rivoluzionaria imporrebbe il posizionamento di prodotti gratuiti per il periodo in tutti i bagni del campus, indipendentemente dal sesso.

Leung, che non è binario, dice che è importante riconoscere che non tutte le mestruazioni sono donne e non tutte le donne hanno le mestruazioni. In un giorno al liceo in cui non avevano un prodotto mestruale, Leung ha tentato di modellare un assorbente improvvisato con la carta igienica, solo per farlo sbrogliare ed essere esposto mentre correva tra le lezioni.

Anche gli uomini trans e le persone non binarie hanno le mestruazioni, dicono, e devono affrontare barriere uniche per accedere all'assistenza sanitaria mestruale.

Ecco perché anche i gruppi pro-LGBTQ+ hanno sostenuto l'adozione dell'AB 367, che attende il voto in aula del Senato della California dopo passare all'unanimità l'Assemblea nel mese di giugno. Lo racconta l'ACLU della California meridionale loro . in un'e-mail che la legislazione rimuove una barriera significativa per le donne, gli uomini transgender e le persone di colore non binarie che sono spesso danneggiate dalla povertà del ciclo, mentre Equality California afferma che è una questione di equità e dignità umana fondamentale.

'Tutti dovrebbero avere accesso ai prodotti per l'igiene di base, indipendentemente da chi siano o da quanti soldi guadagnino', afferma il direttore legislativo di Equality California Tami A. Martin in una dichiarazione a loro . Siamo profondamente grati al membro dell'Assemblea Garcia per aver guidato su questo tema e per aver assicurato che le persone trans e non binarie siano incluse in questa importante legislazione.

Se la legislazione dovesse passare al Senato e essere firmata in legge dal governatore della California Gavin Newsom, affronterebbe ogni aspetto della crisi che colpisce le persone che hanno le mestruazioni. In una e-mail a loro ., The Pad Project ha invitato i legislatori ad eliminare definitivamente la tassa sugli assorbenti interni, come lo è la California uno dei circa 30 stati negli Stati Uniti che addebita l'imposta sulle vendite per i prodotti mestruali. Gli americani pagano un media di 150 milioni di dollari l'anno in imposta sui prodotti mestruali, secondo le stime.

Newsom ha emesso un ordine esecutivo nell'ottobre 2019 ha inibito temporaneamente l'imposta sugli assorbenti interni per un periodo di due anni che termina il 31 dicembre 2022, ma deve ancora essere completamente abrogata con un'azione legislativa.

Molti sostenitori vorrebbero vedere stati come la California abbracciare l'esempio della Scozia, che l'anno scorso è diventato il primo paese al mondo per fare prodotti mestruali gratuitamente ai residenti. Secondo Weiss-Wolf, la Scozia ha offerto come parte del suo pacchetto legislativo un buono in base al quale se hai bisogno di assistenza, il governo ritiene sua responsabilità assicurarsi che te li mettano nelle mani.

Tamponi Tampax visti in negozio. Oltre 11.000 persone firmano una petizione chiedendo prodotti per il periodo neutrali rispetto al genere La petizione, soprannominata #RenameDontShame, chiede ai negozi di eliminare i riferimenti ai prodotti per l'igiene femminile. Visualizza storia

Non è solo una sfida, dice. Sono pile di sfide che qualcuno deve affrontare per qualcosa di specifico, realizzabile e raggiungibile come un pad.

Anche i legislatori federali hanno iniziato ad affrontare la questione dopo l'introduzione del Legge sull'equità mestruale per tutti , un disegno di legge presentato a maggio dalla rappresentante della Camera degli Stati Uniti Grace Meng (D-N.Y.). Oltre a offrire finanziamenti federali agli stati per espandere l'accesso ai prodotti mestruali nelle scuole, impone anche risorse gratuite per il periodo nelle carceri, nei rifugi per senzatetto e in tutti gli edifici federali.

Sapendo quale grande impatto hanno queste risorse sulle persone di ogni ceto sociale, Leung spera di vedere presto i leader statali e nazionali intraprendere un'azione decisiva.

Se i prodotti mestruali fossero disponibili in tutti i bagni e onnipresenti come la carta igienica, il sapone o qualsiasi altro accessorio per il bagno, dicono, farebbe un'enorme differenza per chi è considerato il benvenuto in uno spazio pubblico.