Come queste iconiche rom-com hanno rotto il mio uovo

Le rom-com non mi rendevano necessariamente trans, ma erano un regno fantasy cruciale e una fonte di rifugio per me poiché mi sentivo sempre più a disagio con l'identità che mi era stata assegnata alla nascita.
  Come queste iconiche RomCom hanno rotto il mio uovo Jamie Edel

'T4T' è il luogo in cui le persone trans possono parlare tra loro direttamente, dal cuore, senza dover renderci leggibili alla società cis. Qui racconteremo storie che centrano la nostra gioia e il nostro piacere, la nostra rabbia e la nostra resilienza, le nostre stranezze, i nostri sogni, il nostro amore. Qui, nessuna esperienza o idea è troppo di nicchia o troppo stravagante: ci preoccupiamo di ciò che ti interessa. Leggi di più dalla serie qui .




Come donna trans, sono stata a lungo ossessionata dal tropo cinematografico del montaggio del makeover. Li abbiamo visti tutti un milione di volte: le scene Il diavolo veste Prada dove Anne Hathaway, precedentemente agnostica alla moda, impara a trasformare un look, o la fine Il Club della colazione quando Ally Sheedy si trasforma da outsider gotica a ragazza femminile della porta accanto. Le commedie romantiche, in particolare, spesso dipendono da queste scene in cui un personaggio viene completamente riavviato, la loro bellezza interiore ora è visibile al mondo esterno, un processo che desideravo tanto nella mia vita ma che non ho mai ricevuto.

Ho dovuto prendere in mano il mio genere invece di farmi dire da qualcun altro chi ero; non c'era polvere di fata per trasformare il mio corpo o aiutare a realizzare la mia identità, nessuna nonna monarca perduta da tempo a dirmi che in realtà sono stata una principessa per tutto il tempo. L'idea del restyling potrebbe essere una fantasia, ma come tante fantasie, può distorcere la tua percezione o aspettative sulla tua stessa vita. In realtà, ci vogliono anni di pratica per imparare il trucco e l'equilibrio femminile; ci vuole confusione per diventare il tuo io più vero.



Cresciuta negli anni '90 e 2000 come una donna trans chiusa, le commedie romantiche sembravano essere l'apice culturale della femminilità, quindi le ho consumate segretamente a palate, senza mai far sapere ai miei amici che ero una cantante di Nancy Meyers a porte chiuse. In pubblico, ho deriso i 'colpetti da pulcino'. In privato, mi sono trovata attratta da attrici come Meg Ryan e Julia Roberts, che erano il tipo di donne che volevo essere: intelligenti e scrittrici, sexy ed emotive, molto più che semplici amanti degli uomini.



E così, sebbene le commedie romantiche non mi rendessero necessariamente trans, erano un regno fantasy cruciale e una segreta fonte di rifugio per me poiché mi sentivo sempre più a disagio con l'identità che mi era stata assegnata alla nascita.

La prima commedia romantica che ho amato in un certo senso che era legato al mio genere era 13 in corso 30 , un film generalmente sulle lotte della pubertà femminile. Jenna (Jennifer Garner) è scontenta della sua vita da adolescente e si sente esclusa dalle ragazze popolari, quindi esprime il suo famoso desiderio di essere 'trenta, civettuola e prospera', manifestando una vita futura fantastica in cui è una delle ragazze popolari, una sofisticata creatrice del gusto la cui mente ancora adolescente è sconvolta dalle tette ormai adulte. L'idea di una trasformazione corporea istantanea, di diventare una donna adulta completamente cresciuta con poco più che polvere magica e forza di volontà, mi ha attratto come donna trans chiusa che voleva essere completamente diversa, sia nel modo in cui mi vedevo, ma anche nel modo in cui altri mi hanno percepito.

L'ho capito presto 13 in corso 30 era solo la punta dell'iceberg quando si trattava di rom-com con il proprio tipo di miracolose trasformazioni di genere. All'inizio, questi cambiamenti magici portano paura e insicurezza per i personaggi, ma alla fine consentono qualcosa di simile all'euforia e all'autorealizzazione. A volte è un letterale cambiamento soprannaturale e fisico, come l'adolescenza notturna in cui Jennifer Garner sperimenta 13 Proseguendo 3o, o semplicemente un completo restyling al I diari della principessa .



Altre commedie romantiche esplorano il sentimento di rimpianto per non aver potuto rifare la tua vita precedente, o che il tuo vero io è nel passato, in attesa di essere recuperato. Anche questi temi sono quasi dolorosamente toccanti per gli spettatori come me. In Mai stato baciato , Drew Barrymore ha l'assurda possibilità di rivivere la sua traumatizzante esperienza al liceo, questa volta nei panni di una bella ragazza popolare sicura di sé.

Rifacendosi deliberatamente alle opere di Shakespeare, così spesso affascinato dalle implicazioni emotive e metaforiche di travestimenti e maschere, dietro c'è un pesante sottotesto Mai stato baciato ruminazioni sull'autenticità e l'onestà. A un certo punto, una volta che Josie è stata accettata dalle ragazze popolari, le hanno persino detto che è 'completamente passata', da una delle mille perdenti a una delle ragazze più calde e ricercate della scuola. “Sei entrato nel nostro gruppo. Alcune persone passano il liceo cercando di passare e non ce la fanno mai', le dice a bruciapelo.

Ma il più trans rom-com a cui mi sono aggrappato da bambino I diari della principessa , che per molti versi riguarda letteralmente l'esperienza di avere il tuo 'uovo rotto', il termine gergale che usiamo spesso per il momento in cui ci si rende conto di chi sono veramente - e non si può mai tornare indietro.

Quando Mia ( Anne Hathaway ) scopre di essere una principessa, la sua impressione della sua vita e di se stessa va completamente in frantumi e alla fine diventa una versione molto più completa di se stessa, ma non senza dover condensare un programma lungo anni di presentazione ed elocuzione femminile in un corso accelerato.

Per quanto l'autorealizzazione possa aprire la tua vita e consentire nuova crescita e opportunità, è anche terrificante vedere il tuo intero mondo cambiato e Mia all'inizio nega la sua vera identità. A un certo punto, esclama: 'Passi 15 anni della tua vita pensando di essere una persona, e poi in cinque minuti scopri di essere una principessa', il che racchiude la sensazione che penso che molti di noi trans sentire in un primo momento: una sorta di amarezza per non arrivare a vivere una vita “normale” e dover adeguare o cambiare le nostre aspettative sulla realtà.



I diari della principessa non è nemmeno sottile sul fatto che Mia si trovi in ​​una specie di 'armadio' mentre cerca di proteggere la sua identità reale dal resto del mondo: più personaggi scherzano su come è stata 'scoperta' dopo che i suoi segreti sono stati svelati pubblicamente. Una volta che le altre persone hanno la conoscenza di chi è veramente, è impossibile per lei negarlo più a lungo e finalmente abbraccia tutte le possibilità che derivano dal vivere come il tuo sé autentico.

Naturalmente, l'età d'oro delle commedie romantiche degli anni '90 e 2000 riguarda tanto le prestazioni di razza e classe quanto il genere. Per quanto avrei potuto proiettare sulla sua storia, la sua paura principale è qualcosa a cui quasi nessuna persona trans può entrare in modo comprensibile: rinunciare alla sua autenticità in cambio di infinite ricchezze e potere statale.

Sebbene il senso di sé a cui arrivano questi film sia alquanto limitato, il viaggio che descrivono può ancora essere riconoscibile. Tutti noi dobbiamo ritrovarci in un modo o nell'altro, a bilanciare la propria auto-percezione con chi il mondo vuole che tu sia, e questo è esattamente il cuore di film come 13 in corso 30 , I diari della principessa , e Mai stato baciato.

In quanto spettatori queer e trans, dobbiamo fare queste letture sottotestuali di film che sono ancora cisheterminative perché sullo schermo c'è stato così poco spazio per le nostre vite reali. Spero che un giorno a Hollywood ci sia una vera commedia romantica transgender - non solo una rappresentazione simbolica vuota per riempire una quota di diversità, ma film che usano i tropi molto queer del genere, dalla trasformazione delle fiabe allo scambio di corpi, ai cambi di identità shakespeariani, a racconta storie intime e oneste su come le persone trans vivono relazioni romantiche, che ci danno tanto spazio alla fantasia quanto alla realtà.