Architettura contemporanea

Hunter & Hunter

9 pezzi di piccola, incredibile architettura che devi vedere

Hai mai sentito parlare dell'architettura del cane? Non credo proprio. accedere Nanotecture: Tiny Built Things , una collezione stimolante di 300 opere di architettura contemporanea su piccola scala tra cui strutture portatili, trasportabili e gonfiabili, nonché padiglioni, installazioni, capannoni, capanne, case sugli alberi e, naturalmente, architettura a misura di cane.



Da questo libro di ampio respiro, completo e inclusivo sull'architettura su piccola scala, abbiamo scelto le nove piccole cose costruite più interessanti tra cui fare clic.



Immagini e testo estratti da Nanotecture: Tiny Built Things di Rebecca Roke, Phaidon, £ 14,95.

Inizia dall'inizioMostrarePagina

PlayLAND, LIKE Architects

PlayLAND, LIKE ArchitectsFotografia di Dinis Sottomayor

Questo set di tre interventi spaziali colorati e rimbalzanti è costituito da dozzine di camere d'aria gonfiate. Creata per O Mundo ao Contrário, un evento creativo di una settimana che ha trasformato una tranquilla città portoghese in un parco giochi artistico, l'installazione immersiva assume tre stati diversi: un palcoscenico per spettacoli, una torre a forma di silo e un piccolo tunnel per i bambini. play in. Allontanato dal consueto contesto acquatico, ogni galleggiante da spiaggia funge da elemento di costruzione modulare che si monta facilmente e consente di creare una struttura leggera e luminosa composta da oggetti funzionali, altrimenti simbolici del divertimento estivo.

MostrarePagina 3

D-Tunnel, Kenya Hara

D-Tunnel, Kenya HaraHiroshi Yoda



Il D-Tunnel è stato progettato da Kenya Hara ed è una delle tredici opere di architettura del cane, un'iniziativa giocosa guidata dall'Hara Design Institute e dal Nippon Design Center che ha incaricato importanti architetti e designer di creare un'architettura a misura di cane. Tagliati da due fogli di compensato, i dodici pannelli e i tre montanti in legno del D-Tunnel vengono semplicemente avvitati insieme e agiscono come un 'modificatore di scala', un apparato architettonico che ha lo scopo di correggere lo squilibrio di dimensioni tra esseri umani e animali. In questo caso, il tunnel è progettato specificamente per un barboncino in tazza da tè e consente al cane di salire quattro piccoli gradini al riparo al suo interno per incontrare il suo umano all'altezza degli occhi.

MostrarePagina 4

Casa sull'albero con mirroring, Tham e Videgård Arkitekter

Casa sullÅke E: figlio Lindman / Lindman Photography

Parte del complesso eco-turistico Tree Hotel in Svezia è una scatola di vetro a specchio, di soli 4 metri cubi (39 & frac12; cu ft), che è costruita attorno a un tronco di pino e vi si accede da un ponte di corda lungo 12 metri (13 ft) sospeso da alberi vicini. Riflettendo l'ethos di Tree Hotel, la cabina è una tregua per due che è progettata per fondersi con la foresta, la fauna selvatica e il cielo circostante e offrire viste panoramiche sul paesaggio remoto dalle sei finestre e dalla terrazza sul tetto. Incorniciata in alluminio, la facciata a specchio contrasta con il minuscolo interno in compensato chiaro, che ospita un letto matrimoniale, un bagno e un soggiorno.

MostrarePagina 5 I membri della comunità LGBTQ + condividono le loro storie personali di coming outEssenziale I membri della comunità LGBTQ + condividono le loro storie personali di coming outLeggi di più Sei abitudini che tutti i leader mentalmente forti hanno in comune e come adottarleAuto-miglioramento Sei abitudini che tutti i leader mentalmente forti hanno in comune e come adottarleLeggi di più Ho intrapreso unEssenziale Ho intrapreso un'esplorazione pluriennale in tutto il mondo per onorare la mia defunta madreLeggi di più

Sling Swing, Studio WMB, Toronto

Sling Swing, Studio WMB, TorontoEd Butler

Parte del progetto annuale Winter Stations che trasforma le stazioni dei bagnini sulla Woodbine Beach di Toronto, lo Sling Swing è stato uno dei cinque progetti selezionati e rivede l'idea di una rilassante sedia a sdraio estiva in un'opera d'arte pubblica invernale. Seguendo il tema della competizione del `` calore '', le sue strisce di tela arancione brillante sono sospese da una griglia di pali d'acciaio che circondano la stazione e creano ventuno `` imbracature '' in cui le persone possono oscillare, rannicchiarsi o semplicemente sedersi e contemplare la vista sul mare . Quando non sono occupati, i passanti del tessuto ondeggiano al vento per creare una banderuola vibrante e molto animata.

MostrarePagina 6

Walden, Nils Holger Moorman

Walden, Nils Holger MoormanHunter & Hunter



Concepito nello spirito del romanzo di Henry David Thoreau, Walden: O, la vita nel bosco , questo progetto del designer di mobili Nils Holger Moorman, è un luogo in cui trascorrere del tempo all'aperto nella natura. Il capannone sovradimensionato è rivestito in strisce verticali di legno, con speciali nicchie ritagliate su ogni lato per gli attrezzi da giardino, nonché per un grande calderone da fuoco, catasta di legna, grondaie retrattili per proteggere dal sole e dalla pioggia e persino una casetta per gli uccelli. Ritagliata dal centro di Walden c'è una cabina a due posti per riposarsi, leggere o intrattenersi, ammantata da una tenda rossa. Un'altra nicchia contiene una scala stretta che conduce a un tetto apribile.

MostrarePagina 7

Veasyble, GAIA

Veasyble, GAIAVeasyble Photo Collection / Alessandra Cinquemani

Esposti alla Istanbul Design Week 2009, questi gusci indossabili sono progettati per trasformarsi da un accessorio in uno schermo per la privacy, offrendo a chi li indossa l'opzione per una maggiore intimità nella loro vita quotidiana. Formati di carta tagliata e piegata accoppiata a polietilene e tessuto, ciascuno dei quattro 'schermi' della serie - una visiera, una gorgiera, una borsa e una maschera - proteggono diverse parti del corpo. Le opere si basano su GAIA L'osservazione di ambienti domestici e urbani sempre più popolati e di come la nostra idea di spazio personale possa essere alterata in risposta all'aumento della densità urbana.

MostrarePagina 8 Questi sono i marchi che si pronunciano a sostegno dellStile e moda Questi sono i marchi che si pronunciano a sostegno dell'uguaglianza razzialeLeggi di più 6 consigli degli esperti per gestire i tuoi soldi durante il Coronavirus6 consigli essenziali degli esperti per gestire i tuoi soldi durante il CoronavirusLeggi di più Ho iniziato a dire ai miei amici che li amo e questo è quello che è successoEssenziale Ho iniziato a dire ai miei amici che li amo e questo è quello che è successoLeggi di più

Bucky Bar, DUS Architecten / Studio for Unsolicited Architecture

Bucky Bar, DUS Architecten / Studio for Unsolicited ArchitectureSO Architects

Ispirato alle cupole geodetiche ad alta efficienza energetica di Richard Buckminster Fuller, il Bucky Bar era un'installazione di strada e un bar di breve durata a Rotterdam, realizzato interamente con ombrelli rossi interconnessi raggruppati attorno a un lampione. La forma ottagonale degli ombrelli si avvicina felicemente alle regole geodetiche ideate da Fuller, consentendo a questo oggetto comune di trasformarsi in una pelle di trazione modulare che si estendeva su diverse centinaia di festaioli e poggiava su due punti autoportanti. Sebbene la polizia locale abbia chiuso il bar la sera stessa in cui è stato allestito, il rifugio temporaneo ha trasmesso l'interesse degli architetti per il potere di soluzioni architettoniche spontanee e pratiche per gli ambienti urbani.

MostrarePagina 9

Ciao House, OOF! Architettura con Rose Nolan

Ciao House, OOF! Architettura con Rose NolanNiente Granleese

In contrasto con i suoi vicini interni-suburbani, molti dei quali risalgono all'epoca vittoriana, questa casa contemporanea con due camere da letto offre un cordiale saluto a tutti coloro che passano. Progettato da OOF! Architettura in collaborazione con l'artista Rose Nolan, il muro di mattoni bianchi enuncia la parola 'CIAO' a tutta altezza lungo la sua facciata principale. Ciò conferisce al progetto un volto audacemente allegro alla strada, fornendo privacy domestica ai suoi abitanti. Solo una stretta finestra verticale che perfora la 'O' offre uno scorcio della casa e dello studio creativo all'interno, che è un semplice padiglione per il lavoro e il riposo.

MostrarePagina 10

Serpentine Pavilion 2002, Toyo Ito

Serpentine Pavilion 2002, Toyo ItoJerome W Haferd e K Brandt Knapp

In collaborazione con l'ingegnere Cecil Balmond e ARUP, Toyo Ito è stato il terzo architetto ad essere incaricato dalla Serpentine Gallery per il suo padiglione estivo annuale. Sebbene i complessi triangoli e trapezi del padiglione sembrino essere una composizione casuale di acciaio e vetro, il design era sostenuto da una chiara intenzione: trasformare il più umile dei volumi architettonici: una scatola. La sua semplice geometria cubica era attraversata da una rete di linee e incroci, che sono stati poi costruiti come lame d'acciaio di supporto verniciate di bianco, intersecate da un motivo a scacchi di pannelli di vetro e alluminio inseriti.