Daniela Vega è una donna fantastica: perché non è stata nominata come migliore attrice?

quando Una donna fantastica ha vinto il premio come miglior film straniero agli Academy Awards di domenica, ho provato una fitta di amarezza per il fatto che Daniela Vega, la cui singolare interpretazione porta il film attraverso l'intero spettro delle emozioni umane in poco più di 90 minuti, non fosse stata nominata come migliore attrice, in particolare in un anno in cui la competizione non sembrava la più feroce (la vincitrice finale, Mildred Hayes di Frances McDormand, sembrava multidimensionale solo quando è stata colpita dal suo ex marito). La performance sincera e resiliente di Vega è stata paragonabile o maggiore dell'analogo outsider con il cuore spezzato di Sally Hawkins in La forma dell'acqua , non è necessario alcun realismo magico. Se l'atteggiamento dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences nei confronti del lavoro internazionale, dei film in lingua straniera e dei ruoli di genere non fosse scrupolosamente bloccato nel 1950, probabilmente ci saremmo svegliati ieri mattina con una migliore attrice transgender. In un anno definito dall'Accademia mancato avvio di uomini marci e coltivare un'appartenenza che rifletta il pubblico, questo non è un bell'aspetto.



Più ci pensavo, più mi sembrava ipocrita che l'attrice cilena non fosse stata almeno nominata per la categoria. Negli ultimi anni, Eddie Redmayne e Jared Leto hanno ottenuto nomination agli Oscar e fiacchezza meritata — per aver interpretato le donne trans nelle migliori contendenti. Prima di allora, Felicity Huffman ha ottenuto un premio come migliore attrice per la sua interpretazione di una donna trans in tarda età in The Weinstein Company's Transamerica . La regola pratica dell'Academy sembra essere: se vuoi essere riconosciuto per i tuoi avvincenti personaggi trans, non essere trans.

Mentre quello di Sebastian Lelio Una donna fantastica vinto domenica sera, il peso del dramma e anche una parte del suo inizio, grava esattamente sulle spalle di Vega. Il film è un tranquillo esercizio guidato dal personaggio in La legge di Queer Murphy. La splendida Marina Vidal (Vega) — cameriera di giorno, talentuosa cantante di cabaret di notte — è una donna trans che festeggia un altro anno di vita. Il suo fidanzato benestante, Orlando (Francisco Reyes), la preleva dal club di cabaret per festeggiare. È una sequenza invidiabilmente premurosa, piena di dessert a lume di candela, un piano per una vacanza insieme alle cascate dell'Iguazú e fare l'amore esibizionistico davanti a lastre di vetro. Mentre si preparano ad andare a letto, tutto ciò che può andare storto comincia a succedere: Orlando subisce un aneurisma. La storia passa da quella di una coppia felice e non ortodossa a quella di una donna, costantemente disprezzata per la sua differenza. Dopo aver portato Orlando al pronto soccorso, Marina si appoggia al muro dell'ospedale, sconvolta mentre attende la notizia. Un cartello accanto a lei recita sottilmente zona sporca , indicando il luogo in cui i materiali taglienti e a rischio biologico vengono scartati. In poche righe, Lelio illustra come Marina, una volta sola, sia trattata come spazzatura da molte delle persone che incontra. Ciò include il dottore che fornisce la cattiva notizia che Orlando è morto, con tanto di giudizio.



Con così poco tempo a disposizione per il lutto, Marina viene lasciata a raccogliere frettolosamente i pezzi che non le vengono strappati via da un assalto di estranei, e alla fine diventa ossessionata dall'idea di trovare due piccole cose che sembrano ancora loro, come la sua : i biglietti per le cascate del Niagara che il suo ragazzo ha in qualche modo smarrito prima della sua morte (presumibilmente rinchiuso da qualche parte), e il suo amato pastore tedesco. Come ha scritto Woolf Orlando , Finché pensa a un uomo, nessuno si oppone al pensiero di una donna. Oltre alla realtà della transfobia in Cile (un paese in cui si stima che il 95% delle donne trans lavorare nel commercio del sesso a causa della dilagante discriminazione occupazionale in altri campi), A Donna fantastica fa sedere spettatori femminili di ogni genere con lo scomodo promemoria di quanto spesso siano legati agli uomini i nostri mezzi di sussistenza.

Una donna è retroilluminata da uno specchio di cortesia.



Ancora da Una donna fantasticaSony Pictures Classici

Da quando il film è stato presentato in anteprima a Berlino lo scorso febbraio, il regista cileno ha instancabilmente riconosciuto che Vega, originariamente assunto come consulente per il film che Lelio era riluttante a realizzare, è diventato rapidamente il cuore e l'anima del suo quinto lungometraggio. Quando l'ho incontrata, era tutto. L'ho amata. Abbiamo parlato per due ore e sono rimasto sconvolto dalla sua intelligenza, dalla sua complessità, dalla sua bellezza e spirito, da quanto fosse politica e aggraziata allo stesso tempo, Lelio ha detto a Deadline lo scorso novembre. Siamo diventati amici, parlando per un anno e all'improvviso senza accorgercene, la sceneggiatura ha iniziato ad assorbire elementi provenienti da Vega. Nel mezzo del processo di scrittura, ho capito, sì, volevo fare il film. Non ce l'avrei fatta senza un'attrice trans e ad un certo punto ho appena capito che era Marina, era lei. Vega ha fatto aspettare Lelio tre giorni prima di dire di sì, e non senza chiamarlo pazzo un paio di volte.

Vega è eccezionale nel trascinare lo spettatore dalla beatitudine alla malinconia con un battito di ciglia e una mascella serrata. È un ruolo introspettivo che l'attrice ha imparato nel suo primo lungometraggio. Nel film del 2014 di Maurício López Fernández La visita (l'ospite) , Vega interpreta una figlia che indossa abiti maschili al funerale di suo padre; controlla lo sguardo dello spettatore picchiandolo su di esso, guardando se stessa allo specchio della camera da letto con totale disinteresse.

Contenuto



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Fortunatamente, la generosità di Vega nell'invitare lo spettatore a guardare e sentire con lei non è stata del tutto sottovalutata: ha ricevuto i riconoscimenti come migliore attrice dai Fénix Awards, dai Caleuche Awards, dall'Havana Film Festival e dall'International Cinephile Society. Ma il plauso nei paesi più conservatori fa sì che gli Oscar snobbano ancora di più la triste situazione del cinema americano. Non è un grande segreto che la cerimonia sia sempre stata la principale conferenza di pubbliche relazioni di Hollywood, ma le scelte dell'Academy hanno ancora molta influenza. Questo gruppo di persone imposta il corso per le nostre abbuffate di film a casa; esercita pressioni sui festival cinematografici affinché forniscano sempre titoli di contendenti; contrappone titoli stranieri, queer e POC l'uno contro l'altro per le nomination 'token'; e inevitabilmente ha un impatto sulla programmazione che appare nei nostri cinema locali e sulle nuove code di uscita di Netflix. Quando l'Accademia ignora volontariamente una delle performance più acclamate del 2017 , sta effettivamente raccontando una bugia condiscendente: che il pubblico, per qualsiasi motivo, non può gestire film in lingua straniera o non capirà la storia. Questo non è tagliarlo. In quanto cinefili e queer nell'era dello streaming online, sembra controintuitivo dire che dobbiamo lavorare attivamente per trovare e accedere alla ricchezza di film che ci darà sostentamento o una buona risata vecchio stile a buon mercato. L'Accademia non lo farà per noi.

Il consiglio dei governatori dell'Academy, che ha il compito di ridurre l'elenco dei film che andranno a votare l'ultima parola agli elettori dell'Accademia prevalentemente bianchi, maschi e notoriamente invecchiati, sembrava essersi reso conto dell'errore di giudizio alla fine di febbraio, annunciando che Daniela Vega avrebbe introdotto l'esecuzione di Sufjan Stevens di una canzone dei Chiamami col tuo nome colonna sonora, come se i pochi minuti di contenuto LGBTQ+ dell'Oscar potessero essere convenientemente condensati. I pochi secondi di trasmissione di Vega segnano la prima volta che una persona trans è stata una presentatrice agli Oscar; non avrebbe dovuto volerci così tanto tempo. Piuttosto che aprire veramente la strada nominando una donna trans come migliore attrice, l'Academy ha scelto di collocare Vega in un ruolo con cui molte persone queer sono fin troppo familiari: marginale, piuttosto che centrale.

In un anno caratterizzato da eccezionali film LGBTQ+ che sono stati girati al di fuori di Hollywood e esclusi dalla considerazione degli Academy Awards, incluso il film biografico ACT-UP vincitore di Cannes e César BPM (battiti al minuto) , il thriller lesbico norvegese Thelma e vincitore del Sundance Il Paese di Dio , ora sembra il momento ideale per riconsiderare cosa significhi desiderare il tipo di rappresentazione limitata che gli Oscar ci offrono, e se sia il momento di considerare altri mezzi per difendere i film e attori come Daniela Vega che ci fanno sentire sviscerati, ringiovaniti, o - semplicemente - fantastico. Questi film, come Una donna fantastica , spesso iniziano in piccolo, ottenendo supporto attraverso festival cinematografici modesti e sviluppando followership attraverso i canali social e le pagine Kickstarter (una ricerca Kickstarter regolarmente programmata risulta in un numero di film LGBTQ+ i cui registi non si preoccupano di vincere; vogliono semplicemente essere visti). Come riferito dalla stessa Vega a Lelio, l'uomo che alla fine sarebbe diventato il suo regista durante un primo incontro, il problema è che sono così pronto per il mondo ma il mondo non è pronto per me; Non so di chi sia la colpa.

Sara Fonseca è un saggista e scrittore di film delle colline della Georgia che vive a New York City. I suoi scritti sono apparsi in Bitch Flicks, cléo: a journal of film and femminism, IndieWire, Posture Magazine e Slate. Si gode una colazione equilibrata di drammi guidati da donne, cinema queer sperimentali e film d'azione di successo.