Incontrare un uomo gay è difficile, avere una paralisi cerebrale lo rende più difficile

Kyle W. Ankney

Kyle W. Ankney

Superare i confini della sessualità vivendo con una grave disabilità

Kyle Ankney, 15 ottobre 2019 Condividi Tweet Flip 0 azioni

Guardando indietro alla tua vita, riesci a individuare il momento in cui ti sei sentito come se fossi entrato nella tua?



Forse puoi, forse non puoi. Forse sei sempre stato il tipo di persona con un senso del sé ben sviluppato. Anche se vorrei poter dire che quest'ultima era vera per me, per trovare il mio personale senso di sé, ho dovuto prima superare un paio di barriere sociali piuttosto significative.



RELAZIONATO: I migliori siti di incontri gay e LGBTQ +

Per iniziare, sono nato con una paralisi cerebrale, che mi ha lasciato in sedia a rotelle dall'età di 11 anni.


Che cos'è esattamente la paralisi cerebrale?




La paralisi cerebrale (PC) è un gruppo di disturbi che influenzano la capacità di una persona di muoversi e mantenere l'equilibrio e la postura. Può verificarsi prima, durante o dopo la nascita e ci sono una manciata di diversi tipi di paralisi cerebrale. Il più comune? Paralisi cerebrale spastica, un tipo che colpisce i movimenti muscolari e la coordinazione.

Il livello di PC può variare da lieve a grave in una persona. Spesso, quelli con paralisi cerebrale più grave hanno anche altre disabilità composte, che a volte influenzano anche la loro funzione cognitiva.


Vivere la vita con la paralisi cerebrale


Non ho avuto molti amici crescendo, ma non è perché sono stato vittima di bullismo per avere la PC. Ho sempre preferito la compagnia degli adulti. Il mio capo mi ha persino detto che sono una vecchia anima bloccata nel corpo di una diva & hellip; il che ha senso. L'idea di giocare in una sandbox è sempre stata disgustosa per me.



Ma avere CP ha fatto sentire il mio corpo ancora più vecchio della mia anima. Non provo un dolore costante, ma posso sentire i miei limiti tanto quanto gli altri possono vederli. Vivere la mia vita quotidiana su una sedia a rotelle non mi ha mai infastidito e, invece, le mie frustrazioni sono sempre state per le piccole cose.

Aprire una bottiglia d'acqua, ad esempio, mettere il cibo su una forchetta in un modo che è più aggraziato di un uomo delle caverne preistorico o usare un asciugacapelli con una mano mentre mi spazzolo i capelli con l'altra. La destrezza e le limitazioni motorie fini sono le mie più grandi sfide quotidiane. Il lato sinistro del mio corpo è molto più utile del destro, il che non è molto di cui lamentarsi & hellip; cioè, finché non avrai bisogno di due mani per fare qualcosa.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Kyle Ankney (@kyleankney) l'11 gennaio 2019 alle 9:03 PST

Etichettare semplicemente me stesso come disabile è qualcosa di molto in fondo alla lista quando si tratta della mia identità. In effetti, una delle cose migliori è che non solo ho CP, ma sono anche un uomo gay.

La mia sessualità non era esattamente un'epifania che avevo quando attraversavo le porte del mio liceo tanti anni fa, ma una volta capito che non era una fase, non sapevo cosa fare. Quello che sapevo era che non ero pronto ad affrontarlo.

Dopo molti anni e innumerevoli ricerche su Google che hanno richiesto l'eliminazione della cronologia, mi sono reso conto di aver compiuto 21 anni con una vita sociale inesistente. Il peso della mia disonestà interna stava diventando ogni giorno sempre più un fardello, e c'era un'ovvia connessione tra il mio essere chiuso nell'armadio e la mia incapacità di connettermi con gli altri.



Probabilmente sarei uscito prima, ma non mi sarei mai immaginato nemmeno di essere in una relazione. Chi vorrebbe uscire con me, il ragazzo con paralisi cerebrale? Ricordo di aver pensato: 'Chi si farebbe carico di tutte queste stronzate extra?' Nessuna persona sana di mente vorrebbe uscire con qualcuno di cui devono tagliare il cibo, tanto meno fare sesso con loro '.

Pensieri del genere mi hanno lasciato senza autostima, senza fiducia nel mio aspetto o un sistema di supporto per dirmi che ero abbastanza bravo. Dopo un po ', ho capito che l'unico modo per sollevare il morale era essere onesto con me stesso e anche con il mondo.

Qui inizia il mio viaggio di autoaccettazione, e una volta iniziato e ho iniziato ad accettare me stesso per la persona che sono, anche gli altri lo hanno fatto.

Ho fatto amicizia, ho avuto appuntamenti e quella paura di fondo di morire vergine è molto lontana da me. Sono persino arrivato al punto di prendere parte a un servizio fotografico di nudo nel tentativo di superare i miei problemi di immagine corporea.

Questo non vuol dire che non ho ancora giorni in cui torno a essere quell'adolescente perso e solitario senza amici. Ci sono momenti in cui mi chiedo perché qualcuno sarebbe interessato a me, o se sarò mai abbastanza.

La differenza è che ora, rifletto su queste domande mentre indosso camicie trasparenti e jeans attillati mentre vado a farmi una manicure. Ora vivo da solo, utilizzando l'assistenza di caregiver che vengono per alcune ore al mattino e alla sera. Mi aiutano a entrare e uscire dal letto, fare la doccia, vestirmi e così via. Sono solo il resto della giornata mentre sono al lavoro, pienamente in grado di gestire me stesso, con qualcuno che mi aiuta per la mia routine notturna.

Non mentirò e dirò che è facile. La mia vita richiede una pianificazione costante. Dover coordinare il mio programma con quello di un caregiver è una sfida sufficiente, per non parlare del caos che è il servizio di trasporto pubblico che sono costretto a utilizzare per il ritiro e la riconsegna. Fondamentalmente, penso sempre alla prossima cosa che devo fare prima ancora di iniziare il primo compito della mia giornata.


Come uscire con la paralisi cerebrale


La mia mancanza di fiducia in me stesso è la prima cosa che mi ostacola quando si tratta di essere un uomo disabile durante gli appuntamenti. A volte lotto ancora con il mio corpo e quei pensieri negativi rendono difficile navigare in un mondo abbastanza duro anche senza la mia diagnosi.

È anche importante sottolineare qualcosa: le persone con disabilità sono prevalentemente desessualizzate e non romantiche nella società.

Mi è stato detto che confondo le persone. Le persone ovviamente vedono la sedia a rotelle, ma una volta che scoprono anche che sono gay, non sanno cosa fare della situazione. E non posso nemmeno dirti quante volte mi è stato chiesto se la mia spazzatura funziona. La risposta breve? Sì.

Francamente, gli appuntamenti sono stati davvero difficili. Ci sono molte barriere e sfide da superare e, sfortunatamente, molti ragazzi non ne parlano. Certo, ci sono i ragazzi che ci hanno veramente provato, accomodanti quando si tratta di me su una sedia a rotelle e cose del genere, ma se tengo il punteggio, ho avuto solo una relazione a distanza (per poco meno di un anno) da quando è uscito.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Kyle Ankney (@kyleankney) il 28 novembre 2018 alle 11:15 PST

Ad essere onesti, non ho mai avuto più di quattro appuntamenti con nessuno in tutta la mia vita. È passato così tanto tempo che non riesco nemmeno a ricordare l'ultima volta che sono uscito con qualcuno. Sono a questo punto strano in cui ho il terrore del rifiuto, ma mi piacerebbe anche provarci senza darmi un cazzo.

Quando tutto è stato detto e fatto, questa è la mia vita. Sono un gay con paralisi cerebrale e ho capito che tutto quello che posso fare è svegliarmi e cercare di essere la versione migliore e più autentica di me stesso che ci sia.

Mi sento come se stessi fallendo, ho solo bisogno di ricordare a me stesso che il fallimento non è altro che uno stato d'animo e di continuare a girare il culo. Troverò il mio posto e la mia persona, non importa quanto tempo ci vorrà.

Potresti anche scavare: