Il dottor Fauci elogia il coraggio e la dignità della comunità gay accanto a Mike Pence

Il dottor Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, ha riconosciuto l'incredibile coraggio, dignità e forza della comunità gay mentre era in piedi accanto al vicepresidente Mike Pence durante una conferenza stampa alla Casa Bianca martedì.



Mentre si discute di come Il COVID-19 sta uccidendo i neri americani a tassi sproporzionatamente alti , il dott. Fauci ha fatto confronti tra l'attuale pandemia di coronavirus e la crisi dell'HIV/AIDS per quanto riguarda il modo in cui influenzano le comunità minoritarie.

Gran parte della mia carriera è stata definita dall'HIV/AIDS', ha affermato il dottor Fauci, che ha ricoperto la sua posizione dal 1984. Durante quel periodo, c'era uno straordinario stigma, in particolare contro la comunità gay. È stato solo quando il mondo ha capito come la comunità gay ha reagito a questa epidemia con incredibile coraggio, dignità, forza e attivismo... Penso che questo abbia davvero cambiato parte dello stigma contro la comunità gay.



Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.



Fauci ha dato il suo indirizzo accanto a Pence, per cui è noto da tempo sostenere la legislazione anti-LGBTQ+ e gravemente maltrattato un focolaio di HIV nella contea di Scott, nell'Indiana, quando era governatore dello stato. Mentre l'epidemia di HIV/AIDS continua a colpire in modo sproporzionato queer Uomini neri e latini e donne trans , con una stima di 38.000 nuove infezioni da HIV all'anno, la crisi ha raggiunto il picco a metà degli anni '80 quando ci fu un stimato 130.000 nuove infezioni da HIV .

Il dottor Fauci ha continuato a notare somiglianze tra il coronavirus e la crisi dell'AIDS. Le disparità di salute sono sempre esistite per la comunità afroamericana, ha affermato. Con la crisi [del coronavirus], sta facendo luce su quanto sia inaccettabile. Non è che vengano infettati più spesso, è che quando vengono infettati, le loro condizioni mediche di base - il diabete, l'ipertensione, l'obesità, l'asma - sono il genere di cose che li fanno finire in terapia intensiva e alla fine dare loro un tasso di mortalità più alto.

Un nuovo rapporto Vox delinea esattamente quanto siano drastici i tassi di mortalità tra le popolazioni afroamericane. Da martedì, I neri costituivano il 33% dei casi nel Michigan e il 40 per cento dei decessi, pur essendo solo il 14 per cento della popolazione dello stato, scrive la giornalista Fabiola Cineas. In Illinois, i neri si sono inventati 42 per cento delle vittime ma costituiscono solo il 14,6 per cento della popolazione dello stato. A Chicago i dati sono ancora più gravi: i neri rappresentato il 68 per cento delle vittime della città e oltre il 50% dei casi, ma rappresentano solo il 30% della popolazione totale della città.



Il 3 aprile, rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez ha scritto in un tweet quella parte del motivo per cui il coronavirus sta devastando le comunità nere e marroni è perché il bilancio cronico di riduzioni, razzismo ambientale, divario di ricchezza, ecc. SONO condizioni di salute sottostanti.

Il sollievo COVID dovrebbe essere redatto con una lente di riparazione, ha concluso.


Come il coronavirus sta cambiando le vite degli omosessuali