Trascina Race Down Under Brushes sulla storia di Blackface del concorrente

Se si scoprisse che qualcuno in lizza per essere la prossima drag superstar americana ha una lunga storia di esibizioni razziste, le conseguenze potrebbero sembrare molto diverse da quelle affrontate dalla drag queen australiana Scarlet Adams in Drag Race Down Under questa settimana.



Dopo le rivelazioni che il 28enne si è esibito non solo in blackface , ma con un burqa, un vestito aborigeno e altro, RuPaul le ha a malapena dato una pacca sul polso nell'episodio del 29 maggio dello spin-off australiano. Allo stesso tempo, Scarlet ha continuato un tour di scuse che sembra allo stesso tempo sincero ma anche inutilmente sprezzante.

In passato, così come molte altre regine, ho fatto blackface prima di cui mi pento davvero, ha detto Scarlet mentre le regine si truccavano in laboratorio verso l'inizio dell'episodio. (In un video di Facebook caricato lo scorso marzo, dopo che le immagini offensive sono apparse inizialmente, Scarlet promesso assumermi la responsabilità delle cose che ho fatto in passato.)



Nonostante questa promessa, Scarlet sembrava minimizzare - o almeno scusare in parte - le sue azioni passate Drag Race Down Under . Non sapevo niente di meglio, non che sia una scusa, ha aggiunto nella scena di apertura del laboratorio. È difficile disimparare cose che sono radicate in te da bambino.



Sulla passerella, Ru ha fatto solo una breve dichiarazione in risposta: sono sicuro che ci sono persone che vorrebbero che ti cancellassi, proprio qui in questo momento. Ma preferirei che questa fosse una lezione di umiltà e responsabilità. Prego che tutti noi possiamo imparare e crescere dai nostri errori.

Lasciando cadere Scarlet così facilmente, RuPaul ha perso un'importante opportunità per far avanzare la conversazione sulla caricatura razzista nella cultura australiana.

Il fatto che Scarlet sia una tra le tante regine australiane non suona come una presa di responsabilità personale, ma indica anche un problema culturale più ampio: infatti, non è nemmeno l'unica regina in questa stagione inaugurale di Drag Race Down Under le cui azioni razziste sono recentemente emerse. Karen di Finanza ha anche chiesto scusa per una collezione di bambole razziste che aveva accumulato fin dall'infanzia e alla fine si era tatuata sul corpo. Le bambole e il tatuaggio, che da allora ha coperto, raffigurano una caricatura di uno spettacolo di menestrelli anti-nero.



Indipendentemente dal fatto che Ru avesse dovuto infliggere o meno una punizione concreta a una delle due regine, per lo meno avrebbe potuto trasformare le controversie in momenti insegnabili. Offrendo invece a Scarlett una redenzione facile e non guadagnata, Ru ha sfiorato un'importante conversazione invece di utilizzare la piattaforma fornita dallo spettacolo per farla avanzare. Piuttosto che prendere una posizione scomoda come ambasciatore culturale – e uno strano ambasciatore nero per giunta – Ru ha spazzato tutto sotto il tappeto.

I critici hanno anche suggerito che Scarlet sia colpevole di più malizia di quanto affermi. La regina indigena Felicia Foxx, che condiviso una presentazione dei costumi offensivi di Scarlett su Instagram, ha sottolineato che si tratta di più di un semplice look o di un giovane interprete che non sa niente di meglio. Gli abiti razzisti sembrano aver fatto parte dello schtick di Scarlet per un po' di tempo.

Capisco perfettamente che le persone commettono errori e crescono da loro, Felicia ha scritto il suo post. Ma una volta che continui a prendere per il culo numerose culture in varie occasioni dopo che sei stato chiamato fuori [è] preoccupante e decisamente volgare.

Molti fan dello spettacolo hanno deplorato quanto casualmente RuPaul abbia respinto la storia delle esibizioni razziste di Scarlett, soprattutto dato il contesto culturale australiano.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

La cosa più australiana di Drag Race Down Under è che almeno una regina ha fatto blackface (più di una volta), ha scritto un altro utente di Twitter .

È vero che la faccia nera e altre forme di menestrello culturale sono state storicamente percepite in modo diverso in Australia, dove solo il 3% della popolazione si identifica come indigeno.

La dominazione bianca qui sembra così naturale che i bianchi non la riconoscono, anche se è sconvolgentemente evidente per gli estranei, ha scritto David T. Smith, docente senior presso lo United States Studies Center presso l'Università di Sydney, in un 2016 New York Times editoriale intitolato Perché non è Blackface Taboo per gli australiani?

L'eredità della supremazia bianca in Australia non è la croce infuocata e il cappuccio bianco, ha scritto Smith. È il lusso della spensieratezza bianca.

Ma una resa dei conti più solida con il razzismo delle prestazioni dei menestrelli è in corso in Australia almeno nell'ultimo decennio.

Molti considerano La condanna pubblica di Harry Connick Jr. di Blackface in un talent show nazionale molto apprezzato nel 2009 per essere un punto di svolta nella conversazione culturale del paese. Questo era ben prima della storia documentata di Scarlet di costumi appropriati e addirittura razzisti, che secondo quanto riferito si estendeva dal 2012 al 2016.

È anche impossibile ignorare che la polemica è avvenuta nella quasi totale assenza di persone non bianche nello spin-off a parte Ru. Giù sotto l'evidente mancanza di melanina si estende anche al Pit Crew e al pannello dei giudici. Al momento della stesura di questo articolo, tutti i restanti concorrenti sono bianchi. La regina eliminata Etcetera Etcetera, che è libanese-australiana, ha offerto la risposta più tagliente alle azioni di Scarlet e alle sue non scuse.

Il razzismo casuale nella conversazione è molto diverso [dal] dipingere la tua faccia in blackface ed eseguire un numero per soldi, hanno detto a Scarlett in laboratorio. Molte scene di drag sono estremamente razziste.

Hanno continuato, vedo drag queen che dicono: 'Era solo uno scherzo, devi superarlo'. [Ma] le persone di colore e le persone trans stanno ancora affrontando la violenza ogni singolo giorno a causa dell'oppressione sistematica in cui viviamo, [ e non è uno scherzo per me.

Etcetera ha anche sottolineato il potenziale vuoto delle scuse di Scarlet se non sono accompagnate da azioni concrete: andando avanti, ci dovrebbero essere molti passaggi di riparazione, e non solo dire che sei dispiaciuto, ma fare cose per dimostrare che scusa, hanno detto.

La palla è ora nel campo di Scarlet e molti fan si aspettano una dimostrazione di rimorso più significativa dopo che RuPaul non è riuscito a fornire un momento di resa dei conti più genuino.