È morto un paziente del Texas 'gravemente immunocompromesso' con il vaiolo delle scimmie

È la prima persona negli Stati Uniti a morire dopo aver contratto il virus.
 Virus del vaiolo delle scimmie. Collezione Smith/Gado/Getty Images

Un uomo gravemente immunocompromesso è la prima persona negli Stati Uniti a morire dopo aver contratto il virus del vaiolo delle scimmie (MPV), i Centers for Disease Control and Prevention confermato martedì. Lo ha affermato il Dipartimento dei servizi sanitari statali del Texas in una dichiarazione rilasciata sul loro sito web che l'uomo, la cui identità non è stata rilasciata pubblicamente, è morto il 28 agosto.



I funzionari hanno notato che stanno attualmente indagando sul ruolo svolto da MPV nella morte dell'uomo, poiché viveva con più malattie al momento della sua morte, secondo un comunicato stampa dalla sanità pubblica della contea di Harris. Il comunicato rileva inoltre che è in corso un'autopsia e i risultati saranno resi disponibili nelle prossime settimane.

'Il vaiolo della scimmia è una malattia grave, in particolare per coloro che hanno un sistema immunitario indebolito', ha affermato nella dichiarazione il dott. John Hellerstedt, commissario del DSHS. 'Continuiamo a esortare le persone a cercare un trattamento se sono state esposte al vaiolo delle scimmie o se hanno sintomi compatibili con la malattia'.



Sia la contea di Harris che l'agenzia statale hanno esortato le persone a contattare i propri fornitori di servizi sanitari in caso di problemi sintomi del vaiolo delle scimmie , che includono un'eruzione cutanea, febbre, brividi e linfonodi ingrossati. Inoltre, le persone con MPV dovrebbero rimanere a casa ed evitare il contatto con gli altri.



L'annuncio di martedì segna uno dei 15 decessi noti in tutto il mondo legati all'epidemia in corso, secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie , con oltre 48.000 casi segnalati finora in tutto il mondo.

Attivisti e sostenitori hanno criticato la risposta lenta degli Stati Uniti all'epidemia in corso, che è stata caratterizzata da un mancanza di investimenti nei vaccini, informazione pubblica sul virus, e test disponibili . Questo mese, il governo federale ha annunciato che sta esplorando una nuova strategia per allungarla scarsa fornitura di vaccini . Il metodo controverso, basato su un singolo studio, prevede l'uso di un quinto della dose di vaccino raccomandata e la somministrazione intradermica, appena sotto lo strato superiore della pelle, piuttosto che per via sottocutanea, o nello strato di grasso sotto la pelle. Sebbene questo metodo si sia dimostrato efficace per altri vaccini, come la poliomielite e la rabbia, alcuni operatori sanitari hanno espresso preoccupazione sul fatto che questa dose sia sufficiente per le persone immunocompromesse, soprattutto data la potenziale sovrapposizione di uomini con MPV che hanno anche l'HIV .