Combattere le nozioni di mascolinità tossica in una classe di arti marziali miste trans-inclusive

Quando mi sono avvicinato per la prima volta a un edificio dall'aspetto abbandonato a New York City nella speranza di frequentare la mia prima lezione di MMA, mi sono ritrovato a girare per la zona, alla ricerca di altre persone che avrebbero potuto frequentare la stessa classe gratuita per donne e persone non binarie. Si stava facendo buio. I miei palmi hanno iniziato a sudare e il mio cuore ha iniziato a battere forte. Ho ricontrollato l'indirizzo sul volantino. Era questo.



Ho esaminato la mia lista di controllo della difesa interna: sono una donna trans e sono già stata confrontata in pubblico sul mio genere in precedenza, quindi sono sempre in guardia e consapevole delle mie potenziali vulnerabilità. Ho tenuto la borsa vicino al mio corpo per ridurre la quantità di area su cui si poteva aggrapparsi. Ho spinto il mento verso il basso per proteggere il collo e lasciare meno faccia aperta a un attacco. Guardavo dritto davanti a me e mi preparavo a individuare qualsiasi movimento improvviso nella mia periferia.

Poi mi sono reso conto che stavo sfruttando le capacità di autodifesa per iscrivermi a un corso di autodifesa.

Stavo affrontando una paura andando a Palestra Pop è una lezione settimanale gratuita di MMA per donne, trans, studenti non conformi al genere e non binari. Non era viaggiare da solo mentre ero omosessuale ciò di cui avevo paura; Stavo tornando in un ambiente che non è mai stato accogliente né per me né per altre persone omosessuali, in uno sport che rafforzava la transfobia interiorizzata con cui sto ancora lavorando oggi.



Alla fine, qualcuno si è presentato con una borsa da palestra e un libro che ho riconosciuto dalla sezione LGBTQ+ della libreria. Ero nel posto giusto. Un'altra persona è arrivata con i pantaloncini da Muay Thai. Ci salutarono, attaccarono un cartello sulla vecchia porta segnata dalle intemperie ed eravamo dentro.

Dall'esterno, avevo pensato che stessimo entrando in un magazzino abbandonato, quindi sono stato sorpreso di entrare in quella che sembrava qualcosa tra una scena di Parigi sta bruciando e la fine di Entra nel drago . C'erano specchi, lampadari, pareti dipinte con murales. Potevo sentire la strana magia ovunque. Ho iniziato a immaginare di essere in una versione LGBTQ+ di un film di Bruce Lee. Già, sono stato venduto.

L'istruttore si è presentato come Grey, usando i pronomi loro/lui. Sono rimasto sbalordito. Questa persona, che indossava abiti da arti marziali, con in mano una borsa piena di impacchi da boxe e kick pad Muay Thai, voleva conoscere i miei pronomi e si è presentata con i propri.



Questo è stato uno shock culturale. Non molto tempo fa stavo tentando di convincere i miei amici e la mia famiglia che ero felice del genere maschile che mi era stato assegnato alla nascita. Nella mia mente, c'era una lista di controllo di tutto ciò che mi era stato insegnato ad essere per essere accettato come un normale uomo cisgender; per me, ciò significava creare un personaggio aggressivo e ipermascolino. Le arti marziali miste erano il mio metodo preferito per raggiungere questo obiettivo.

Anche solo guardare la parte di un combattente allenato è stato un salto nell'aspetto ipermascolino che stavo cercando di sfoggiare. Una testa rasata, bicipiti definiti, un collo spesso da lottatore e peli sul viso erano la linea di base. Il mio tono di voce era simile a quello di un istruttore di esercitazione senza plotone. Ho lasciato alla maggior parte delle persone l'impressione che a un certo punto saremmo finiti in una rissa. È stato perfetto.

Ho trascorso la maggior parte dei miei 20 anni cercando di essere il combattente più forte e veloce che potevo essere. Andrei in bicicletta per chilometri fino alla palestra. Una volta arrivato lì, avrei avuto un contatto completo con più avversari. Sono stato un maestro nei calci al fegato di Bas Rutten, nei takedown a doppia gamba di Georges St. Pierre e nella protezione in gomma di Eddie Bravo.

Essere un combattente era un modo per convincere me stesso e il resto del mondo che ero una persona mascolina, un uomo cis che apparteneva alla società tradizionale. Il mio obiettivo finale era combattere nell'UFC, credendo che nessuno sarebbe stato in grado di mettere in discussione la mia mascolinità se avessi combattuto per affrontare le persone nell'Ottagono.

Avanti veloce verso la persona femminile e pienamente realizzata che sono oggi. Non ho bisogno di uno sfogo per dimostrare il mio genere. La mia miscela unica di femminilità e mascolinità è più potente di qualsiasi presa di sottomissione o gancio destro che potrei mai lanciare. La mia autenticità di fronte alle continue avversità è più impavida che sfidare l'avversario più duro nella gabbia.



Al massimo, un combattimento MMA dura 25 minuti. Combattere le norme culturali oppressive è una battaglia che dura tutta la vita. Nella gabbia, tutto ciò che devi fare è toccare. Non c'è modo di sfruttare la discriminazione.

Alla lezione di MMA, Gray si è assicurato di includere persone di tutte le identità di genere. Non riuscivo a sentire le prime istruzioni di esercizio perché uno dei miei compagni di classe mi chiedeva consigli di transizione sulla depilazione. Ho seguito l'esempio degli altri studenti in un cerchio dove abbiamo camminato intorno al tappeto da wrestling portatile. Non ho potuto fare a meno di esercitarmi nella moda sotto il gigantesco lampadario.

Questo era molto lontano dall'ambiente tossico delle MMA a cui ero abituato. Aspettavo di essere travisata, o che la mia femminilità fosse vista come una debolezza. La mia mente ha ripetuto i commenti transfobici da Le interviste di Joe Rogan su Fallon Fox , un combattente di MMA transgender. Ho pensato a Dana White, la presidente dell'UFC, che ha tenuto un discorso a sostegno di Donald Trump alla nomina presidenziale repubblicana. Mi sono ricordato dell'esistenza del alt-right MMA fight club che stanno spuntando sempre più in tutto il mondo.

Nessuna di queste cose era presente alla Pop Gym. Grey, che mi ha ricordato quasi tutti i membri dei Power Rangers originali, ci ha guidato attraverso diverse tecniche di Muay Thai e jiu jitsu brasiliano e pratiche fughe di autodifesa per diverse situazioni. Mi sono ritrovato a insegnare al mio compagno di allenamento come prendere il sopravvento mentre arrampicavo con un attaccante a terra.

Non mettevo piede su un tappeto da wrestling da otto anni. Ho sempre amato la partita a scacchi che si svolge tra due avversari che sono altrettanto abili nelle MMA, e avevo perso i legami che si formano dopo aver sfidato il tuo corpo e la tua abilità con qualcuno. È difficile per me trovarlo in qualsiasi altro sport. Non mi rendevo conto di quanto lo desiderassi.

Andare alla Pop Gym mi ha dato la possibilità di affrontare le mie paure e rivisitare uno sport che è stato per me fonte di traumi fisici ed emotivi. Mi ha dato la possibilità di dimostrare a me stesso che le MMA non devono essere tossiche o transfobiche. Ancora più importante, le lezioni consentono alle persone queer e trans di sentirsi più sicure.

Per quanto strano possa sembrare, aiuta ricordare che uno sport in cui l'obiettivo è rendere qualcuno incosciente non è necessariamente di genere, almeno in teoria. Un gancio destro non è maschile e una gogoplata non è femminile. Sono semplicemente gli stessi di pelle, capelli e top all'americana. Seguire questo corso mi ha aiutato a capire che stavo proiettando il genere sulle MMA. Stavo creando un problema prima ancora di entrare in palestra: ogni volta che lo facevo, portavo con me gli ideali eteronormativi che stavo cercando di sfuggire. Volevo ferire le persone e volevo che le persone facessero del male a me. Volevo che qualcuno soffocasse i ruoli di genere che mi erano stati imposti. Ho visto ogni persona che mi ha ferito dall'altra parte dei miei pugni. Essendo stato assegnato maschio alla nascita, questo era l'unico modo in cui sapevo come far uscire il dolore: con la violenza. Ma non più.

Ho intenzione di tornare alla Pop Gym per praticare le mosse di arti marziali che una volta usavo come simbolo di mascolinità. Tornerò allo sport senza la tossicità che usavo in precedenza per nascondere la mia stranezza. Puoi trovarmi bloccato su uno strozzatore nudo posteriore senza sesso e lanciare i calci al fegato più strani che tu abbia mai visto. Posso essere femminile o maschile quanto voglio e ridefinire cosa significa essere fisicamente forti senza riguardo per le norme sociali.

Un pugno e un calcio alla volta, supererò la mascolinità tossica.