Il finale eccessivamente pulito di Find Me non è all'altezza di chiamarmi con l'eredità del tuo nome

Attenzione: spoiler per Find Me di André Aciman di seguito.



Chiamami col tuo nome , il film vincitore dell'Oscar 2017 su una vorticosa storia d'amore estiva tra un diciassettenne di nome Elio e Oliver, il 24enne che resta a casa sua un'estate come studente in visita, sarà per sempre noto per una cosa. No, non è la pesca piena di sborra che l'Oliver di Armie Hammer no mangiare dopo averlo trovato accanto ad un Elio supino (Timothée Chalamet). Piuttosto, è la sequenza di quattro minuti a inquadratura singola che chiude il film, in cui l'Elio di Chalamet siede davanti a un camino con le lacrime che gli rigano il viso mentre Sufjan Stevens Le tenere visioni di Gideon risuonano dolcemente in sottofondo.

Sebbene la scena sia senza parole, Chalamet, uno dei migliori attori della sua generazione, è in grado di catturare così tanto attraverso le sue lacrime. La tristezza e la fitta del desiderio che prova in quel momento, avendolo appena appreso per la prima volta vero l'amore potrebbe essere sposare qualcun altro - una donna, a questo - è palpabile. Nella scena, Chalamet apparentemente raccoglie tutto il dolore del mondo, comunicando così tanto con così poco. Molte persone pensavano che da solo sarebbe bastato per assicurare al giovane attore la statua d'oro agli Academy Awards 2018.

Benchè Chiamami col tuo nome , il libro di André Aciman del 2007 che ha ispirato il film di Guadagnino, in realtà non ha Timothée a sua disposizione, presenta una scena in qualche modo simile. In esso, Oliver racconta a Elio faccia a faccia del suo imminente matrimonio, durante un ritorno in vacanza in Italia diversi mesi dopo la loro iniziale separazione. Nel libro Elio non ha lo spazio per scomporsi, ma attraverso la sua narrazione in prima persona fa capire che la notizia lo turba.



Entrambi i casi evitano un lieto fine stucchevolmente sdolcinato senza passare per una vera tragedia, come tante altre narrazioni queer. La graduale disintegrazione del rapporto tra Elio e Oliver sembra vissuta e autentica. Dopo 200 pagine, noi lettori sappiamo quanto fossero forti i sentimenti di Elio durante la sua prima storia d'amore. Ma come nel caso di molti primi amori, anche la perdita gioca un ruolo importante. Le persone vanno e vengono. Vanno avanti con le loro vite; sposano persone che non sono te e forse hanno anche figli.

Elio, che ha solo 17 anni, vive per la prima volta questa perdita. Ma sia Aciman che Guadagnino trovarono la bellezza in quella perdita. Riesce a crescere. Come Oliver, anche lui ha l'opportunità di andare avanti e imparare dalla sua esperienza. È per questo che il discorso seminale che il padre di Elio, il signor Perlman, pronuncia sia nel libro che nel film suona così vero. Strappiamo così tanto di noi stessi per essere curati dalle cose più velocemente di quanto dovremmo che falliamo all'età di trent'anni e abbiamo meno da offrire ogni volta che iniziamo con qualcuno di nuovo, dice. Ma non provare niente per non provare niente, che spreco!

Alla fine di Chiamami col tuo nome , Elio e Oliver rappresentavano qualcosa di più di una semplice coppia da favola. Ora, con il nuovo finale presentato in Trovami , rischiano di diventare stereotipi.



In Trovami , il tanto atteso seguito di Aciman Chiamami col tuo nome (ora fuori da Farrar, Straus e Giroux), Aciman minaccia di distruggere quell'eredità legando la storia di Elio e Oliver con un inchino pulito. Dopo aver fatto un lavoro così straordinario illustrando la bellezza che si può trovare nella perdita di un primo amore in Chiamami col tuo nome , Aciman si accontenta di una favola da manuale che termina nel suo sequel.

a differenza di Chiamami col tuo nome , raccontato interamente dal punto di vista di Elio, Trovami , che è diviso in quattro parti, è raccontato dalla prospettiva di tre diversi personaggi: prima dal signor Perlman, poi dallo stesso Elio, poi da Oliver e infine di nuovo Elio. Ognuno si svolge in un periodo di tempo diverso e racconta una storia individuale su quel dato personaggio. Aciman è ancora principalmente interessato all'imprevedibilità dell'amore. Ma mentre la storia d'amore centrale è in Chiamami col tuo nome viene gradualmente costruito nel corso di un paio di centinaia di pagine, il formato quasi racconto di Trovami fa sembrare queste narrazioni affrettate, in un modo quasi pruriginoso.

Trovami inizia con l'incontro casuale del signor Perlman con una donna molto più giovane su un vagone della metropolitana, in cui le chiede in modo invadente, perché così cupo? Invece di essere spenta, alla fine lo invita a casa di suo padre per un pasto e finiscono per sistemarsi insieme. Nella parte di Oliver, l'accademico un tempo testardo viene presentato come un maldestro, che invita in modo un po' inquietante due delle sue cotte (un uomo, una donna) alla sua festa di addio, dove è presente anche sua moglie. Il capitolo di Elio è il più forte di questi primi tre, tracciando la sua relazione con un uomo molto più anziano che incontra in un concerto di musica da camera. Forse non sorprende che le parti più forti delle storie di Elio e Oliver siano i momenti in cui si ricordano l'un l'altro, chiedendosi come sarebbero state le loro vite se avessero perseguito una vita insieme piuttosto che andare per strade separate.

Eppure questo senso di inconsapevolezza viene annullato quando Aciman commette Trovami Il crimine più grande: riunire effettivamente Elio e Oliver alla fine. Nella parte finale (chiamata Da Capo, termine musicale italiano che si traduce in ripetere dall'inizio), Elio e Oliver ora vivono miracolosamente insieme in Italia diversi decenni dopo la separazione, nella stessa casa dove tutto ha avuto inizio. Quella casa è occupata anche dall'anziana madre di Elio, dalla sua badante e dal figlio più giovane del padre di Elio (con la donna del treno), Little Ollie. (Il signor Perlman, sfortunatamente, è morto.)



Aciman non fornisce molto contesto per la complessità di questo nuovo arrangiamento e, quindi, si presenta come una conclusione eccessivamente ordinata. Persino Little Ollie – che, ovviamente, prendeva il nome da Oliver – è considerato loro figlio. Il bambino era il nostro bambino. Lo sapevamo noi due, dice Elio.

Ricordo di aver letto Chiamami col tuo nome per la prima volta. A metà del libro, avrei dato qualsiasi cosa perché Elio e Oliver si unissero nel sacro matrimonio. Il loro amore sembrava così puro e avevo un tremendo desiderio di vederli finire per vivere felici e contenti. Ma alla fine, quando non sono finiti insieme, ricordo anche di essermi sentito stranamente soddisfatto, anche se in un modo diverso. Non tutto è costruito per durare , ricordo di essermi detto. Anche io avevo da poco concluso le cose con il mio primo vero amore, e mi vedevo in Elio. Dovremmo entrambi crescere e andare avanti, pensavo, e farlo non annullerebbe affatto ciò che abbiamo vissuto.

Nelle ultime pagine di Chiamami col tuo nome , quando Elio si incontra di nuovo con Oliver, ricordano cosa avrebbe potuto essere. Oliver presenta l'idea di vite parallele, che Elio paragona a un coma da cui si risveglia solo alla presenza di Oliver. Non finiscono insieme, ma convalidano i sentimenti reciproci. È una bella coda.



Ma con Trovami , la metafora di queste vite parallele diventa realtà. Ecco, loro fare tornare insieme, il che, sebbene felice in qualche modo, sembra pigro - troppo facile. Alla fine di Chiamami col tuo nome , Elio e Oliver rappresentavano qualcosa di più di una semplice coppia da favola. Il loro amore non era né condannato né tragico, ma resisteva a una facile definizione. Ora, con il nuovo finale presentato in Trovami , rischiano di diventare stereotipi. In teoria, vedere due innamorati ritrovarsi dopo una vita trascorsa separati può sembrare dolce. Ma un lieto fine vale il sacrificio di una buona narrazione?

Ottieni il meglio da ciò che è queer. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale qui.