L'ossessione della comunità gay per lo stato e l'aspetto ha enormi costi per la salute mentale

La comunità omosessuale lo è uno dei rischi più alti gruppi per depressione, ansia e abuso di sostanze. Per decenni, molti scienziati hanno erroneamente ritenuto che le persone LGBTQ+ fossero intrinsecamente patologiche e quindi a maggior rischio di disturbi mentali. Poco dopo l'inizio della ricerca basata su sondaggi reali sulle persone LGBTQ+ alla fine degli anni '90, la discriminazione e lo stigma si sono rivelati principali danni alla salute mentale LGBTQ+ . Anche se abbiamo ancora molta strada da fare, da allora la comunità queer ha guadagnato una certa accettazione sociale. Ora, alcuni ricercatori sulla salute mentale LGBTQ+ stanno spostando la loro attenzione sullo stress che proviene dall'interno della comunità stessa.



Finora, quasi tutti gli studi sulla salute mentale LGBTQ+ hanno esaminato i fattori di stress legati allo stigma: cose come il rifiuto della famiglia, il rifiuto della tua comunità religiosa o il bullismo, afferma John Pachankis, Ph.D., professore associato di sanità pubblica e direttore della LGBTQ Mental Health Initiative presso la Yale University. Ma quello che Pachankis e i suoi colleghi hanno iniziato a notare nel loro lavoro è che gli uomini gay e bisessuali hanno riferito di aver sentito gran parte del loro stress proveniente dai loro coetanei, o che nuovo studio guidato da Pachankis chiama stress intra-minoritario. Pubblicato a gennaio nel Giornale di personalità e psicologia sociale , lo studio è stato condotto nell'arco di cinque anni con campioni rappresentativi di partecipanti provenienti da tutti gli Stati Uniti ed è il più significativo nel suo genere per esaminare i fattori di stress della comunità tra uomini gay e bisessuali.

Le sue scoperte rivelano ciò che molti nella comunità sanno fin troppo bene: che gli uomini gay e bisessuali possono essere piuttosto duri l'uno con l'altro e con noi stessi nel cercare di essere all'altezza. I partecipanti hanno riferito di sentirsi stressati da ciò che percepivano come l'ossessione della comunità per l'aspetto, lo stato e il sesso; hanno indicato il suo razzismo escludente e cattiveria sociale. Sappiamo che gli uomini in generale sono più competitivi e che la concorrenza maschile è stressante, dice Pachankis. Ciò che questi dati mostrano è che quando quel tipo di competizione si verifica in una comunità composta da uomini che socializzano e sessualizzano tra loro, il tributo sulla propria salute mentale può essere piuttosto alto.



loro . ha parlato con Pachankis dei principali fattori di stress che hanno origine all'interno della comunità, dei loro effetti sulla salute mentale e fisica e di come uomini gay e bisessuali potrebbero sostenersi a vicenda e avventurarsi ad andare avanti insieme.



Quali sono state le principali pressioni che hai riscontrato sulla salute mentale degli uomini gay e bisessuali?

I fattori di stress che abbiamo ascoltato nelle interviste e poi studiati a livello nazionale potrebbero essere classificati in quattro tipi. Uno era lo stress legato alla percezione che la comunità gay è eccessivamente concentrata sul sesso a scapito di relazioni o amicizie a lungo termine. Il secondo è che la comunità gay è eccessivamente concentrata sulle preoccupazioni legate allo status, cose come mascolinità, attrattiva e ricchezza. Il terzo era legato alla percezione che la comunità gay sia eccessivamente competitiva, che sostenga questo tipo di cultura dell'ombra e la competizione sociale generale. Il quarto era che la comunità gay esclude la diversità, inclusa la diversità etnica e razziale e la diversità di età, e discriminatoria nei confronti degli uomini gay con HIV.

La ricerca rileva che ciascuna di queste classi di fattori di stress è associata a depressione e ansia. Ma alcuni probabilmente hanno un impatto distinto a seconda di dove un uomo gay o bisessuale cade lungo l'ordine gerarchico basato sullo status di cui molte persone hanno parlato di percepire come causa di stress. Nella misura in cui conosciamo noi stessi attraverso il riflesso degli altri, ciò che scopriamo è che gli uomini gay e bisessuali potrebbero essere particolarmente propensi a valutare se stessi usando gli stessi standard di attrattiva, successo e mascolinità che usano per valutare i loro potenziali partner sessuali , che può essere particolarmente doloroso.



Quali gruppi hai riscontrato sono stati colpiti in modo sproporzionato?

Dipende dalla classe del fattore di stress, ma in generale, gli uomini di colore avevano maggiori probabilità di percepire quello che chiamiamo stress da comunità gay. Gli uomini single avevano maggiori probabilità di sperimentarlo, così come gli uomini che si descrivevano come più femminili, uomini con meno risorse socioeconomiche e uomini che non si sentivano particolarmente attraenti. Abbiamo anche scoperto che gli uomini più giovani rispetto agli uomini più anziani erano più stressati e che gli uomini bisessuali avevano meno probabilità di sperimentare questo tipo di stress da comunità gay.

Uno studio complementare ha trovato una correlazione tra lo stress intra-minoritario e il rischio di HIV. Qual è il cibo da asporto principale lì?

Ovviamente, le maggiori fonti di rischio per l'HIV sono gli svantaggi strutturali, in particolare le forme strutturali di omofobia e razzismo che colpiscono in modo sproporzionato gli uomini di colore gay e bisessuali. Allo stesso tempo, i ricercatori hanno esaminato le influenze sociali e comportamentali, come il modo in cui lo stress influisce sul processo decisionale e sull'assunzione di rischi. Per quanto ne so, nessuno studio precedente si era davvero concentrato sullo stress che gli uomini gay e bisessuali potrebbero sperimentare l'uno con l'altro come predittori di assunzione di rischi per l'HIV.

Abbiamo trovato una correlazione per cui gli uomini gay e bisessuali che sono particolarmente stressati dall'attenzione della comunità gay su sesso, status e competizione o che probabilmente percepivano la comunità gay come un'esclusione della diversità avevano maggiori probabilità di fare sesso senza preservativo o PrEP in la loro vita quotidiana. Questo dopo aver contato le differenze di base di età, reddito, istruzione, razza ed etnia o altri fattori che potrebbero essere associati a un rischio maggiore.



Una delle grandi cose dell'essere queer è che permette alle persone di stare al di fuori dello status quo, di formare comunità diverse e amicizie diverse che potrebbero trascendere i confini artificiali che esistono nel mondo eterosessuale e cisgender. Questa capacità diventa più difficile da vedere negli spazi online in cui le persone possono auto-segregarsi, rifiutare le persone e semplicemente parlare con persone che sono a 100 piedi di distanza.

Quali sono state le tue esitazioni su come questa ricerca potrebbe essere percepita nella luce sbagliata?

Il mio obiettivo principale è far luce sulle vere influenze sulla salute mentale delle persone LGBTQ+. È diventato chiaro nel mio lavoro clinico che gli uomini gay e bisessuali citano fattori di stress all'interno della comunità gay. Senza affrontarlo in ulteriori ricerche, sapevo che avremmo potenzialmente perso il quadro completo. Allo stesso tempo, sapevo che qualsiasi ricerca che mostra lo stigma o l'eterosessismo non è l'unica causa della cattiva salute mentale degli uomini gay e bisessuali potrebbe potenzialmente essere utilizzata per tornare in qualche modo a questo vecchio argomento storico secondo cui in qualche modo gli uomini gay e bisessuali erano intrinsecamente patologici.

Ma mi sentivo a mio agio nel procedere con gli studi perché sapevo che potevano potenzialmente essere un invito all'azione all'interno della comunità gay, per aumentare il suo apprezzamento di quelli che storicamente sono stati i suoi attributi più notevoli: la sua capacità di sostenersi a vicenda di fronte all'abbandono del governo , per pensare in modo creativo a come formare amicizie e collaborazioni e, in definitiva, a come guardare con coraggio all'interno e formare una comunità di cui le persone LGBTQ+ possono essere orgogliose.

Ci sono soluzioni a queste dinamiche comunitarie suggerite dalla tua ricerca?

Uno degli elementi meno frequentemente approvati nei nostri sondaggi è stato che gli uomini gay non sono buoni amici l'uno dell'altro, il che suggerisce davvero che fare affidamento e rafforzare le amicizie di fronte ad alcuni di questi aspetti più stressanti della comunità gay sarebbe una certezza percorso per proteggersi da quel tipo di stress.

Nella misura in cui gli spazi della comunità gay si spostano online su piattaforme come Grindr, le norme per la comunicazione e per la comunità vengono degradate e ridotte al minimo comune denominatore. Una delle grandi cose dell'essere queer è che permette alle persone di stare al di fuori dello status quo, di formare comunità diverse e amicizie diverse che potrebbero trascendere i confini artificiali che esistono nel mondo eterosessuale e cisgender. Questa capacità diventa più difficile da vedere in questi spazi online in cui le persone possono separarsi, rifiutare le persone e semplicemente parlare con persone che sono a 100 piedi di distanza. Quindi penso che un altro intervento sarebbe quello di preservare gli spazi di mattoni e malta, dove le persone possono continuare a riunirsi in modi diversi e aperti; o migliorare le piattaforme online per facilitare un maggiore senso di comunità rispetto a un'opportuna ricerca di partner.

Una cosa che è stata spesso sottoutilizzata nella comunità gay è il tutoraggio intergenerazionale. E funziona in entrambi i modi. Sappiamo che è più probabile che gli anziani LGBTQ+ vivano da soli e questo è un fattore di rischio per la depressione. E sappiamo che i giovani LGBTQ+, nella maggior parte dei casi, non sono nati in famiglie che sono anche LGBTQ+, quindi non ereditano il senso della comunità, delle norme o della storia dai loro genitori. Un modo perfetto per impararlo sarebbe fresco dagli anziani della nostra comunità; allo stesso tempo, gli anziani della nostra comunità trarrebbero probabilmente beneficio dal contatto con le generazioni più giovani. Storicamente ci sono stati molti ostacoli a questo, ma nella misura in cui la comunità gay può aprire la strada all'abbattimento di tali barriere, penso che sarebbe un intervento straordinario contro questo tipo di stress da comunità gay in tutto lo spettro.

L'intervista è stata condensata e modificata per chiarezza.