Pronomi neutri di genere 101: tutto ciò che hai sempre voluto sapere

Inutile dire che la lingua ha un valore inestimabile; il modo in cui ci esprimiamo agli altri ha un enorme impatto sul modo in cui vediamo noi stessi e costruiamo le nostre identità. Anche il linguaggio è tutt'altro che statico: le culture cambiano nel tempo e anche le parole che usiamo per riferirci e relazionarci tra loro cambiano, adattandosi per comprendere nuovi concetti e idee all'interno della società. I pronomi che usiamo non fanno eccezione, e con la maggiore visibilità di coloro che si identificano come non binari o usano pronomi neutri rispetto al genere, inclusi personaggi pubblici come Sam Smith , Brigette Lundy-Paine e altri: probabilmente hai incontrato o sentito parlare di qualcuno che usa pronomi che non sono lui o lei.



I pronomi neutri rispetto al genere non sono una moda passeggera e non sono nemmeno nuovi. Nel corso della storia della lingua inglese, i pronomi si sono evoluti per adattarsi alle circostanze dei tempi. Il plurale è passato al singolare diversi secoli fa, quando gli scrittori sono andati alla ricerca di un pronome più neutro rispetto al genere; da allora sono emersi più pronomi neutri rispetto al genere e sono stati abbracciati dai membri delle comunità trans e non binarie. I pronomi in terza persona come xe/xem o ze/zim stanno diventando sempre più popolari. Allo stesso modo, sta diventando sempre più comune per le persone evitare del tutto di usare i pronomi, e invece usare semplicemente il proprio nome in tutte le circostanze.

Questo aumento di popolarità riflette sia la necessità di una maggiore inclusività nella lingua che usiamo sia il desiderio di tenerci tutti connessi. Quando le persone trans come me sentono gli altri usare pronomi neutri rispetto al genere, sia riguardo ad altre persone che quando si riferiscono direttamente a noi, ci sentiamo visti. È un riconoscimento e un riconoscimento della nostra esistenza. L'uso di questi pronomi e nomi convalida sia le nostre identità che le nostre esperienze e ci aiuta a continuare a sentirci connessi con gli altri, poiché la cultura che ci circonda continua a cambiare ed evolversi.



Di seguito troverai le risposte ad alcune domande comuni sull'uso di pronomi neutri rispetto al genere come loro/loro, ze/zim, sie/hir e altri, e una guida su come utilizzarli nelle conversazioni di tutti i giorni.



Cosa sono xe/xem, ze/zim, sie/hir e altri pronomi neutri rispetto al genere?

Potresti aver sentito parlare di recente dei pronomi they, ze, xe o hir e hai pensato a te stesso, cosa diavolo è ze? Ze, ciao, xe, e il singolare essi sono pronomi neutri rispetto al genere che inizialmente sono nati dalla necessità di pronomi che erano di più comprese le donne , e in seguito per essere più inclusivo di un ampio spettro di generi. Le persone trans e non binarie come me hanno cercato questi pronomi o ne hanno creati di nuovi perché ci sentivamo lui o lei non erano adatti alle nostre esigenze o identità. I pronomi neutri rispetto al genere non presuppongono un genere per la persona o le persone in discussione. Possono essere usati per fare riferimento a chiunque stia parlando. Ancora più importante, possono essere validi per chiunque viva oltre il binario.

Mentre i pronomi neutri rispetto al genere sono diventati popolari negli ultimi anni, le comunità trans e non binarie hanno abbracciato e sostenuto il loro uso sin dalla fine 20 ° secolo . Ma la loro esistenza, e i dibattiti sulla loro necessità, sono stati a lungo antecedenti alla difesa pubblica delle comunità trans. I pronomi neutri rispetto al genere sono stati coniati e discussi pubblicamente per secoli.

Qual è la storia dei pronomi neutri rispetto al genere?

Dalla metà del 1800, dozzine di alternative di pronomi neutre rispetto al genere sono state proposte, sostenute, adottate e cadute in disgrazia. Pochi hanno preso piede ampiamente, ma solo perché potresti vedere xe/xem o ze/zir per la prima volta oggi non significa che siano nuovi.



Le discussioni critiche sull'uso e la necessità di pronomi neutri rispetto al genere risalgono alla fine del XVIII secolo. Secondo Dennis Baron, professore di inglese e linguistica all'Università dell'Illinois Urbana-Champaign e autore di Qual è il tuo pronome?: Oltre lui o lei , i pronomi neutri rispetto al genere furono discussi frequentemente tra giornali e periodici locali a partire dal 1789.

['Loro' è] un modo naturale di usare un pronome per riferirsi a qualcuno il cui genere è sconosciuto o irrilevante, dice Baron. In alcuni casi veniva utilizzato per nascondere il sesso della persona di cui si parlava perché spettegolava o perché rivelare l'identità della persona poteva metterla in pericolo. Charles Dickens usato essi per rendere anonimo il genere Le carte Pickwick, Per esempio.

Il singolare era comune fino all'era vittoriana, quando i pronomi neutri rispetto al genere erano per impostazione predefinita in quanto comprendevano sia il maschile che il femminile. La gente ha riconosciuto i suoi limiti e ha sostenuto che era insufficiente: chiunque leggesse, avrebbe immediatamente pensato agli uomini e non alle donne.

'Il pronome 'hir' è stato coniato nel 1920 da un giornale della California, L'ape del Sacramento , spiega il barone. Hanno provato a usarlo di tanto in tanto dagli anni '20 agli anni '40. Ze, spesso ritenuto un termine coniato più recentemente, è stato creato da uno scrittore identificato solo come JWL nel 1864, scrive il barone. Nel 1858, un compositore americano di nome Charles Crozat Converse ha inventato il pronome thon (abbreviazione di quello), che è persino diventato dizionari ben considerati - il dizionario standard di Funk e Wagnalls nel 1903 e il secondo nuovo dizionario internazionale di Webster nel 1934 - ma non ha mai preso piede nell'uso popolare. Ciò che è chiaro è che questi pronomi hanno una lunga storia all'interno delle lingue, che è ancora in evoluzione oggi.



Come faccio a coniugare e utilizzare i pronomi neutri rispetto al genere nel parlato e nella scrittura?

Ci sono tonnellate di pronomi neutri rispetto al genere là fuori, e sicuramente troppi per elencarli in modo esaustivo in questa guida. Eccone alcuni comuni; nota che ci sono varianti e modi diversi per scrivere molti di questi pronomi, quindi quello che vedi qui potrebbe non corrispondere ai pronomi neutri rispetto al genere che potresti vedere usati da altri.

Pronomi

Secondo il Censimento di genere 2019 , un sondaggio online su come le persone LGBTQ+ si autoidentificano in termini di genere e uso dei pronomi, il pronome neutrale rispetto al genere utilizzato più frequentemente tra 11.242 intervistati è stato loro, seguito da xe. Molti hanno detto che scelgono di evitare del tutto l'uso dei pronomi.

Forse non sei ancora sicuro di come usare questi pronomi neutri rispetto al genere in una frase. Diciamo che lavoriamo insieme e tu dovevi riferirmi a me in un'e-mail, ma non volevi dover usare costantemente il mio nome. I miei pronomi lo sono ze/zim/zis . Sostituisci semplicemente la H di lui, lui o il suo con una Z. Forse la tua email sembrerebbe qualcosa sulla falsariga di:



Devin-Norelle ed io abbiamo discusso del progetto finale oggi, e ze ha detto che si occuperà della maggior parte del lavoro delle gambe. Dopo aver aggiunto le mie diapositive a PowerPoint, le invierò a zim per modificarle.

Altri esempi potrebbero includere:

Dove è andata a finire?

Avevo bisogno di consegnare questo pacchetto a zim.

Queste chiavi appartengono a zim.

I pronomi Zis sono ze/zim/zis.

Ho notato che sono in questo elenco, ma usarli per una singola persona non è grammaticalmente corretto. Una persona che li usa o li sta ancora affermando che sono due persone.

Sono sicuro che qualcuno ha fatto lamentele simili sulla parola tu.

Il singolare voi nacque nel 17° secolo. Prima di allora, voi era sempre plurale. Ora ci siamo un po' dimenticati, dice Baron.

Abbiamo anche dimenticato che il singolare essi è stato utilizzato da anglofoni e scrittori dal 14 ° secolo. È apparso in Shakespeare's Frazione , e anche nel tanto temuto i racconti di Canterbury di Geoffrey Chaucer.

Quindi, ancora una volta, il singolare che non è solo una cospirazione inventata, sta semplicemente rivendicando il suo tempo.

Come ottengo i pronomi di qualcuno? glielo chiedo?

Se incontri qualcuno faccia a faccia per la prima volta e non conosci i loro pronomi, puoi iniziare condividendo i tuoi quando fai una presentazione. Offrire prima i tuoi pronomi aiuta gli altri a condividere i propri: sono Devin-Norelle e i miei pronomi sono ze/zim, piacere di conoscerti. Quindi puoi chiedere il loro nome e pronomi, o più semplicemente chiedere, come posso rivolgermi a te?

Quando ci sono altre persone in giro o sei in un gruppo, non individuare mai una persona e chiedere loro di condividere i loro pronomi se pensi che non seguano lui o lei: così facendo puoi renderli trans o non binari alle persone che altrimenti potrebbe non sapere, creando potenzialmente una situazione pericolosa. Ho sia sentito che vissuto storie dell'orrore in cui persone che sono semplicemente percepite come trans sono state avvicinate da estranei che chiedevano i loro pronomi, potenzialmente facendole uscire di fronte ad altri estranei o amici che potrebbero non sapere di essere trans.

In un ambiente di gruppo, è meglio offrire il tuo nome e pronomi e chiedere a tutti di andare in giro a condividere il proprio. Chiedere e usare pronomi corretti sono potenti opportunità per mostrare rispetto e dovrebbe essere una pratica comune, indipendentemente da come si identificano coloro con cui condividiamo la compagnia. Anche le persone che supponiamo siano cisgender potrebbero usare anche pronomi neutri rispetto al genere. Nel caso in cui non conosci i pronomi di qualcuno, puoi usare loro/loro o semplicemente fare riferimento a loro con il loro nome finché non lo fai.

Cosa devo fare se pronome male qualcuno che usa pronomi neutri rispetto al genere?

Tutti commettiamo errori e probabilmente lo farai le prime volte in cui ti riferisci a qualcuno con pronomi che non conosci. Va bene! Scusati brevemente, correggiti e continua la conversazione. Scusarsi abbondantemente può attirare l'attenzione non necessaria o causare imbarazzo a qualcuno che usa pronomi neutri rispetto al genere. Riconosci rapidamente il tuo errore e correggiti, quindi continua con la conversazione.

Se senti qualcun altro usare pronomi errati per qualcun altro, non segnalarlo, ma afferma i pronomi corretti nel tuo discorso e affrontali in privato in seguito, a meno che non ti sia stato dato il permesso di parlare in quel momento. A volte, sottolineare che qualcuno ha commesso un errore può nuovamente spostare l'attenzione ingiustificata e imbarazzante sulla persona con pronomi neutri rispetto al genere.

E se non sono in grado di chiedere a qualcuno i loro pronomi?

A volte, non abbiamo l'opportunità di presentarci e chiedere informazioni sui pronomi di un'altra persona prima di dover fare riferimento a loro, ma ci sono altri modi per affrontare la situazione quando non abbiamo le informazioni di cui abbiamo bisogno. Innanzitutto, quando non lo sappiamo, dovremmo farlo per impostazione predefinita loro/loro pronomi, o se ti senti a disagio nell'usare qualsiasi pronome, usa il loro nome per impostazione predefinita. Il singolare essi è modesto, onnicomprensivo e può essere utilizzato per riferirsi a chiunque. Se utilizzato in una conversazione, consente anche a un'altra persona di correggerti se capita di avere le informazioni giuste. (E una volta che conosci i pronomi corretti di qualcuno, usa quelli - non continuare a usarli loro/loro. )

Un altro metodo è chiedere a un amico o conoscente in comune. Ad esempio, forse hai iniziato un nuovo lavoro, incontrato un collega amichevole e, durante una conversazione, ti rendi conto che non hai avuto la possibilità di chiedere a un altro collega i loro pronomi. Sono appena venuti fuori durante una conversazione e tu presumi che siano cis, ma non vuoi fare supposizioni. Va bene chiedere a quel lavoratore i loro pronomi. È importante notare che ciò dovrebbe accadere sia che tu stia discutendo di una persona cis o di una persona trans. Chiedendo solo i pronomi di una persona trans, li stai individuando e potenzialmente mettendoli in evidenza.

E gli onorifici?

Il più noto titolo onorifico neutrale rispetto al genere è Mx.! Ce ne sono molti altri, tra cui Misc., Msr., Myr., Pr. e Sai . Ma molte persone hanno scelto di non usare affatto titoli onorifici, nel qual caso, attenersi al loro nome.

Perché i pronomi sono così importanti?

Penso che riconoscere le persone dai loro pronomi (indipendentemente se scelti o meno) le identifichi in modo accurato, intenzionale e rispettoso. Quando si usano i miei pronomi, la mia identità si afferma, dice Indya Moore, attore e sostenitore non binario.

Ciò che Moore implica è che non possiamo mai presumere il sesso di una persona o il modo in cui si identifica. Per molti, l'identità di genere e la presentazione del genere sono drasticamente diverse. Ad esempio, sono spesso percepito come un uomo, ma non mi identifico come tale. Quindi, quando le persone mi chiamano lui e talvolta anche lei, mi contorco, rabbrividisco e faccio il broncio. È frustrante quando le persone pensano che io sia un uomo o si identificano come un uomo perché ho la barba. Ogni volta che mi vengono richiesti i miei pronomi, mi sento convalidato.

Infine, dovremmo sempre ricordare che, sebbene sia comune per noi dire, pronomi preferiti, di qualcuno i pronomi non sono mai preferiti. Gli attivisti ci ricordano che chiamando i pronomi preferiti, suggerirebbe che non sono reali o non dovrebbero essere rispettati. I pronomi sono solo i nostri pronomi. Non sono preferiti.

Quindi inventeremo solo le parole che vogliamo ora?

Non è così che funziona la lingua? Lo facciamo da secoli e inventiamo parole continuamente nella nostra vita quotidiana. A volte combiniamo le parole per formarne una nuova o adattiamo parole di altre lingue. Creiamo parole con la nostra famiglia e i nostri amici. Ecco come funziona lo slang e come nuovi termini entrano nel nostro lessico.

A volte, le persone prendono una parola particolare, diventa radicata nel linguaggio più ampio. Quindi sì, le persone inventano pronomi, soprattutto se non gli piacciono quelli disponibili, spiega Baron. Questo non invalida i pronomi, né li rende meno reali di altre parole inventate della nostra lingua. Sono validi come parole prese in prestito da altre lingue e combinate per formare una nuova parola rilevante.

Come faccio a esercitarmi a usare i pronomi neutri rispetto al genere?

Chiedi ai tuoi amici se puoi esercitarti a usarli su di loro, anche se non sono trans. La pratica rende perfetti ed è un'alleanza superba. Immagina di entrare in una stanza con estranei e ti presenti insieme ai tuoi pronomi e chiedi a tutti di fare lo stesso. È probabile che se c'è una persona trans in quella stanza che non è fuori, potrebbe sentirsi immediatamente accolta nello spazio dal tuo gesto. E se non c'è una persona trans, beh, una stanza piena di estranei ha appena imparato qualcosa di nuovo. È un ottimo rompighiaccio!

Se non hai amici con cui esercitarti, ci sono app e siti web dedicati alla tua crescita! In un sito web chiamato Esercitati con i pronomi , puoi esercitarti a usare qualsiasi insieme di pronomi e avere un'idea di come verrebbero usati in una frase.


Altre grandi storie da loro.