Hayley Kiyoko: Percepire tutto

In così tante delle sue canzoni, Hayley Kiyoko è stata forte e orgogliosa del suo amore per le donne. Ma quando le chiedo - da ragazza omosessuale a ragazza omosessuale - un consiglio sugli appuntamenti, lei confessa che potrebbe non essere esattamente qualificata per darlo.



Solo perché sono gay non significa che io sia un professionista, la musicista 28enne scherza su FaceTime, un sorriso sornione che le striscia sul viso. mi innervosisco. Divento nervoso e penso troppo alle cose, e ad essere onesto, potrei contare sulle dita a quanti appuntamenti sono stato. Non sono mai stato su Hinge o Tinder. Non ho nemmeno fatto la cosa degli appuntamenti online, quindi non so nemmeno com'è.

È questo tipo di vulnerabilità che ha reso Kiyoko un artista così amato. Da quando la musicista è uscita pubblicamente nel 2015 con il suo singolo di successo Girls like Girls, è stata esaltata dai suoi fan come Lesbiche Jesus. Il soprannome deriva in parte dal suo carisma magnetico e dalle sue performance spavaldamente sicure. Ma ironia della sorte, il motivo principale per cui i fan idolatrano Kiyoko è perché è sfacciatamente umana, specialmente nel modo in cui parla apertamente delle sfide che deve affrontare come donna lesbica.



Per tutto aspettative, il suo album di debutto in studio del 2018, canta di auto-sabotaggio (comunicai troppo e provo troppo, lei canta in Feelings), desiderio saffico (Vuoi essere amici per sempre?/Posso pensare a qualcosa di meglio, canta in Sleepovers) e le tragedie specifiche delle relazioni queer (tu dici che mi volevi, ma vai a letto con lui, canta in Curious). Kiyoko opportunamente divenne il volto regnante di # 20GAYTEEN dopo aver coniato il termine nel gennaio 2018, che ora riassume l'esplosione di visibilità queer nella cultura pop di quell'anno. Eppure si distingue per la sua capacità di catturare l'esperienza lesbica - che spesso include desiderio, insicurezza e, soprattutto, un amore profondo e clamoroso per le donne - attraverso le sue canzoni e video musicali, al fine di assicurare ai suoi fan queer che non Non devi navigare nelle relazioni da solo.

Hayley Kiyoko



Keith Oshiro

È una giornata di metà dicembre quando Kiyoko mi chiama, seduto in un'auto parcheggiata da qualche parte a Los Angeles. Sono state settimane frenetiche, spiega, scusandosi immediatamente per il suo aspetto senza trucco e per i suoi capelli biondi disordinati raccolti in una coda di cavallo. Erano passati solo un paio di giorni dal ritorno da una settimana di vacanza in Giappone, ma Hayley era già tornata al lavoro. Sta coordinando le ultime parti del suo nuovo progetto, Sono troppo sensibile per questa merda , una serie di singoli che sta pubblicando uno alla volta, a partire da luglio Spero che e il suo video musicale di accompagnamento di streghe. Da allora, ne ha rilasciate altre tre: la sfacciata L.O.V.E. Io, la minacciosa canzone electropop Demons e il sfrenato inno synth-pop Runaway — con una traccia finale e un video che arriveranno a gennaio 2020.

Kiyoko ha scritto per anni il titolo di questo progetto nel suo diario. Ma dopo un viaggio a Joshua Tree con un gruppo di cantautori quest'estate, è stata in grado di riflettere su come ha sempre trovato le sue emozioni difficili da controllare. Sono solo troppo sensibile, sono fatta per essere sensibile, dice Kiyoko con un sopracciglio corrugato. Molte volte farò delle cose o metterò il mio cuore e la mia anima in qualcosa e va in un modo diverso... Ma tutti devono affrontare la vita. Ognuno ha a che fare con i propri demoni e innamorarsi o essere rifiutato o la vita familiare, tutto. Implica che il suo ragionamento per scrivere delle sue lotte personali è perché non vuole che nessun altro se ne occupi da solo.



In una recente storia di Instagram, Kiyoko ha spiegato come le canzoni di Sono troppo sensibile sono nate da un periodo particolarmente difficile che ha vissuto all'inizio di quest'anno, in cui aveva a che fare con problemi di immagine di sé, problemi di immagine corporea e problemi di depressione e farmaci. Più specificamente, dice che ha lottato per far funzionare correttamente il suo corpo e tenere a freno una voce interiore che le dice che non è abbastanza brava. La mia spinta è una grande forza nella mia vita ed è una forza enorme, ma mi fa anche impazzire, dice. Mi tiene sveglio la notte. La mia passione per le cose può farmi diventare costantemente frustrato e deluso da me stesso. Quindi cerco di scriverne e di esplorarlo nella mia musica.

Ma ovviamente è Hayley Kiyoko e alcune delle canzoni Sono troppo sensibile hanno trovato la loro ispirazione dai problemi di relazione. Su L.O.V.E. Io, per esempio, Kiyoko canta di una donna che non può impegnarsi con lei perché non si sente completamente a suo agio in una relazione lesbica. Vuoi avere un partner pronto a sperimentare le cose che sei pronto a sperimentare, dice. Può essere frustrante quando ti innamori di qualcuno che forse non c'è ancora e non vuoi metterlo sotto pressione, perché è la loro esperienza e sappiamo tutti quanto sia difficile sentirsi a proprio agio con chi sei. Può diventare un ballo molto complicato in una relazione. Ma a differenza delle canzoni precedenti che esplorano lo stesso argomento, come la sua collaborazione con Kehlani del 2018 What I Need, Kiyoko sente di essere stata in grado di inquadrare la situazione in un modo che richiedeva rispetto per se stessa: quella canzone è davvero divertente, perché finalmente sono riuscita a cattura quella sensazione del tipo: 'Se mi ami, allora mostralo'.

L

Kiyoko è nata a Los Angeles al padre di un attore/comico e alla madre di una pattinatrice artistica/coreografa, entrambi i quali l'hanno incoraggiata a iniziare a recitare in giovane età. Le sue prime ispirazioni musicali sono state boy band come *NSYNC - in parte perché dice di voler essere adorata dalle ragazze tanto quanto loro - e cantautrici come Michelle Branch e Avril Lavigne. Il suo interesse iniziale abbondava; ha iniziato a prendere lezioni di ballo e batteria da bambina, poi ha deciso che voleva diventare un'attrice e modella dopo aver visto una bella ragazza asiatica che ballava breakdance in uno spot televisivo di JC Penny.

La sua prima grande occasione musicale è arrivata nel 2007, quando si è unita a un gruppo di ragazze della major chiamato Stunners, che una volta ha aperto per Justin Bieber prima che si sciogliessero nel 2011. Quando le chiedo cosa ha imparato da quell'esperienza, lei risponde, ho imparato molto di cose che non volevo fare e c'erano molte situazioni di cui non avrei mai voluto far parte... Ho sempre saputo di voler avere il controllo creativo, ma non sapevo come ottenerlo. In tandem con gli Stunners, ha fondato più gruppi rock con gli amici e ha goduto di una fiorente carriera di attrice, apparendo in diversi programmi TV e film per bambini, in particolare il film Disney Channel Il film 'Lemonade Mouth .

Il momento di svolta di Kiyoko è arrivato nel 2015 con il suo video musicale per la sua canzone Girls Like Girls, in cui una ragazza adolescente lascia il suo fidanzato violento per stare con un'altra ragazza. La comunità LGBTQ+ si è riversata sul visual, lodandolo per la sua bella rappresentazione di una coppia lesbica che si svolge drammaticamente come un cortometraggio. (Ora ha oltre 114 milioni di visualizzazioni.) Prodotto con un budget di soli $ 5000, Girls Like Girls ha segnato la prima volta in assoluto di Kiyoko alla regia (le è stato insegnato dal co-regista Austin S. Winchell), ma si è subito resa conto che era qualcosa che lei aveva un talento per. Austin era responsabile della telecamera, ricorda. Ero responsabile della storia e delle ragazze e l'abbiamo fatto insieme. Ho imparato molto e ho imparato che ho sempre diretto. Assumerei registi e poi lo direi loro Cosa fare.



Da allora, Kiyoko ha diretto le sue immagini, che hanno tutte milioni di visualizzazioni ciascuna, che hanno l'intenzione di mostrare relazioni e scenari queer realistici. Il mio sogno e il mio obiettivo è creare contenuti che meritiamo di avere in modo autentico e onesto, dice, aggiungendo che il suo piano finale è quello di dirigere un giorno uno show televisivo o un lungometraggio. Si ferma anche per riconoscere quanto la sua base di fan l'abbia supportata nel realizzare i suoi sogni finora. Se le persone non credono in te, allora... è dura, dice. Quindi sono molto grato di avere quel supporto. [La mia base di fan è] piccola, forte e potente, ma sta crescendo e alla fine sarà molto mainstream.

Quando le chiedo di descrivere i suoi fan, lei risponde subito, Molto passionale e colorata. Spiega: mi piace la parola 'colorato' perché c'è un ampio spettro di persone là fuori, e tutte hanno questa scintillante speranza o bisogno di speranza, e penso che tutti noi ci teniamo a questo. Illuminano la mia giornata e penso che aiutino le altre persone e l'un l'altro. Mi sento come se fossero una base di fan molto positiva, di cui sono molto orgoglioso. Sollevano le persone e si difendono a vicenda. Mi piace molto di loro.

L

Kiyoko non è solo uno degli artisti queer pop più visibili che lavorano oggi — è anche un'instancabile sostenitrice della comunità LGBTQ+. All'inizio di quest'anno, è stata premiata con lo Youth Innovator Award da The Trevor Project per aver usato le sue canzoni e i suoi video musicali per rappresentare le relazioni queer, parlando apertamente sulle sue esperienze come intrattenitrice lesbica e per aumentare la consapevolezza su questioni queer più grandi, come il suo video One Bad Night, che mostra un giovane uomo che salva una donna transgender dopo che è stata aggredita.

Non ha nemmeno paura di parlare a nome della comunità queer. L'anno scorso, ha criticato pubblicamente la canzone di Rita Ora Girls, che ha subito il contraccolpo di alcuni che pensavano che il testo (Vino rosso/Voglio solo baciare le ragazze) smentisse il mito secondo cui le donne si accoppiano con altre donne solo quando sono ubriache o per i capricci degli uomini. In una lunga dichiarazione su Twitter, Kiyoko ha scritto che la canzone era sordo e [alimentava] lo sguardo maschile mentre emarginava l'idea che le donne amassero le donne. Sebbene molti fossero d'accordo con il punto di vista di Kiyoko, la ricaduta della situazione è stata sfortunata. Quando Rita Ora si è scusata per la canzone, anche lei è uscito come bisessuale , con alcuni che affermano che il diffuso contraccolpo l'ha costretta a uscire .

Quando le chiedo se si rammarica di aver fatto quella dichiarazione, Kiyoko dice che la sostiene ancora. Non mi pento di aver detto quello che penso, perché per me prendo molto sul serio la mia sessualità e quello che faccio, dice, ed è stato davvero difficile convincere le persone a prendermi sul serio... Ma sento anche che tutti hanno il diritto di essere anche quello che sono. A volte è difficile orientarsi perché accetto tutti e sostengo tutti e tutti gli artisti e chi sono e dove si trovano nelle loro vite.

Hayley Kiyoko

Keith Oshiro

Kiyoko è stata anche una delle tante celebrità queer che hanno fatto cameo nel video di Taylor Swift per You Need to Calm Down. Quando le è stato chiesto per la prima volta di apparire nella visuale, Kiyoko dice di essere stata immediatamente onorata. Ma la canzone e il video hanno ricevuto reazioni contrastanti da parte di alcuni che pensavano che avesse sollevato la comunità LGBTQ+ e altri che pensavano fosse un'alleanza performativa. Kiyoko, che in passato si è esibito dal vivo con Swift, mi assicura che l'artista è un alleato molto onesto.

Gli [alleati] sono importanti tanto quanto le persone nella comunità che supportano la loro comunità perché si stanno prendendo il tempo per combattere la battaglia di qualcun altro, dice Kiyoko. Penso che l'esposizione e la convalida vadano molto lontano, non importa da dove provengano... Posso parlare solo per me stesso, ma [Taylor Swift] ha supportato molto la mia musica e lei non deve esserlo. Significa molto perché sta facendo sapere alla gente: 'Ehi, è gay, ma è anche molto bella e normale'. Sono molto grata per la sua amicizia.

Kiyoko crede che tutti, indipendentemente dall'identità, abbiano la responsabilità di difendersi l'un l'altro. Ognuno ha il proprio pezzo del puzzle su cui mettere la propria passione e contribuire a cambiare il nostro futuro, dice. Voglio che tutti abbiano l'opportunità di avere una bella vita ed è ciò in cui credo ed è ciò che sostengo. Sono grato ai miei amici di tutto il settore che stanno affrontando questa sfida.