Un numero storico di candidati LGBTQ+ è in corsa per l'ufficio nel 2021

Un numero record di candidati LGBTQ+ è in corsa per la carica nel 2021, secondo un nuovo rapporto.



Almeno 410 persone queer e transgender stanno cercando cariche pubbliche quest'anno, secondo i numeri di tracciamento pubblicati martedì dal gruppo di difesa politica Fondo per la vittoria LGBTQ . Questa cifra è considerevolmente inferiore al record del 2020 - quando 1.006 candidati LGBTQ+ si sono lanciati sul ring - ma è senza precedenti per un anno dispari, quando ci sono meno gare a livello locale, statale o nazionale. Rappresenta un balzo del 7% rispetto al 2019.

Annise Parker, CEO e presidente del LGBTQ Victory Fund, ha affermato che i numeri crescenti sono, in parte, una risposta alla crescente ondata di attacchi alle comunità queer e trans in tutto il paese. All'inizio di questa settimana, il governatore repubblicano Greg Abbott ha firmato una legge rendendo il Texas il decimo stato limitare la partecipazione dei giovani trans agli sport scolastici.



Con le vite LGBTQ sempre più utilizzate come arma politica nei consigli scolastici, nei consigli comunali e nelle legislature statali in tutta l'America, le persone LGBTQ sono motivate e si stanno facendo avanti per correre in numero storico, ha affermato Parker, l'ex sindaco di Houston, in una dichiarazione citata da USA Oggi .



Tra il gruppo di persone in cerca di ufficio di quest'anno ci sono Maria Moore , in corsa per rappresentare il Distretto D per il Consiglio comunale di New Orleans, e candidati sindaco come Minneapolis Sheila Nezhad e quello di Bufalo India Walton .

Tutti questi nomi sono candidati storici. Se eletta, Moore sarebbe solo la seconda donna trans di colore seduta in un consiglio comunale degli Stati Uniti nella storia, dopo il vicepresidente del consiglio comunale di Minneapolis Andrea Jenkins nel 2017. Nezhad e Walton sarebbero stati tra un piccolo gruppo di donne queer di colore elette sindaco di una città americana dopo che E. Denise Simmons di Cambridge, Massachusetts, è diventata la prima donna sindaco queer nera d'America nel 2008.

La cosa degna di nota del pool di candidati LGBTQ+ del 2021 è che sono più diversi che mai, secondo il rapporto. Oltre un terzo (36%) sono persone di colore, con un aumento del 12% rispetto al 2019. L' LGBTQ Victory Institute ha osservato che questo gruppo è significativamente più diversificato dal punto di vista razziale ed etnico rispetto ai candidati statunitensi in generale e il gruppo più diversificato di candidati LGBTQ nella storia .



Ma nonostante la presenza di donne come Moore, Nezhad e Walton nelle gare del 2021, il rapporto afferma che è ancora necessaria una maggiore rappresentanza per le donne queer e trans di colore. Solo il 10% delle candidate LGBTQ+ di quest'anno non sono bianche, anche se le donne di colore rappresentano il 20% della popolazione degli Stati Uniti.

In una nota più promettente, i candidati LGBTQ+ del 2021 abbracciano 39 dei 50 stati. Tra gli stati senza queer e trans aspiranti in corsa per la carica ci sono Arkansas , Mississippi , Nord Dakota , Sud Dakota , e Virginia dell'ovest . Ognuno di questi stati ha approvato leggi o emanato ordini esecutivi rivolti alla comunità LGBTQ+ quest'anno: dai divieti di sport trans in Mississippi e West Virginia a un divieto unico nel suo genere di affermare l'assistenza ai giovani trans in Arkansas.

L Un'unione più perfetta: i candidati queer che combattono per la nostra democrazia Oltre 1.000 candidati LGBTQ+ si sono candidati o si stanno candidando per una carica nel 2020, segnando una svolta fondamentale nella politica americana e un segno di un futuro più strano e inclusivo a venire. Visualizza storia

Il fenomeno delle aspiranti LGBTQ+ che si candidano alla carica - e vincano - in tutto il paese è stato soprannominato l'onda arcobaleno negli ultimi anni. Pioniere come la delegata della Virginia Danica Roem (D-13° distretto) e la senatrice del Delaware Sarah McBride (D-1st District), entrambi i primi legislatori statali trans ai rispettivi livelli, hanno infranto le barriere per l'inclusione in tutto il paese.

Tuttavia, restano ancora molte barriere. Pochissimi uomini transgender o fuori bisessuali sono stati eletti a qualsiasi livello negli Stati Uniti, ma ai candidati piace Tyler Tito spero di cambiarlo. Titus, se eletto, sarebbe il primo dirigente trans nella storia della contea di Erie, che si trova nell'estremo nord-ovest della Pennsylvania.

Titus, che ha vinto un seggio nel consiglio scolastico del distretto scolastico di Erie City nel 2017, ritiene che l'espansione della rappresentanza per consentire alle persone LGBTQ+ un posto a tavola in ultima analisi, vada a vantaggio di tutte le comunità.



La mia intera vita è stata spesa per capire come far funzionare meglio il sistema per tutti, non solo per alcuni, ma per tutti, ha detto Titus all'outlet locale Erie Times-Notizie nel mese di settembre. Perché quando sollevi i più vulnerabili, l'intera comunità si alza.