Come essere una persona queer nel mondo dopo la quarantena

C'è una fitta gelida che pulsa dietro la mia cassa toracica quando penso di tornare alla vita reale dopo la quarantena. È un intricato nodo di sentimenti che sfida le leggi della fisica, nel tentativo in qualche modo di tirarmi fuori dalla porta e inchiodarmi al divano.



Pochi di noi avevano mai immaginato di vivere qualcosa come la pandemia di coronavirus e la sua cascata di conseguenze: mesi di isolamento e ansia; abbandonando i bar e gli spazi LGBTQ+ che davano una casa alla nostra comunità e vedendoli scomparire ; perdendo il nostro senso di sicurezza, i nostri mezzi di sussistenza e persino i nostri cari a causa del virus. Ma molti di noi hanno passato molto tempo a immaginare cosa accadrà dopo: rientrare nel mondo dei vivi.

Per ora, sembra che le porte si stiano finalmente aprendo. Con l'aumento dei livelli di vaccinazione e l'aumento delle restrizioni, ci sono più opportunità per le persone LGBTQ+ di connettersi in numero crescente, sia in ristoranti, bar, palestre o altri contesti. Incontrarsi in massa, nelle discoteche e alle celebrazioni del Pride, sembra dolorosamente vicino all'orizzonte. Il cameratismo e il supporto della vita sociale queer sono stati terribilmente mancati e senza dubbio sarà emozionante per molti di noi essere di nuovo insieme.



Ma potremmo anche aver goduto di un temporaneo libertà da alcune pressioni del mondo esterno. Ci siamo sentiti a nostro agio, beh... a nostro agio. In isolamento, ci sono meno persone - omosessuali o eterosessuali - che scrutano i nostri corpi, le loro forme e colori, cosa ci mettiamo dentro o sopra, o come esprimiamo genere, sessualità o il nostro particolare umore in un dato momento. C'è una certa solitudine nel non essere visti, ma anche sollievo nel non preoccuparci delle aspettative degli altri.



Nei nostri giorni migliori dell'ultimo anno, potremmo sperare di essere sviluppati un rapporto più forte con noi stessi - chi siamo, cosa vogliamo e come prenderci cura di noi stessi e mostrarci gli uni per gli altri. Parte di quella fitta nel mio petto è l'eccitazione che provo di riconnettermi con le persone ed essere parte di una comunità. Ma cosa succede se sono cambiato? Più precisamente, e se io non ho ? Mi chiedo se i progressi che ho fatto - verso l'accettazione di me stesso per quello che sono, e tutto ciò che comporta - evaporeranno sotto il calore di pressioni familiari. Sarò ancora più vulnerabile al giudizio, all'indifferenza o al rifiuto? O brucerò facilmente come la pelle pallida d'inverno il primo giorno d'estate?

La buona notizia è che ci siamo dentro insieme. Livella il campo di gioco che stiamo tutti attraversando questo momento traumatico di basso grado in modi diversi, afferma Glenn Zermeño, LCSW-R, uno psicoterapeuta queer che pratica a Brooklyn. Tutti lo stanno sperimentando. Di seguito, abbiamo parlato con esperti di salute mentale e sostenitori delle strategie per mantenere un forte senso di sé, tra cui un'immagine corporea positiva, un'espressione di genere veritiera e la fedeltà a ciò che vogliamo veramente, mentre torniamo in un mondo cambiato, sentendoci diversamente da quando siamo partiti.

Guardati allo specchio e dì: 'Il mio corpo è sopravvissuto a questo'.

Indipendentemente dal fatto che i nostri corpi siano cambiati o meno nell'ultimo anno, e indipendentemente da come possiamo sentirci al riguardo, una cosa è certa: siamo ancora qui. Quel semplice riconoscimento è tra le affermazioni positive che possiamo offrirci andando avanti, afferma Alysse Dalessandro Santiago, la blogger queer dietro Pronto a guardare , dove scrive di accettazione del corpo. Santiago afferma che l'immagine di sé positiva inizia sempre a casa. Guardati allo specchio e parla davvero gentilmente con te stesso, poi una volta che affronti il ​​potenziale per il controllo esterno, non importa molto, perché hai un punto di vista così sicuro di te stesso, dice.



È naturale sentirsi in ansia per come verranno percepiti i nostri corpi, soprattutto dopo un periodo così lungo di relativo isolamento. Sono annoiato fino alle lacrime di allenarmi nella mia camera da letto, ma non essere circondato da uomini super in forma nella mia palestra del quartiere gay mi ha permesso di sentirmi più a mio agio nel mio corpo e sono nervoso all'idea di tornare indietro. Dobbiamo considerare quel confronto come un rumore esterno e una distrazione, dice Santiago. Ricorda a te stesso che hai lavorato sodo per sentirti bene con il tuo corpo e che non lascerai che qualcun altro, di cui non conosci la storia, lo cambi.

Quando qualcuno esprime apertamente un giudizio, questo dice di più su di loro che su di noi, osserva Santiago. È solo umano essere influenzato da commenti esterni sul tuo corpo, dice. Ma una volta superata quell'ondata di reazione iniziale, la chiave è non interiorizzare nessuna voce esterna. Ancorati a ricordare: 'Mi piaceva il modo in cui apparivo quando mi guardavo allo specchio e mi piace ancora il modo in cui sembro. E il commento di quella persona non lo cambia.'

In definitiva, qualunque cosa scegliamo di fare con i nostri corpi, dal fitness alla moda e alla presentazione di genere, dovrebbe essere per noi stessi piuttosto che una convalida esterna, un potenziale asporto significativo da così tanto tempo da noi stessi. Penso che la motivazione dovrebbe sempre essere arrivare a un posto migliore con te stesso e fare pace con te stesso, vedere di cosa è capace il tuo corpo e cosa ti fa sentire bene, dice Santiago.

Abbraccia l'autentica espressione di genere, in modo sicuro

Dalla sperimentazione di diversi modi di vestirsi a portare avanti un processo di transizione , molte persone queer potrebbero aver utilizzato del tempo in relativo isolamento per riflettere e persino apportare modifiche alla loro identità di genere. Debuttare questi cambiamenti fuori casa può essere un grande passo. Lo scenario migliore è che le persone abbiano avuto il tempo e lo spazio per navigare attraverso quel processo, dice Zermeño. Forse sono diventati più a loro agio e chiari su come vogliono presentare e si sentono più radicati nel modo in cui incarnano le loro identità.

Tradurre quell'espressione in contesti sociali può richiedere un'attenta considerazione del tuo ambiente. Anche se abbiamo visto progressi nelle questioni transgender e identità di genere, vale comunque la pena essere cauti su dove stai navigando nel mondo, afferma Francisco Sánchez, PhD, professore associato di psicologia dell'educazione, della scuola e della consulenza presso l'Università del Missouri College of Education. Sánchez suggerisce di entrare in contatto con amici che sostengono e affermano la tua identità piuttosto che avventurarsi da soli, e forse cercare persone che sono più avanti nel processo di transizione che servano da modelli preziosi.

L Come la quarantena può aiutarti a imparare ad accettare il tuo corpo e l'identità di genere L'isolamento della quarantena fa schifo, ma gli esperti di salute mentale hanno suggerimenti su come usare il tempo da soli per praticare l'auto-gentilezza e provare nuovi modi di vedere te stesso. Visualizza storia



Sentirsi affermati nella nostra identità di genere può dipendere in parte da come veniamo percepiti o da come i nostri pronomi sono rispettati nelle situazioni sociali, ma l'essenza inizia e finisce con ogni individuo, osserva Santiago. Cerca di essere consapevole che non devi a nessuno alcun tipo di espressione, dice. Finché è sicuro per te, cerca di rimanere radicato in ciò che ti ha fatto sentire bene quando eri a casa e riconosci che, qualunque cosa tu faccia, ci saranno sempre persone che hanno paura di qualcosa di diverso, dice. . Ma questo non lo rende sbagliato, e sei ancora valido nel modo in cui ti senti e in ciò che ti fa sentire meglio.

Considera dove e con chi ti senti supportato

Tornare nel mondo non significherà necessariamente riprendere da dove eravamo rimasti. Le aziende chiudono, le persone cambiano e abbiamo l'opportunità di ripensare al modo in cui interagiamo gli uni con gli altri. Un risultato positivo del dover essere più intenzionali riguardo alle connessioni sociali nell'ultimo anno è che le persone potrebbero aver sviluppato reti di supporto più forti e hanno davvero dovuto attingere a quelle connessioni autentiche, afferma Zermeño. Potrebbero esserci relazioni casuali che non vediamo l'ora di riprendere e altre che ci rendiamo conto non ci sono mai servite. Stiamo tornando tutti in contesti sociali forse un po' più perspicaci e intenzionali, dice Zermeño.

Lo stesso vale per dove scegliamo di socializzare. Sebbene gli spazi LGTBQ+ siano stati parte integrante della costruzione della comunità, possono venire con fattori di stress intra-minoritari — da problemi di immagine corporea e la competizione sociale al razzismo sessuale - questo può mettere a dura prova la salute mentale . Se torni in quegli ambienti e inizi a perdere fiducia o a sentirti infelice o invalidato, la domanda è: qual è il valore di tornare indietro? dice Sanchez. Suggerisce di provare contesti sociali che potresti non aver esplorato prima, forse meno apertamente sessualizzati di un tipico bar e imperniati su interessi comuni, come club di libri, leghe sportive o gruppi di difesa.

Una delle cose migliori che ne sono uscite è il lavoro di mutuo soccorso svolto dalle persone, nelle proteste per la giustizia sociale e nel prendersi cura della salute e del benessere reciproci, dice Zermeño. Tra così tante incognite e così tanta angoscia, le persone hanno continuato a mostrarsi l'una per l'altra e, si spera, ciò continuerà, osserva Zermeño. Nella migliore delle ipotesi forse le cose sembreranno diverse quando torneremo nel mondo e ci tratteremo l'un l'altro con più cura e considerazione.