Come diventare l'uomo che vuoi essere

Getty Images

110%: come diventare l'uomo che vuoi essere

Pagina 1 di 2

La cosa più importante è provare a fare qualcosa.
- Franklin D. Roosevelt



Prima di aver finito di leggere questo articolo, la tua vita può cambiare.



Ack. Bavaglio. Barf. Sono certo che sia questa: l'unica cosa più dolce che abbia mai scritto. Ma non lo rende meno vero. Può succedere di tutto, se sei disposto a guidare con il cuore.

OK, ora stiamo entrando negli aridi cumuli della scrittura scadente. Facciamo a meno della polvere fatata e passiamo alla scienza, perché ci sono cose stranamente interessanti a livello neurologico su come prendi decisioni che possono cambiare la tua vita in meglio.



La ricerca mostra che il cuore governa la mente. Come sappiamo questo è usando la tecnologia per dare uno sguardo all'interno del cervello. Ho parlato con il neuropsicologo clinico Vinay Bharadia su come il cervello prende decisioni importanti e cosa significa per la persona media che cerca di fare un grande balzo in avanti in termini di miglioramento della propria vita.

Qualche tempo fa ho scritto di come un improvviso lampo di intuizione - chiamiamolo un'epifania - può cambiare la tua vita in un istante e costringerti a un cambiamento importante (come una significativa perdita di peso). Quello che manca è come farlo accadere.

Ho parlato di decisioni importanti. La suddetta epifania è meno decisione che fenomeno. È meno qualcosa che fai che qualcosa che ti accade. Ma puoi ingannare il sistema per ottenere lo stesso impeto di costrizione dopo una decisione importante? La risposta potrebbe essere sì.



Se c'è qualcosa che ti piacerebbe fare, o qualcuno che vorresti diventare, spesso inizia con la decisione di farlo. E prendere quella decisione importantissima, e attenersi effettivamente ad essa, può essere realizzata meglio comprendendo il processo attraverso il quale tali cose avvengono.

Bharadia ha spiegato che, quando si esamina la neurologia di decisioni importanti, dobbiamo considerare entrambe le cose fMRI e VEDERE tecnologia di scansione. Il primo esamina i cambiamenti cerebrali basati sul flusso sanguigno e il secondo esamina l'attività elettrica del cervello. Ha spiegato che la fMRI ha una risoluzione spaziale davvero buona e che gli EEG hanno una buona sensibilità temporale. Ciò significa che le fMRI hanno la capacità di dirti dove sta succedendo qualcosa nel cervello e l'EEG può dirti quando è successo. E così, dice Bharadia, abbiamo bisogno di entrambi per capire cosa sta succedendo.

Quindi & hellip; cosa sta succedendo durante una decisione importante, o anche un'epifania?

Altro nel progetto 110%
Ottieni il 10% più forte Mangia il 10% in modo più sano Risparmia il 10% in più di denaro Fai sesso in più del 10%

Prima di tutto, vediamo una maggiore attività sulle aree visive e si ipotizza che rifletta un focus di attenzione esterno, ha detto Bharadia. Ciò significa che stiamo anticipando la risoluzione dei problemi visualizzando il nostro futuro nuovo e migliorato se dovessimo scegliere di agire. E tale attesa fa sentire bene.

Durante il periodo di riflessione di una decisione c'è una parte della metà del cervello chiamata anteriore giro cingolato (ACG) che vede molta attività, ha spiegato Bharadia. Questo perché prende le informazioni dalla parte posteriore del cervello e le trasferisce ai lobi frontali (che sono pesantemente coinvolti nel processo decisionale) più e più volte fino a quando non arriviamo a una conclusione su cosa fare.



Perché l'ACG è costantemente attivato, portando ripetutamente le informazioni dalla parte posteriore del cervello a quella anteriore? E perché le nostre decisioni sono spesso basate sull'emozione? Perché altrimenti saremmo paralizzati tramite l'analisi dei dati.

Vinay Bharadia ha spiegato che la nostra memoria di lavoro, che aiuta nel processo decisionale, può contenere solo poche informazioni alla volta. Qualsiasi decisione può essere basata letteralmente su centinaia di fattori, ma il nostro cervello non è in grado di elaborare tutte quelle informazioni contemporaneamente per prendere una decisione.

Come prova, i ricercatori di neurologia dell'Università dell'Iowa hanno spiegato in a 2000 carta in Oxford Riviste quel danno cerebrale o lesioni che interrompono il flusso di emozioni nella corteccia frontale rendono molto difficile per le persone prendere decisioni. Si presume che, senza la base emotiva per dare un senso a tutto, ci siano troppe informazioni per poter raggiungere quel momento decisivo.

Pagina successiva