Come gestire l'assegno al primo appuntamento senza renderlo imbarazzante

Uomo che paga il conto con carta di credito in una data

GettyImages



La guida definitiva per capire chi dovrebbe pagare al primo appuntamento

Rebecca Strong 26 agosto 2019 Condividi Tweet Flip 0 azioni

Niente può disturbare l'umore al primo appuntamento più del fatto che il conto viene lasciato cadere sul tuo tavolo. Certo, i cocktail erano assassini con la conversazione che scorreva liberamente, ma proprio così, l'aria cambia. È una dura situazione di stallo mentre tu e il tuo appuntamento armeggiate goffamente per i vostri portafogli.

RELAZIONATO: 7 cose che le donne si aspettano al primo appuntamento



Forse prendono la loro carta senza alcuna intenzione di pagare effettivamente, costringendoti a insistere ripetutamente sul fatto che ti piacerebbe trattare. O forse pensavi di averlo fatto pagare alla romana , ma il tuo appuntamento non sta nemmeno cercando di contribuire. Ci sono molte potenziali incomprensioni che possono verificarsi quando arriva l'assegno, ma fortunatamente è assolutamente possibile evitarle del tutto.



Secondo un recente sondaggio su 300.000 single americani, ben due terzi (63%) dei ragazzi pensano che l'uomo dovrebbe pagare al primo appuntamento. Tuttavia, meno della metà delle donne (46%) è d'accordo. E mentre quasi una donna su cinque preferisce andare in olandese, meno di un uomo su 10 è sceso a dividere il conto in modo uniforme. Sembra fastidioso, vero?

In realtà, la gestione dell'assegno non deve essere un tale enigma. La chiave è entrare nell'appuntamento con un'intenzione specifica, impostare tale aspettativa in anticipo e attenersi alle proprie armi. Per quanto riguarda dopo il primo appuntamento & hellip; beh, allora diventa un po 'più complicato, ma ti abbiamo coperto. Di seguito, esamineremo come gestire il conto in ogni fase della tua relazione.


Come gestire l'assegno al primo appuntamento


Secondo l'etichetta e esperto di relazioni April Masini, capire chi dovrebbe pagare in realtà non ha nulla a che fare con il genere. Se stai cercando una regola a cui puoi attenersi che semplifichi le cose, lei ne ha una.



Chiunque chieda dovrebbe pagare, dice. In altre parole, se chiedi a qualcuno di uscire con qualcuno, la cosa educata da fare è trattarlo.

Fondamentalmente, se fosse una tua idea prendere un drink o andare in quel nuovo ristorante, la cosa graziosa sarebbe coprire il conto con le tue monetine. Detto questo, c'è ancora una possibilità che la tua data proverà a contribuire quando arriva l'assegno. Al fine di ridurre al minimo qualsiasi potenziale imbarazzo, Masini consiglia di essere molto chiari sul tuo invito sin dall'inizio.

Ad esempio, potresti dire Lascia che ti offra la cena o Lascia che ti porti fuori, mi piacerebbe trattarti. In questo modo, la tua data può rilassarsi quando arriva l'assegno poiché hai già chiarito le cose in anticipo.

D'altra parte, se sei tu quello che è stato invitato all'appuntamento e ti senti a disagio a lasciare che l'altra persona paghi, Masini suggerisce di offrirti di coprire il conto se / quando decidi di uscire di nuovo.




Come gestire l'assegno al terzo appuntamento


Dopo che sei uscito un paio di volte, la dinamica potrebbe cambiare leggermente. Se una persona ha inizialmente pagato il conto, l'altra persona potrebbe decidere di recuperare un po 'di allentamento. Ma ci sono alcuni fattori in gioco qui: chi ha invitato, come prima, e chi è in una posizione finanziaria per trattare.

Se entrambi guadagnate importi simili, puoi iniziare ad alternare chi paga per le date, dice Masini. Questo dovrebbe avvenire in modo organico e casuale. Ad esempio, la persona che non ha pagato può ritirare i biglietti per un concerto e invitare l'altra persona. Oppure possono invitare l'altra persona per un pasto cucinato in casa che acquista e prepara.

Mentre alcune coppie possono scegliere di andare in olandese, Masini osserva che è meno romantico che spegnere chi paga l'assegno.



Non crea la sensazione di prendersi cura l'uno dell'altro, che è una bella parte delle relazioni, spiega.


Come gestire l'assegno dopo aver avviato una relazione


Quando sei in una relazione impegnata, lo status quo cambia di nuovo. Molto spesso, al termine della fase iniziale del corteggiamento, entrambe le persone nella relazione si aspettano che l'una dall'altra faccia il proprio peso. Questo è particolarmente vero una volta che vi trasferite insieme, unendo le vostre finanze come una cosa sola.

Entrambi sapete di più su quanto ciascuno di voi guadagna, risparmia e spendi, dice Masini, ed è più facile sapere chi può permettersi di trattare e come vuoi gestire i soldi in coppia. Se vivete insieme, non avete solo appuntamenti a cui pensare: dovete pensare a pagare l'affitto o il mutuo e chi paga cosa, chi è a titolo di proprietà o contratto di locazione e come risparmiate e spendete separatamente e insieme. Quando si vive insieme, chi paga per gli appuntamenti è un blip molto più piccolo sul radar, ed è sminuito da chi paga la spesa e da come stai risparmiando per le vacanze e la pensione insieme.

Naturalmente, il reddito entra ancora in gioco quando si decide chi pagherà il conto nelle date. Secondo Masini, se c'è una differenza significativa in quanto guadagnano entrambi i partner, la persona che ha la grande più alto il reddito dovrebbe pagare una porzione maggiore delle date man mano che la relazione progredisce. Detto questo, ci sono modi in cui il partner che guadagna meno può contribuire finanziariamente a modo suo.

Ad esempio, se il lavoratore più ricco va a cena la sera dell'appuntamento, l'altro partner può fare colazione (o solo caffè) la mattina successiva. È importante notare che è sempre meglio discutere apertamente questo tipo di comprensione finanziaria piuttosto che fare supposizioni. Anche se può sembrare imbarazzante parlare di chi sta pagando per cosa, è l'unico modo per assicurarti di essere entrambi sulla stessa pagina, prevenendo così il tipo di incomprensioni che generano risentimento o portano al conflitto.

E qualsiasi imbarazzo percepito intorno al conto deriva in genere dalle tue ansie o convinzioni interne.

Spesso viene trasferito dal modo in cui il denaro veniva gestito o insegnato crescendo, osserva Masini. Se ti aspetti di pagare per un appuntamento perché hai invitato qualcuno a cena, allora non c'è imbarazzo. E se ti aspetti di essere trattato a cena perché qualcuno ti ha invitato, non c'è imbarazzo.

Pagare per un appuntamento è una cosa molto personale e lo status quo varia da coppia a coppia, a seconda delle loro personalità, preferenze, redditi e altri fattori.

In alcuni casi, è più importante che una persona - indipendentemente dal fatto che abbia più o meno soldi di un partner - che paghi perché li fa sentire più capaci e cavallereschi, aggiunge Masini.

In altre parole, non esiste una regola o una formula perfetta per capire chi dovrebbe pagare in un appuntamento. In generale, se inviti qualcuno a uscire, è una buona idea coprire i costi, almeno all'inizio della relazione. Ma in caso di dubbio, parlane. Una volta che la tua relazione inizia a progredire, la tua dinamica cambierà senza dubbio, spiegando perché la comunicazione costante è la chiave. La parte migliore? Avere questi difficili colloqui fin dall'inizio non farà che rafforzare la tua relazione (e ti aiuterà a evitare di rovinare la tua cena).

Potresti anche scavare: