Come Judy cristallizza la connessione che Judy Garland ha condiviso con i suoi fan gay

C'è una scena estesa Giuda , il nuovo film biografico di Rupert Goold sulla leggendaria cantante e attrice Judy Garland, che mi ha fatto piangere mentre lo guardavo. Dopo aver tenuto un'esibizione vivace al nightclub Talk of the Town di Londra, Garland (interpretata da un'affascinante Renée Zellweger) si ritira nel suo camerino. Viene presto interrotta dalla sua assistente Rosalyn (Jessie Buckley), che le fa sapere che il locale sta chiudendo per la notte. Il suo aspetto sconfitto la porta a invitare la cantante a bere qualcosa, un'offerta che rifiuta. Ma quando esce dal locale, Garland si imbatte in una coppia gay che aspetta fuori sperando di dare un'occhiata al loro idolo. La loro genuina eccitazione rinnova il suo umore e, dopo aver scherzato un po', Judy li invita a cena fuori.



I tre sviluppano un immediato senso di cameratismo. È passata la mezzanotte e, dopo aver provato alcuni pub chiusi, la invitano nel loro appartamento, dove provano a prepararle una frittata (che rovinano aggiungendo la panna alle uova). Judy è semplicemente felice di condividere la loro compagnia, però. Gli uomini ammettono che volevano vederla esibirsi a Londra anni fa, ma non potevano andare insieme da quando uno di loro è stato imprigionato per essere gay - sei mesi per oscenità, osserva. Semplicemente non sopportano nessuno che sia diverso, risponde con calma Judy. In un altro punto, gli uomini descrivono la musica di Garland come qualcosa che bypassa le orecchie e sembra atterrare qui, puntando al cuore.

Il legame speciale di Garland con la comunità gay è stato stabilito da tempo. Almeno dalla seconda guerra mondiale, la frase gergale amica di Dorothy (come in Dorothy Gale, il personaggio di Garland da Il mago di Oz ) è stato un eufemismo per i gay in situazioni in cui la sessualità non può essere discussa pubblicamente; un mito di vecchia data narra che le rivolte di Stonewall siano state in parte innescate dalla sua tragica morte meno di una settimana prima. ( Molto probabilmente non lo erano – ma ancora.) L'impatto di Garland sulla cultura gay e lo status di icona gay sono quasi impareggiabili.



Nel suo saggio seminale Judy Garland e Gay Men , il critico Richard Dyer tenta di analizzare come Garland sia diventato così venerato all'interno della cultura gay. (Anche se è anche sicuro di chiarire che, in questo caso, cultura gay è un termine generico che si riferisce agli uomini gay bianchi urbani.) Il punto cruciale della connessione, scrive Dyer, sembra essere basato sulla relazione speciale di Garland con la sofferenza. Dopotutto, la carriera di Garland è sempre stata segnata da difficoltà: in tenera età, è stata risucchiata dall'esigente sistema degli studi di Hollywood, dove era oberata di lavoro, denutrita, drogata e sottoposto a molestie sessuali dagli uomini al potere. Queste esperienze si sono combinate in alcolismo, tossicodipendenza e una varietà di lotte per la salute mentale più avanti nella vita. E col tempo, questi stessi problemi avrebbero portato al suo famoso licenziamento dalla produzione di Matrimonio reale — esso stesso un precursore di uno dei numerosi tentativi di suicidio di Garland e della sua eventuale partenza dagli MGM Studios, dove aveva lavorato per 15 anni. Negli anni '50 e '60 - un'era in cui l'omosessualità era ancora elencata come una malattia nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali e in cui i rapporti tra persone dello stesso sesso erano ancora un crimine federale punibile dalla legge - vedere un'icona come Judy lottare e soffrire così pubblicamente mentre cercava semplicemente di trovare il suo posto nel mondo era sufficiente per ispirare una venerazione diffusa.

Foto di Renee Zellweger nei panni di Judy Garland



David Hindley Per gentile concessione di LD Entertainment e Roadside Attractions

Giuda dedica gran parte del suo tempo alla sofferenza di Garland. Il film si svolge principalmente durante l'ultimo anno di vita dell'artista, quando Judy aveva già infangato la sua reputazione (presentendosi in ritardo, presentandosi sotto l'influenza o non presentandosi affatto). La scena di apertura vede Garland in uno dei concerti a basso reddito che è stata costretta a iniziare ad assumere, incorporando i suoi figli nella sua recita perché semplicemente non c'era nessun altro posto dove stare. In seguito torna al suo hotel solo per scoprire di aver perso la sua suite perché non può più permettersi di pagarla. Senza un posto dove dormire, si presenta alla porta del suo ex marito, Sidney Luft, che minaccia spietatamente di citare in giudizio Garland per la custodia dei loro figli. Il film è intriso del dolore di Judy.

Ma questo fa risaltare anche i rari momenti di gioia che Judy sperimenta (come la sua esperienza con la coppia gay). Per qualcuno intrappolato in un ciclo di incrollabile miseria, ogni momento puro ha la capacità di cambiare la vita (o, per lo meno, affermare la vita). Anche se la notte che Judy trascorre con la coppia sicuramente non impedisce la sua caduta definitiva, le offre sicuramente una breve tregua.



Altrove nel suo saggio, Dyer ha sostenuto, l'uso dell'immagine di Garland da parte degli uomini gay costituiva una sorta di apertura pubblica o di coming out prima dell'emergere della politica di liberazione gay. Per supportare la sua affermazione, ha parlato con un certo numero di fan gay delle loro esperienze ai concerti di Garland. Uno ha detto a Dyer, C'era un'esuberanza, una vivacità, una comunità di sentimenti che era abbastanza nuova per me e probabilmente abbastanza rara comunque allora. Era come se il fatto che ci fossimo riuniti per vedere Garland ci desse il permesso di essere gay in pubblico per una volta. In un articolo del 1972 per Notizie gay che rifletteva sull'eredità di Garland, ha ipotizzato il critico teatrale Barry Conley, forse la maggior parte di quel pubblico ha visto in Judy un perdente che stava combattendo in vita, e loro stessi potrebbero tracciare un parallelo con questo.

Quest'ultima citazione suona particolarmente vera in Giuda , in particolare nella conclusione del film. La residenza a Talk of the Town è stata, probabilmente, il modo in cui Judy ha reagito alla vita. Aveva accettato l'incarico con tutte le intenzioni di risparmiare abbastanza soldi per poter tornare negli Stati Uniti e riprendere il suo ruolo di madre. Ma spronata dal suo trauma emotivo, è diventata ancora una volta la perdente, alla fine è stata licenziata dopo aver subito diversi guasti sul palco. Prima che fosse disposta a farla finita ufficialmente, tuttavia, Judy usa il suo fascino per tornare sotto i riflettori per un'ultima esibizione. Ed è qui che finalmente si lancia nella canzone che il pubblico stava aspettando: la sua firma, Somewhere Over the Rainbow.

Non arriva molto alla performance prima di scoppiare a piangere. E quando le lacrime travolgono la sua capacità di continuare a cantare, la telecamera fa una panoramica del pubblico e poi ingrandisce la coppia gay, che era lì per vederla di nuovo. Quasi immediatamente, si alzano e iniziano a cantare ad alta voce, riprendendo da dove Judy si era interrotta. Alla fine, altri si uniscono al canto, ma è chiaro che questo momento significa più per loro che per chiunque altro in quella stanza. In quel momento, entrarono in empatia con il dolore di Judy; hanno visto un perdente che stava combattendo contro la vita e hanno scelto di darle il supporto che hanno sempre sentito da lei.

Questi uomini erano stati in prigione e ritorno per qualcosa che era fuori dal loro controllo, e Judy sapeva fin troppo bene cosa significasse essere diversi. Ancora più importante, sapeva cosa significava trovare qualcuno in grado di farti sentire a tuo agio in quella differenza. Nel linguaggio moderno, questo renderebbe Judy un'alleata. Ma nell'ambientazione della fine degli anni '60 del film, è lei che li guarda e dice: mi sento come se avessi degli alleati. Sicuramente il sentimento era reciproco.