Come prepararsi per la prima visita a casa dopo la transizione

Per molte persone trans, le vacanze di fine anno possono essere stressanti.



Potresti tornare a casa cari che non supportano completamente o non capiscono la tua identità. Aggiungi a ciò tutti i fastidi banali del paracadutismo in un affare di famiglia: domande prepotenti, abbracci troppo lunghi da uno zio che hai incontrato otto volte nella tua vita e essere assillato come se avessi di nuovo 14 anni.

Poiché il viaggio diventa più comune quest'anno, molte persone di nuova transizione lo sono tornare a casa per le vacanze come loro sé autentici per la prima volta. L'isolamento della pandemia di COVID-19 potrebbe averti fornito un momento di benvenuto lontano da occhi indiscreti per apportare alcuni cambiamenti importanti. O forse sei passato anni fa ma non ti sei sentito a tuo agio nel vedere la famiglia e i tuoi cari di persona fino ad ora.



L'allontanamento dalla famiglia ha i suoi vantaggi e svantaggi, ma la maggior parte di noi alla fine deve affrontare la sfida di varcare la soglia di casa per la prima volta come se stessi, vedendo volti familiari e mettendo in campo sguardi scomodi.



Per aiutarti a prepararti a questa possibilità, ecco un breve elenco di suggerimenti per aiutare chiunque sia tornato a casa per la prima volta a mostrare chi è sempre stato.

Stabilisci i confini

I confini sono una parte sana ed essenziale di tutte le relazioni, anche familiari. Assicurati di far sapere alla tua famiglia cosa è appropriato discutere con te e cosa supera il limite.

Forse ti senti a tuo agio nel discutere gli effetti della terapia ormonale, per esempio, ma vuoi che i tuoi piani chirurgici siano off-limits. Forse non vuoi discutere di nulla relativo all'assistenza sanitaria correlata alla transizione. O forse sei un libro aperto. I confini di ognuno sono in un posto diverso.



Qualunque siano le tue, comunicale in modo diretto prima di presentarsi per le vacanze contribuirà a rendere l'esperienza più piacevole. È sempre meglio chiarire in anticipo quanta più incertezza possibile per cercare di prevenire l'insorgere di situazioni imbarazzanti.

Se vivi lontano dalla tua famiglia allargata, come me, va benissimo chiedere ad altri membri della famiglia di fare parte del lavoro per portare il resto dell'equipaggio al passo con i tempi. Se c'è un familiare fidato che si offre volontario per essere il tuo avvocato e messaggero, puoi risparmiarti un po' dello stress di ripeterti una dozzina di volte.

Trova amici che ti ascolteranno

Il confronto non è mai divertente ed evitarlo con la famiglia durante le vacanze è fondamentale per molte persone trans che visitano casa per la prima volta. Puoi comunicare i tuoi limiti in anticipo e fare del tuo meglio per rafforzarli, ma inevitabilmente si verificheranno conflitti e microaggressioni.

Come primo livello di protezione, è bello avere un amico con cui puoi sfogarti in privato sull'esperienza: qualcuno che ti ascolti esprimere il tuo fastidio per il modo in cui si comporta la tua famiglia. Forse qualcuno a casa sta facendo troppi commenti borderline, o stanno intenzionalmente fraintendendo la tua esperienza, ed è qui che un orecchio amichevole (o pochi) può tornare utile.

Quasi tutti hanno una chat di gruppo in questi giorni, quindi assicurati di appoggiarti alla tua quando ti senti irritato, ma non del tutto sopraffatto. È bello sfogarsi per evitare di traboccare. E un giorno, quando arriverà il momento, pagalo in avanti: in poco tempo avrai amici che sono passati più di recente di te che avranno bisogno di supporto durante i loro primi viaggi a casa.

Non aver paura di andartene



Detto questo, se la situazione diventa insopportabile, non dovresti esitare ad andartene se puoi. Questo potrebbe essere impossibile per molte persone, ma se hai un amico che ti ha offerto un posto dove stare, o se è solo un breve tragitto in auto per tornare nel tuo spazio, lasciare un ambiente che ti sta danneggiando attivamente è la cosa migliore per azione.

La tua famiglia potrebbe non capire cosa stai facendo, ma la tua salute mentale e fisica dovrebbe essere la tua priorità assoluta, qualunque cosa accada. La tua famiglia avrà tempo per saperne di più sulle persone transgender, ma potresti non avere la resistenza emotiva per affrontare l'essere di genere sbagliato per la quarantesima volta, quindi va bene mettersi al primo posto in questo momento vulnerabile.

La rabbia nel momento probabilmente si placherà, e poi tu e la tua famiglia potrete riprendere a discutere di ciò che ha portato alla vostra rinuncia e per capire cosa si può fare in futuro per assicurarvi di sentirvi al sicuro e amati. Rimanere in una situazione dannosa perché hai paura di ferire i sentimenti di qualcun altro ti farà solo del male di più.

Il Grand Marshall CJ Duron, con i suoi genitori Matt e Lori, lancia coriandoli mentre danno il via al 5 suggerimenti su come dichiararsi alla tua famiglia come non binari Quattro persone non binarie discutono delle strategie che hanno usato quando fanno coming out con i loro cari. Visualizza storia Preparare risorse per evitare di fare lavoro emotivo

Quando ho fatto coming out per la prima volta con i miei genitori, sapevo che sarebbero stati di supporto, ma non volevo spiegare eccessivamente ogni punto di base su cosa significasse essere transgender. Ho preparato una serie di link e libri che potevo inviare ai miei genitori per aiutarli a capire cosa stavo passando e come potevano sostenermi al meglio.

Questo primer in due parti da Cassie LaBelle è molto disponibile ed è un'ottima risorsa da inviare ad amici e famiglie prima di arrivare. Assicurati di controllare le fonti prima che la tua famiglia le cerchi da sola è probabilmente l'idea migliore. In questo modo puoi assicurarti che ciò che stanno leggendo sia effettivamente utile invece che fuorviante o, peggio, transfobico.

Tieni a portata di mano i numeri della hotline

Se le cose ti sembrano troppo quando hai a che fare con la tua famiglia, o se sei solo per le vacanze perché non hai una famiglia da visitare, sappi solo che ci sono sempre persone pronte a parlare se stai provando sentimenti di suicidio. Le vacanze possono essere un periodo emotivamente turbolento e faticoso, ma l'aiuto è sempre una telefonata. Sia il Trevor Project che Trans Lifeline offrono hotline per chiunque abbia bisogno di un posto sicuro e privo di giudizi per parlare con qualcuno. Tieni questi numeri a portata di mano e non esitare a usarli.

Il numero del Trevor Project è 1-866-488-7386 e il loro sito web lo è thetrevorproject.org .

Il numero di Trans Lifeline è 1-877-565-8860 e il loro sito Web può essere trovato all'indirizzo translifeline.org .

Inoltre, se tu o qualcuno che conosci è in crisi, chiama il Linea di sicurezza nazionale per la prevenzione del suicidio al 800-273-8255, manda un messaggio a HOME al 741741 o visita SpeakingOfSuicide.com/resources per risorse aggiuntive.