Come puoi combattere la regola discriminatoria di Trump che prende di mira i senzatetto trans

L'alloggio non è per tutti, o almeno questo è ciò che l'amministrazione Trump ha proposto con modifiche annunciate alla Regola di Parità di Accesso del Dipartimento per l'Abitazione e lo Sviluppo Urbano.



La regola, annunciata dall'HUD a luglio, cerca di dare il via libera alla discriminazione da parte delle organizzazioni religiose mentre avanza narrazioni pericolosamente false secondo cui ospitare le persone trans in modo sicuro e appropriato metterà in pericolo altre persone vulnerabili, come le donne cisgender che sono sopravvissute alla violenza domestica. Il loro obiettivo finale è chiaro: l'amministrazione Trump vuole esporre le persone trans a violenza e danni all'interno dei rifugi e scoraggiare le persone trans senzatetto dall'accesso a queste risorse.

Con questo recente attacco alla vita delle persone trans e di genere non conforme, la discriminazione abitativa ora ha una casa in America. Ma in realtà, questo è sempre stato il caso delle persone trans nere e marroni, specialmente quelle di noi che vivono negli Stati Uniti meridionali. L'alloggio offre sicurezza e protezione a molte persone e le persone trans non fanno eccezione. Ma storicamente, le persone trans - e in particolare le persone trans nere e marroni - hanno sempre subito discriminazioni quando tentavano di accedere a un rifugio.



Le persone trans, in particolare le persone trans di colore, devono affrontare alti tassi di discriminazione abitativa, insieme ad altre forme di discriminazione che contribuiscono all'essere senzatetto. Secondo il Sondaggio transgender negli Stati Uniti 2015 , condotto dal National Center for Trans Equality, quasi il 30% degli intervistati ha riferito di essere senzatetto ad un certo punto della propria vita. La stessa indagine, che ha intervistato oltre 25.000 persone, ha rilevato che di coloro che sono rimasti in un rifugio nell'ultimo anno, il 70% ha segnalato una qualche forma di maltrattamento a causa di essere trans.



Ciò significa che le persone trans erano già state esposte a esperienze ostili e talvolta violente nei rifugi di emergenza. La proposta regola dell'HUD aumenterà solo il numero di persone trans che, per paura della violenza e della discriminazione, non accederanno a rifugi finanziati con dollari federali e metterà quelle persone a maggior rischio di violenza nelle strade mentre cercano di sopravvivere. La violenza che sentiamo sulle persone trans che subiscono ogni giorno è completamente prevenibile.

Chiediamo al pubblico di aggiungere un commento tramite il portale Housing Saves Lives Coalition in questo momento e di condividere il motivo per cui questa regola sarebbe un errore. L'alloggio salva letteralmente vite e ci tiene al sicuro. Per le persone trans nere, e in particolare le donne trans nere, proteggerle è più importante che mai.

Questa regola dell'HUD è stata annunciata senza cuore durante la pandemia di COVID-19, che ha causato quasi 190.000 vittime negli Stati Uniti ; ha lasciato molti senza lavoro, senza accesso all'assistenza sanitaria e più vulnerabili che mai a diventare senzatetto. Sappiamo che le persone e le comunità nere e marroni sono state le più colpite da questa pandemia. Inoltre, è stato rilasciato durante le epidemie gemelle di brutalità della polizia contro i neri e l'uccisione di persone trans nere . Dall'inizio di maggio, abbiamo perso almeno 18 persone trans alla violenza mortale, la maggior parte delle quali erano donne trans nere che vivevano nel sud. Durante questo periodo, furono assassinati anche due uomini trans neri.



Tuttavia, con le rivolte per difendere le vite dei neri e le richieste a livello nazionale di definanziare la polizia nelle città di tutto il paese, c'è un'opportunità per centrare le voci e il lavoro di coloro che sono più colpiti dalle mosse violente e discriminatorie dell'amministrazione Trump.

L'accesso all'alloggio e ai servizi di emergenza è necessario per mantenere le persone il più al sicuro possibile durante questi tempi difficili e senza precedenti. Un modo per garantire l'accesso è sostenere le organizzazioni locali guidate e di supporto trans che lavorano per creare spazi sicuri per le persone trans, in particolare le donne trans nere. Un esempio è La casa di mia sorella , un rifugio di emergenza situato a Memphis, Tennessee, che è stato co-fondato da me ed Ellyhnna Christina Wattshall nel 2017. Attualmente stiamo lavorando per raggiungere il nostro obiettivo di fornire la proprietà della casa alle donne trans nere e marroni.

Il Casa dei Tulipani a New Orleans, TGIJP a San Francisco, Coalizione Trans Housing ad Atlanta, e Morris casa a Filadelfia ci sono altri esempi di organizzazioni che stanno lavorando per fornire l'alloggio e la sicurezza di cui le donne trans nere hanno bisogno per sopravvivere e prosperare. Ci sono anche rifugi trans-guidati di lunga data come Casa Rubino a Washington, DC, e Organizzazione Trans Latina a Houston, Texas. Supportare questi spazi sicuri è vitale.

Anche il Transgender Law Center, dove lavoro come Organizzatore Regionale del Sud, fa parte del L'edilizia salva la coalizione . A partire dal 24 luglio, è aperta una finestra di commento di 60 giorni e chiediamo ai membri del pubblico di aggiungere un commento tramite il portale Housing Saves Lives Coalition in questo momento e di condividere perché questa regola sarebbe un errore. L'alloggio salva letteralmente vite e ci tiene al sicuro. Per le persone trans nere, e in particolare le donne trans nere, proteggerle è più importante che mai.

Kayla Gore è senza scuse trans e nera. È l'organizzatrice regionale meridionale del Transgender Law Center e co-fondatrice e direttrice esecutiva di My Sistah's House, un'organizzazione che serve la comunità LGBTQ+, e prevalentemente donne trans di colore, a Memphis.