L'Ungheria vieta alle coppie queer di adottare bambini nell'ultimo attacco ai diritti LGBTQ+

L'Ungheria ha approvato una legge a lungo attesa che vieta le adozioni tra persone dello stesso sesso nel mezzo di un giro di vite sui diritti LGBTQ+ nel paese dell'Europa orientale.



Approvato martedì, il nuovo regolamento vieta alle persone sole o non sposate di adottare bambini, che secondo i critici è un di fatto divieto di adozioni LGBTQ+. L'Ungheria, una delle nazioni culturalmente più conservatrici dell'Europa orientale, vietato il matrimonio tra persone dello stesso sesso negli emendamenti alla sua costituzione istituiti nel 2012.

Secondo Notizie NBC, Il ministro della giustizia ungherese Judit Varga ha affermato che ci sarebbero state delle eccezioni fatto nei casi in cui, ad esempio, un bambino i cui genitori sono deceduti viene adottato da una zia, ma Varga ha suggerito che tale dispensa non sarebbe stata concessa alle coppie dello stesso sesso. la regola principale è che solo le coppie sposate possono adottare un bambino, ha detto, cioè un uomo e una donna sposati.



I gruppi di difesa globale hanno condannato il divieto, con Amnesty International che si è lamentata del fatto che martedì è un giorno oscuro per la comunità LGBTQ ungherese e un giorno oscuro per i diritti umani.

Gay Pride Parade a Budapest, Ungheria Ungheria e Polonia lanciano una nuova aggressione ai diritti LGBTQ+ sotto la copertura della pandemia L'Ungheria sta spingendo per vietare le adozioni tra persone dello stesso sesso, mentre gli attivisti anti-LGBTQ+ in Polonia vogliono mettere fuori legge le parate del Pride. Visualizza storia



Queste nuove leggi discriminatorie, omofobiche e transfobiche, introdotte di corsa sotto la copertura della pandemia di coronavirus, sono solo l'ultimo attacco alle persone LGBTQ da parte delle autorità ungheresi, ha affermato David Vig, direttore di Amnesty International per l'Ungheria, in una nota.

La legislazione includeva anche due ulteriori emendamenti alla costituzione ungherese che miravano alla comunità transgender. La prima afferma che una madre è una femmina e il padre è un maschio, mentre la seconda afferma che il Paese protegge l'identità personale del sesso dei bambini dalla nascita. Quel linguaggio potrebbe essere interpretato come una limitazione del diritto delle persone trans ad avere figli o a vivere secondo la loro identità di genere, anche se Varga non ha fornito chiarimenti.

Una bozza del disegno di legge è stato originariamente presentato all'Assemblea nazionale ungherese a novembre ed è stato ampiamente considerato sicuro di passare con il Partito Fidesz di estrema destra che controlla i due terzi dei seggi parlamentari. All'inizio di quest'anno, il paese ha fatto notizia a livello internazionale dopo aver approvato la legislazione impedire alle persone trans di correggere l'identità di genere elencati sui loro certificati di nascita.



La legge è stata finalizzata sulla scia di uno scandalo in cui József Szájer, un parlamentare del partito al governo Fidesz, è stato arrestato dalla polizia dopo aver tentato di fuggire da un'orgia gay in Belgio tenutasi contro le sue restrizioni COVID-19. Szájer, autore del divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso in Ungheria, da allora si è dimesso.