Se questa è 'l'età del ragazzo', allora per favore Dio ci porti ora

Nel 1894, artista e autore britannico W. Graham Robertson seduto per essere dipinto dal ritrattista americano John Singer Sargent. Nel cuore dell'estate, Robertson ha indossato un cappotto lungo con colletto di velluto e ha posato accanto al suo barboncino, Mouton. Sargent ha dipinto di proposito il dandy londinese per apparire il più snello e giovane possibile. Gli esperti hanno definito il lavoro omoerotico per l'epoca. Secondo Robertson, non aveva idea del perché Sargent avrebbe voluto dipingerlo.



Era una finta ingenuità, afferma il dottor Jonathan Katz, direttore del programma di dottorato in studi visivi per l'Università di Buffalo. Questa è una classica storia per ragazzi.

Contrariamente a quanto un recente Articolo della rivista T — Welcome to the Age of the Twink — potrebbe farti credere che l'età del twink non è mai davvero finita.



Se non lo sapevi già, 'twink' è un termine che si riferisce a uomini omosessuali, snelli, glabri e solitamente effeminati. E secondo T Magazine, siamo all'alba di una nuova era di twinkdom celebrità, questa volta guidata principalmente da uomini eterosessuali: Timothée Chalamet e il suo ruolo in Chiamami col tuo nome , Tye Sheridan, il protagonista Giocatore pronto uno e Lucas Hedges Lady Bird . La storia segue la storia di questa rivelazione e passa rapidamente al setaccio le sue variazioni, come il corpo del 'tunk' (che è 'ragazzo' più 'fusto') di Zac Efron. Questi ultimi twink, dichiara, sono 'art twink' ispirati al lavoro fotografico di Ryan McGinley e le modelle predilette durante i tre anni di Hedi Slimane come direttore creativo di Saint Laurent.



Gli esempi di ragazzi di T Magazine sono per lo più bianchi, tranne la strana inclusione di Jaden Smith. L'articolo fa quindi perno, postulando che l'ascesa dell''art twink' è una reazione culturale alla mascolinità tossica. Li chiama una nuova risposta al problema di ciò che rende un uomo. Ma i ragazzi hanno rappresentato a lungo una forma alternativa di mascolinità per gli uomini bianchi, e supporre che non fosse così non è storico.

Per me, twink è il termine corrente per qualcosa che risale all'antica vita greca, dove la struttura dell'omosessualità maschile presupponeva un giovane ragazzo glabro come oggetto erotico, dice il dottor Katz, il cui lavoro si trova in gran parte all'intersezione della storia dell'arte e della storia queer. Ma l'abbiamo visto fino ad oggi, e ovviamente in vari punti è diventato piuttosto articolato.

Come osserva il dottor Katz, la forma fisica del ragazzo appare nell'arte nel corso della storia, molto prima che il termine trovasse il suo significato attuale. Ma quando è iniziato il movimento per i diritti queer, gli uomini gay hanno iniziato ad attribuirsi nomi ed etichette, tra cui twink. Il termine ha sempre avuto connotazioni queer; è curioso che una parola del genere sia separata da questo contesto storico, ripulita dalle connotazioni sessuali queer e applicata come termine generico per un fenotipo di uomini eterosessuali. Soprattutto quando quella stessa etichetta ha storicamente escluso le persone di colore dai suoi ranghi, indipendentemente da quanto possano essere i loro corpi.



Il ragazzo ideale, come era [originariamente] usato il termine, non era solo bianco ma biondo, dice il dottor Katz, spiegando la natura originale iper-razzializzata della parola. Come osserva, questa definizione si è ampliata nel tempo per includere altre categorie etniche, a cominciare dagli uomini asiatici. Penso che la progressione di chi passa al twinkdom sia in realtà estremamente rivelatrice dal punto di vista culturale. La mia ipotesi è che troveremo gli afroamericani come l'ultimo gruppo ad entrare nel twinkdom.

Sulla scia della pubblicazione dell'articolo di T Magazine, uomini queer e persone di colore non binarie ha preso a Sociale metà per discutere proprio di quell'esclusione, concordando quasi uniformemente sul fatto che i corpi neri non sono stati inclusi sotto la tenda del ragazzo. La risposta di un utente di Twitter ha fornito una critica perspicace: gli uomini di colore non sono spesso visti come ragazzi, ha scritto, perché sono sessualmente ipermascolati, bestie a letto, troppo grandi come feticci per essere la cosa carina e vulnerabile.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

E l'idea conferma: i ragazzi sono sempre stati considerati come dotati di una natura femminile. È un tipo di identità sfumata che storicamente agli uomini di colore è stata negata; nell'immaginazione popolare, agli uomini di colore è consentito solo incarnare gli estremi. E sebbene il volto della mascolinità nera abbia iniziato a cambiare e diventare più multidimensionale nella cultura pop, anche questo è un fenomeno recente.

C'è molto da dire sui ragazzi, sia su come le connotazioni della parola siano oscillate dall'insulto all'elogio e viceversa, o su come la cultura dei ragazzi sia servita da microcosmo di come i corpi neri siano esclusi dalle rappresentazioni sfumate di genere e sessualità . Ma dire che ora viviamo in una sorta di età dell'oro, eterosessuale, di leggende glabre e magre, e per estendere quell'idea in un commento in che modo questa nuova era è una risposta a un districarsi femminile di mascolinità tossica? Come ha detto il Dr. Katz quando gli è stato chiesto: Assolutamente no.



Via Mikelle è una scrittrice freelance con sede a Manhattan. Il suo lavoro tratta generalmente soggetti della moda che sono persone di colore o che si identificano come queer, e le intersezioni in esse contenute. I suoi tweet sono... spesso appassionati.