Il problema dell'ossessione di Internet per il queerbaiting

Harry Styles, Kit Connor, Cardi B e altri personaggi pubblici sono stati presi di mira per 'queerbaiting'. Le accuse non sono così semplici come pensi.
  L'immagine può contenere Vaso di ceramica vegetale Vaso e cibo Foto tramite Getty Images

A meno che tu non sia uno di quegli omosessuali illuminati che vivono la propria vita beatamente offline, quasi sicuramente hai visto o sentito la parola ' queerbating ” sbandierato nelle ultime settimane. Il termine è diventato quasi inevitabile su Internet, sia che venga usato per discutere del queerbaiting stesso o del temuto (ma molto reale) discorso sul discorso.



All'inizio di questo mese, Kit Connor, che è diventato uno dei preferiti dai fan queer per aver interpretato Nick Nelson nella serie Netflix estremamente gay Fermacuori , affrontato accuse inquietanti dopo che un video di lui che si tiene per mano con una co-star femminile ha fatto il giro su Twitter. (Connor, vale la pena notare, ha solo 18 anni.) Ad agosto, Stili di Harry , forse l'obiettivo principale del discorso queerbaiting, ha affrontato una polemica in corso sulla sua estetica queer spesso borderline, dicendo che 'non era mai uscito con nessuno pubblicamente'. Persino Cattivo coniglietto non poteva sfuggire alle grinfie delle accuse di 'queerbaiting' dopo aver baciato un uomo sul palco. (Piccole, questo non è adescamento. È solo strano.)

Sebbene queerbaiting possa sembrare un termine sciocco che alimenta l'ira di Internet, una volta ha dato il linguaggio a una fonte prevalente di sfruttamento per le persone LGBTQ+. Di seguito, ci stiamo immergendo in tutte le cose queerbaiting, dalle sue origini improbabili alle sue implicazioni contemporanee.

Cos'è il queerbaiting?

Come con molti termini con origini in gran parte guidate dai social media, l'origine e il significato di queerbating ” sono nebulosi. Uno dizionario lo definisce come 'la pratica di implicare relazioni o attrazione non eterosessuali (in un programma televisivo, ad esempio) per coinvolgere o attirare un pubblico LGBTQ o altrimenti generare interesse senza mai rappresentare effettivamente tali relazioni o interazioni sessuali'. Pensa al vagamente saffico poliziesco procedurale Rizzoli e Isole, i cui ideatori ha ammesso di 'alzare la tensione' tra i personaggi principali per attirare fan queer. Il suo utilizzo va ben oltre i programmi TV e i film, però. Al giorno d'oggi, quasi tutti coloro che si fanno sembrare LGBTQ+ quando non lo sono possono essere accusati di queerbaiting, un'evoluzione del termine che



Anche se il queerbaiting può sembrare come se fosse nato dall'etere negli aughts, quando un mucchio di le ragazze pop sono state accusate della pratica , la sua storia risale a molto più indietro.

Qual è la storia del queerbaiting?

Si pensa che il termine specifico 'queerbaiting' abbia avuto origine tra le comunità di fan su Tumblr e altri social network all'inizio degli anni 2010, ma la pratica di ritrarre sottilmente la queerness pur mantenendo una negazione plausibile ha una storia più lunga.

Di fatto era illegale ritrarre la queerness in un film, grazie a Codice Hays , un elenco di principi per l'autocensura a Hollywood che è stato introdotto negli anni '30 e ha governato l'industria fino al 1968, quando è stato sostituito dal sistema di classificazione dei film MPAA. Prima del suo diffuso adattamento, non era così raro da vedere omosessualità rappresentata nei primi film . Ma le cose sono cambiate quando il Codice Hays ha proibito la rappresentazione di 'perversione sessuale', insieme a 'danza oscena', l'uso di liquori e 'schiavitù bianca'.

Tuttavia, i registi hanno comunque trovato il modo di intrufolare allusioni alla queerness nei film. Il trucco per superare il Codice Hays consisteva nell'assegnare tratti a personaggi che erano culturalmente intesi come associati a persone LGBTQ+, lasciandoli abbastanza vaghi da consentire ai realizzatori di affermare tecnicamente di essere conformi agli standard del Codice. ( Suona familiare? )

Sebbene le industrie cinematografiche e televisive non siano più strutturalmente omofobe come una volta, l'eredità del Codice Hays sopravvive, sia nei media che nel mondo in generale: basta chiedere Billy Eichner . Mentre in precedenza, i registi usavano sottotesto omoerotico per includere contenuti queer pur essendo in grado di rastrellare dollari eterosessuali, il queerbaiting usa sottotesto omoerotico mai realizzato per attirare il pubblico queer (e i nostri soldi) senza alienare il pubblico etero.

Quando gli americani LGBTQ+ hanno iniziato a divertirsi maggiore accettazione da parte della società negli anni 2010, le briciole che bastavano per la rappresentazione, comprensibilmente, non erano più sufficienti per il pubblico, soprattutto quello giovane, online e assetato di giustizia. Come critica mediatica femminista si è democratizzato attraverso piattaforme di blog come Tumblr, il termine 'queerbaiting' è stato reso popolare nelle critiche a spettacoli come Soprannaturale , Sherlock , e Il 100 , secondo gli esperti di cultura di Internet intervistati dal BBC . Gli showrunner sono stati accusati di aver inserito un sottotesto omoerotico sufficiente per far impazzire i fan con le speculazioni, senza mai concretizzare quelle relazioni.

Soprannaturale è forse l'esempio più famigerato di queerbaiting, con un finale così selvaggiamente omofobo (e degno di un meme) che l'ho annoverato tra i primi Momenti di cultura queer del 2020 . Durante le 15 stagioni dello show, gli scrittori stuzzicato una relazione tra i personaggi principali Dean Winchester e l'angelo Castiel, solo per gli attori dello spettacolo deridere i fan si erano attirati.

Oggi, nonostante praticamente tutto il resto per le persone queer e trans sia terribile, stiamo vivendo un'epoca d'oro per la rappresentazione LGBTQ+. Mostra come Fermacuori (che a sua volta è diventato popolare su Tumblr), film come Isola di fuoco e persino podcast basati sulla narrativa come Benvenuti a Night Vale non c'è bisogno di queerbait per assecondare il pubblico; ora abbiamo un eccesso di media popolari che non hanno paura di mettere in primo piano i personaggi e le relazioni queer. Ma il queerbaiting, che un tempo era un grido di battaglia per la responsabilità di una dinamica di sfruttamento creatore-fan, è diventato un'accusa che alla fine potrebbe danneggiare, piuttosto che aiutare, le persone LGBTQ+.

Come abbiamo perso la narrativa sul queerbaiting

Come con termini come ' illuminazione a gas ', 'love bombing' e 'gatekeeping', 'queerbaiting' era una frase un tempo utile che è diventata così abusata che ha quasi perso ogni tipo di significato coerente. Queerbaiting una volta era usato principalmente per riferirsi a personaggi di fantasia e applicato a film, programmi TV e altri media che portavano il pubblico a credere che qualcuno fosse queer. Oggi viene sempre più utilizzato per riferirsi a persone reali, per lo più celebrità, che sembrano o si comportano in modo strano senza dire esplicitamente o dichiararsi queer.

Prendi alcuni degli esempi sopra menzionati. Quando Kit Connor è stato accusato di queerbaiting per essersi semplicemente tenuto per mano Fermacuori co-protagonista Maia Reficco, lui successivamente cancellato il suo Twitter vendita all'ingrosso. Harry Styles, nel corso della sua carriera da solista, è stato accusato di aver presumibilmente sfruttato l'estetica queer per aver indossato abiti 'da donna' e di essersi rifiutato di chiarire la sua sessualità, con l'ultimo giro di ire scatenato da un'intervista di agosto in cui ha affermato la sua sessualità 'non importava'.

È qualcosa che abbiamo visto da tutti i tipi di personaggi pubblici: quando Con affetto, Simone autrice Becky Albertalli è uscito come bisessuale nel 2020, ha notato che si sentiva costretta a farlo a causa del modo in cui era stata accusata di capitalizzare le storie queer come persona etero. Quando Normani ha pubblicato un video musicale in cui lei e Cardi B si sono abbracciati sensualmente, ha ispirato accuse queerbaiting, ignorando che il rapper è apertamente bisessuale . Anche Gerard Way dei My Chemical Romance lo è stato accusato di queerbaiting , nonostante affermando pubblicamente che “hanno sempre identificato in buona parte il genere femminile” e che usano sia lui che loro pronomi .

In molti casi, le persone accusate di 'queerbaiting' semplicemente non hanno definito la loro sessualità in termini concreti per il pubblico. Sebbene possa essere frustrante vedere celebrità che assumiamo (la parola chiave è 'assumere') essere cis e adottare estetiche e pratiche queer, nessun personaggio pubblico ci deve alcuna informazione sulla loro sessualità. Alla fine, accuse queerbaiting spogliano le figure pubbliche della loro umanità e complessità e le trasformano in personaggi per il nostro consumo.

Sessualità e genere sono complessi. Le etichette che usiamo per descrivere le nostre identità possono aiutarci a trovare comunità con altri che condividono esperienze simili. Ma vale anche la pena ricordare che le etichette hanno lo scopo di descrivere la nostra interiorità, non di incapsularla interamente. Ciò che significa bisessuale per me, ad esempio, è probabilmente completamente diverso da ciò che significa per molte altre persone che potrebbero usare la stessa etichetta. Questo non rende nessuno di noi meno bisessuale; illustra solo che le parole vanno così lontano nel descrivere chi desideriamo e come. Se ci aspettiamo che gli altri sappiano esattamente chi sono in ogni momento e che siano arrivati ​​alla conclusione della loro sessualità e/o genere senza ulteriori complicazioni o domande, ciò scoraggia le persone dall'esplorazione e dalla curiosità. E non sono quegli aspetti fondamentali di ciò che dovrebbe essere la queerness?