Da

La scienza folle dietro ciò che accade al tuo cervello durante l'orgasmo

Per decenni, gli scienziati sono stati sicuri che il cervello abbia un ruolo importante nel raggiungimento dell'orgasmo, ma si sapeva poco su quali parti del cervello fossero coinvolte. Si chiedevano, ad esempio, se esistesse un unico 'centro di orgasmo' nel cervello responsabile di quel meraviglioso punto di climax (spoiler: non c'è).

Uno degli scienziati all'avanguardia è Janniko Georgiadis (PhD) presso l'Università di Groningen nei Paesi Bassi. Dall'inizio degli anni 2000, Georgiadis e il suo team hanno utilizzato scanner per tomografia ad emissione di positroni (PET), un dispositivo di neuroimaging simile a una macchina per risonanza magnetica, per tracciare l'attività cerebrale prima, durante e dopo l'orgasmo.

Hanno scoperto che molte parti del cervello lavorano insieme per creare gli stati mentali distinti e le risposte fisiologiche che si verificano durante l'eccitazione e il climax. Hanno anche scoperto che capire quali parti del cervello si chiudono è importante quanto quelle attive.





È importante notare che ci sono limiti a questi studi. La tecnologia non è ancora abbastanza avanzata per farci sbirciare nel cervello durante un incontro sessuale naturale. Lontano dall'ambiente più confortevole della camera da letto, i volontari si trovano sui letti dello scanner e usano la mano amica di un partner per raggiungere l'orgasmo.

Gli studi mancano di ciò che accade al cervello che porta al sesso, come durante i preliminari. Invece, la mappatura del cervello inizia con la stimolazione delle aree genitali e arriva fino a poco dopo il punto dell'orgasmo che, ai fini degli studi, è definito come il momento dell'eiaculazione negli uomini e degli spasmi involontari del muscolo pelvico nelle donne.

Limiti a parte, ciò che gli studi rivelano sull'attività cerebrale durante un orgasmo è affascinante e aiuta molto a capire cosa sta succedendo quando raggiungiamo quel lussureggiante pinnacolo di piacere.

Pre-orgasmo cerebrale

La stimolazione genitale attiva la parte del lobo parietale nota come corteccia somatosensoriale secondaria (SII), che interpreta il tatto. Uno studio teorizza che l'SII sia responsabile dell'etichettatura della qualità della sensazione, ad esempio se si tratta di un tocco sessuale o meno. (Georgiadis, 2006)

Mentre l'eccitazione si intensifica, il flusso sanguigno diminuisce nelle aree prefrontali e temporali, come l'amigdala e la corteccia prefrontale ventromediale (vmPFC), entrambe le quali ci aiutano a elaborare le emozioni, la paura e il rischio - tutte parti importanti del pensiero cognitivo e del processo decisionale (Georgiadis, 2011).

In altre parole, rallenta la parte del nostro cervello che svolge la maggior parte del pensiero cognitivo e dell'analisi.

Durante uno stato di eccitazione estrema, il flusso sanguigno aumenta al cervelletto, che interpreta le sensazioni fisiche dell'area genitale. Il cervelletto svolge un ruolo importante nell'elaborazione emotiva. (Georgiadis, 2006, 2007, 2011)

Il tuo cervello durante l'orgasmo

Il cervelletto rimane attivo durante l'orgasmo e può innescare contrazioni muscolari involontarie. Allo stesso modo, il midollo allungato è attivo quando gli uomini eiaculano. Il midollo allungato è una parte del tronco encefalico responsabile di movimenti involontari (Georgiadis, 2007).

In precedenza, gli scienziati credevano che l'area tegmentale ventrale (VTA), un pezzo cruciale del sistema di ricompensa del cervello e il percorso della dopamina, svolgesse un ruolo importante in un orgasmo. Ma attraverso diversi studi, Georgiadis ha scoperto che il VTA era altrettanto attivo quando qualcuno imita le sensazioni fisiche di un orgasmo (stringendo i muscoli del pavimento pelvico) o viene stimolato senza climax.

Fondamentalmente, i nostri corpi rilasciano dopamina durante un'esperienza sessuale, il che lo fa sentire bene se siamo davvero all'apice o meno. (Georgiadis, 2006 e 2007).

La chiave tra i risultati degli studi è la drammatica perdita del flusso sanguigno verso la corteccia orbitofrontale (OFC) durante l'orgasmo. L'OFC lavora per monitorare la causa e l'effetto di varie attività quando cerchi il piacere. Ad esempio, l'OFC viene attivato quando si mangia oltre la pienezza e ci si sente a disagio.

Georgiadis teorizza che l'OFC debba chiudere per raggiungere quella sensazione toccante di essere 'fuori controllo' durante l'orgasmo.

È interessante notare che l'OFC viene attivato quando qualcuno tenta di raggiungere l'orgasmo e fallisce, così come quando qualcuno cerca attivamente di non venire (Georgiadis, 2011 e 2006b). Questo sembra indicare che ci perdiamo nell'intera esperienza.

Sebbene la soppressione dell'attività cerebrale nell'OFC sia stata la chiave per Georgiadis e il suo team, altri studi hanno trovato contraddittoriamente un aumento dell'attività nella corteccia prefrontale in cui è ospitato l'OFC (Whipple, 2008).

Post-Orgasm

Dopo un orgasmo, le parti frontale e temporale della corteccia cerebrale coinvolte nel processo decisionale e nel pensiero morale si riaccendono. Torniamo al nostro modo di pensare, di sé logici, non più sotto l'incantesimo dell'eccitazione sessuale.

L'altra area più attiva del cervello è l'ipotalamo, che produce ossitocina e dopamina e incoraggia il legame tra i partner (Georgiadis, 2011).

Sommario

Come osserva Georgiadis in uno dei suoi articoli, 'lo studio di come il cervello arriva a produrre l'orgasmo è ancora agli inizi' (Georgiadis, 2011), e c'è ancora molto altro da scoprire. Ricerche di questo tipo hanno usi pratici, come scoprire le cause dell'anorgasmia (incapacità di raggiungere l'orgasmo) o altre disfunzioni sessuali.

Studi utilizzati:

Georgiadis, Janniko R., Rudie Kortekaas, Rutger Kuipers, Arie Nieuwenburg, Jan Pruim, A. A. T. Simone Reinders e Gert Holstege. Cambiamenti regionali del flusso sanguigno cerebrale associati all'orgasmo indotto dal clitoride in donne sane. European Journal of Neuroscience24, n. 11 (2006): 3305-316. doi: 10.1111 / j.1460-9568.2006.05206.x.

Georgiadis, Janniko R., A.a.t. Simone Reinders, Ferdinand H.c.e. Van Der Graaf, Anne M.j. Paans e Rudie Kortekaas. Attivazione del cervello durante l'eiaculazione maschile umana rivisitata. NeuroReport18, n. 6 (2007): 553-57. doi: 10.1097 / wnr.0b013e3280b10bfe.

Whipple, B. 'Functional Magnetic Resonance Imaging (FMRI) durante l'orgasmo nelle donne.' Sexologies17 (2008). DOI: 10.1016 / s1158-1360 (08) 72.639-2.

Georgiadis, Janniko R. 'Esporre l'orgasmo nel cervello: un occhio critico'. Terapia sessuale e di relazione26, n. 4 (2011): 342-55. doi: 10.1080 / 14681994.2011.647904.

| DE | AR | BG | CS | DA | EL | ES | ET | FI | FR | HI | HR | HU | ID | IT | IW | JA | KO | LT | LV | MS | NL | NO | PL | PT | RO | RU | SK | SL | SR | SV | TH | TR | UK | VI |