È ora che i neri e i marroni siano inclusi nella bandiera dell'orgoglio

Come l'America piange la morte di George Floyd , alcuni affermano che la comunità LGBTQ+ può onorare la sua memoria assicurando che i neri e i marroni siano inclusi nella bandiera del Pride.



Un aggiornamento ridisegnato dell'iconico banner arcobaleno è diventato virale su Twitter all'inizio di questo mese tra le proteste a livello nazionale per la brutalità della polizia continuate per il quarto giorno consecutivo. Floyd, un uomo di colore disarmato di 46 anni, è stato ucciso dalla polizia di Minneapolis il 25 maggio dopo che un agente che ha risposto a una chiamata ai servizi di emergenza sanitaria per denaro falso si è inginocchiato sul collo di Floyd per quasi nove minuti, asfissiandolo e ponendogli fine alla vita.

Derek Chauvin, l'ex poliziotto direttamente responsabile della morte di Floyd, è stato accusato di omicidio di secondo grado, mentre gli altri tre ex ufficiali - Tou Thao, Thomas Lane e J. Alexander Kueng - sono stati accusati di favoreggiamento dell'omicidio.



Chris J. Godfrey, giornalista del quotidiano britannico The Custode , ha twittato un'immagine della bandiera inclusiva, che include strisce nere e marroni che rappresentano persone di colore, oltre a strisce rosa, bianche e blu in un cenno al banner Trans Pride. La bandiera era progettato dall'artista Daniel Quasar di Portland, Oregon, nel 2018 a seguito di una campagna Kickstarter di successo.



Con tutto ciò che sta accadendo in questo momento, quest'anno sembra un buon momento per rendere questa bandiera il simbolo principale e predefinito per la comunità [LGBTQ+], ha scritto Godfrey.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Altri hanno anche sostenuto che le comunità LGBTQ+ abbraccino lo stendardo di Quasar durante il 50° anniversario del mese del Pride, come tributo ad attivisti come Marsha P. Johnson e Sylvia Rivera che furono determinanti nel 1969 guidando le rivolte allo Stonewall Inn. LGBTQ+ Stem, che sostiene l'inclusione queer e trans in campi come la scienza e la tecnologia, notato che la comunità LGBTQ+ oggi non avrebbe Pride senza l'attivismo delle persone transgender di colore.

Contenuti Twitter



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Il progetto di Quasar, formalmente noto come Progress Pride Flag, doveva basarsi su a striscione simile adottata dalla città di Filadelfia nel 2017. La bandiera del Philly Pride, che ha aggiunto strisce nere e marroni, è stata creata in collaborazione con Amber Hikes, che all'epoca fungeva da direttore esecutivo dell'Office of LGBT Affairs della città.



In una dichiarazione pubblicata sulla pagina Kickstarter della campagna, Quasar ha affermato che l'obiettivo era sottolineare ciò che è importante nel nostro attuale clima comunitario, vale a dire l'inclusione di neri, marroni e transessuali a lungo emarginati dal movimento LGBTQ+ mainstream.

Abbiamo ancora un passo avanti da fare, scrisse Quasar all'epoca. C'è ancora del lavoro da fare. Volevo metterlo in evidenza.

La bandiera Progress Pride e lo stendardo Pride di Filadelfia fecero scalpore all'epoca, con i critici che affermavano che il design di Gilbert Baker del 1978, che da allora è stato incluso nella collezione permanente del Museum of Modern Art, non aveva bisogno di essere aggiornato. Le sei strisce nella bandiera arcobaleno ampiamente popolare di oggi rappresentano ciascuna un'idea che risuona con le persone LGBTQ+: rosso per la vita, arancione per la guarigione, giallo per la luce del sole, verde per la natura, blu per la pace e viola per lo spirito.

Ma la bandiera di Baker è cambiata numerose volte nel corso degli anni. La prima bandiera svelata 42 anni fa aveva otto strisce, con il rosa acceso che rappresentava il sesso e il turchese per la magia. Quelli furono gradualmente eliminati in una modifica del 1979 in seguito alla morte del membro dell'assemblea di San Francisco e attivista per i diritti LGBTQ + Harvey Milk.

In una e-mail a loro. , Quasar ha chiarito che la bandiera Progress Pride non era intesa come un sostituto dei design iconici di Baker, ma era intesa come un supplemento alle molte bandiere che la nostra comunità usa per rappresentarci.

L'inclusione delle strisce aggiuntive significa porre l'accento sulle voci che devono essere ascoltate, soprattutto ora anche più di due anni fa, quando ho originariamente realizzato la bandiera, ha detto Quasar. Il nostro mondo è così carico in questo momento e le voci che hanno urlato per anni stanno diventando sempre più forti. Non possiamo ignorarlo e dobbiamo fare spazio affinché siano ascoltati. La bandiera era il mio modo per dire che come comunità dobbiamo fare un passo indietro e ascoltare.

Ma mentre Quasar ha affermato che l'obiettivo non era quello di creare l'unico simbolo di LGBTQ+ Pride utilizzato da una comunità incredibilmente diversificata, l'artista ha riconosciuto che la bandiera del Progress Pride ha davvero preso vita, ha risuonato con così tante persone e ha creato molto di stupefacente discussione.

Se coloro che apprezzano la bandiera vogliono chiedere che venga utilizzata al posto della bandiera tradizionale, sono del loro pieno sostegno, ha detto Quasar. Indipendentemente dalla mia intenzione originale, dipende tutto da come le persone vogliono usarlo e diffonderne il messaggio. Questo è molto importante per me. Abbiamo una forte storia all'interno della comunità queer e radicata in essa sono simboli che sono cambiati e si sono evoluti con il modo in cui la nostra cultura parla da sé.

Chiunque desideri acquistare il Progress Pride Flag può visitare il sito web di Quasar , sebbene le bandiere siano attualmente in arretrato.


Altre storie sulle proteste di George Floyd e sul movimento per la giustizia razziale: