Keshia Chanel Garter è almeno la 21a persona trans uccisa quest'anno

La sua famiglia l'ha descritta come 'brillante come un diamante'.
 Keshia Chanel Garter è almeno la 21a persona trans uccisa quest'anno Facebook

Keshia Chanel Geter, una donna trans nera di 26 anni, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco ad Augusta, in Georgia, la scorsa settimana. È almeno la 21a transamericana vittima di violenze mortali quest'anno.



L'ufficio dello sceriffo della contea di Richmond ha risposto alle segnalazioni di una persona che non rispondeva al Knights Inn di Boy Scout Road ad Augusta la mattina del 20 luglio. Hanno trovato Geter, che era stato colpito almeno una volta, secondo un affiliato di notizie locali . Il sospetto 22enne, Jaquarie Allen, è stato arrestato il 21 luglio e accusato di omicidio e possesso di arma da fuoco.

Sebbene l'omicidio sia avvenuto in Georgia, Allen è stato arrestato e accusato nella Carolina del Sud, dove Geter visse prima della sua morte. Le autorità non hanno rilasciato un movente, ma anche se lo facessero, l'omicidio di Geter non potrebbe essere perseguito come crimine d'odio. La Carolina del Sud è uno dei due stati che non ha una legge sui crimini ispirati dall'odio e un tentativo di approvare un disegno di legge del genere all'inizio di quest'anno fallito al Senato .

Geter è stata una sostenitrice attiva della comunità LGBTQA+ che 'ha ispirato le persone ovunque andasse e ha toccato la vita di molti', secondo un GoFundMe per le sue spese funebri.



'Era molto orientata alla famiglia e conoscerla significava amarla', recita la descrizione. “Era una luce che brillava più luminosa della maggior parte. Questa è stata una perdita inaspettata e straziante per la famiglia, gli amici e chiunque fosse in contatto con lei”.

Anche la madre di Geter, Michelle Jordan, l'ha descritta come splendente 'luminosa come un diamante' e come qualcuno che 'mi ha sempre fatto ridere'.

'Il mio migliore amico, abbiamo parlato tutto il tempo', ha detto Jordan ABC 4 . “Uno spirito bellissimo. Amoroso, gentile, meraviglioso, bello. Aiutato tutti. Le toglierei la maglietta di dosso'.

Contenuto



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina da.

Jordan ha inoltre condiviso a video sui social media denunciando l'omicidio di sua figlia. 'Non importa come appare una persona: il colore della sua pelle, se è nera, bianca, trans... cristiana, ebrea, non importa', ha detto Jordan. “Nessuno dovrebbe mai togliere la vita a qualcuno per quello che è. Mia figlia se n'è andata e non posso riaverla indietro'.

I sostenitori hanno pianto la morte di Geter, con Tori Cooper, il direttore della campagna per i diritti umani per l'impegno comunitario per l'iniziativa per la giustizia transgender, che ha parlato in una dichiarazione. “Kesia Chanel Geter ha vissuto la sua verità come una donna transgender nera. Dovrebbe essere ancora viva oggi per abbracciare coloro che amava e continuare a vivere una vita luminosa e piena', ha detto Cooper. “Chiediamo che si faccia di più per proteggere le donne transgender nere in modo da poter vivere le nostre vite pienamente senza violenze, molestie o discriminazioni. Si tratta di rispetto e onore: trattare tutti nel modo in cui vorresti essere trattato tu'.