La scena musicale LGBTQ+ islandese è bella, audace e audacemente creativa

Dalla campagna per i diritti LGBTQ+ all'Eurovision allo spingere i limiti sul palco, gli artisti islandesi stanno catturando l'attenzione del mondo.
  La scena musicale LGBTQ islandese è bella, audace e audacemente creativa Birta Rán Björgvinsdóttir

Negli ultimi quattro anni del mega-popolare a livello globale gara musicale Eurovision , i musicisti islandesi hanno costantemente utilizzato la piattaforma per segnalare il loro sostegno alle persone LGBTQ+.



Nel 2019, la band industrial punk Hatari, le cui esibizioni politiche includono spesso costumi ispirati al BDSM, è salita sul palco a Mosca con una ballerina che indossa enormi ali color arcobaleno. Il ballerino, Andrean Sigurgeirsson, ha successivamente condiviso su Instagram che il suo guardaroba era un atto di protesta contro quello della Russia leggi sulla propaganda anti-gay e la stigmatizzazione del paese delle persone queer. “La nostra esistenza è una realtà”, ha scritto nel inviare .

Nel 2021, dopo che l'Eurovision si è preso un anno di pausa a causa della pandemia di COVID-19, il keytarist della band indie pop Daði og Gagnamagnið, che fa anche musica come Huldaluv, ha sventolato la bandiera pansessuale in onda per la prima volta nella storia dello spettacolo.



E all'inizio di quest'anno, la band folk rock Systur - composta da tre sorelle di nome Beta, Elín e Sigga, due delle quali sono apertamente queer e la terza è la madre di un bambino trans - ha salutato con orgoglio la bandiera del Trans Pride durante la loro esibizione a Torino, in Italia, raggiungendo milioni di spettatori in tutto il mondo.



Dal punto di vista di un estraneo, potrebbe sembrare che la scena musicale del paese sia quasi interamente queer, o che abbia un forte contingente queer che solo ora sta raggiungendo una nuova visibilità. Ma non è esattamente così, secondo il 22enne una torfa , una cantautrice emergente di Reykjavik che scrive canzoni indie pop coinvolgenti sulle sue strane esperienze di formazione.

'La comunità queer islandese è piuttosto bizzarra e divertente perché siamo una nazione così piccola', dice Torfa Loro . “Siamo così pochi, quindi la comunità queer è minuscola. A volte sento la mancanza di questa comunità affiatata, ma allo stesso tempo penso che sia un bene che la queerness sia molto normalizzata in Islanda'. Sebbene scriva e si esibisca dall'età di 15 anni, solo di recente ha pubblicato il suo primo EP, Aggrovigliato e perso e solitario , che si traduce in 'Aggrovigliato, perso e solitario', questo giugno, guadagnando alcuni devoti della città natale nel processo.

Idno Julievandenbergh

La scena musicale islandese, anche se piccola, ha già ottenuto un riconoscimento globale grazie a gruppi di successo come Of Monsters and Men, amati artisti sperimentali come Björk e Sigur Rós e compositori di talento come il compianto Jóhann Jóhannsson e Hildur Guðnadóttir, che hanno vinto importanti premi per il loro Colonne sonore di film hollywoodiani.



Il paese ha a lungo mantenuto posizioni progressiste sui diritti umani, comprese quelle delle persone LGBTQ+, che hanno avuto pari accesso all'adozione e alla fecondazione in vitro dal 2006. Aneddoticamente, molti islandesi queer affermano di sentirsi generalmente accettati dalle loro comunità dirette e dalla società nel suo insieme, che è in netto contrasto con le nazioni al di là dell'oceano, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, che hanno sempre più adottato l'anti-LGBTQ+, e specificatamente transfobico , misure degli ultimi anni.

Ad esempio, i recenti episodi di bullismo queerfobico tra gli studenti delle scuole elementari si sono rivelati così atipici da essere finiti nelle cronache locali, afferma Margrét Rán Magnúsdóttir, frontperson del gruppo pop elettronico di Reykjavik Vök. 'Abbiamo una bellissima comunità piena di persone forti che sono sempre pronte a combattere se noi [queer islandesi affrontiamo] un contraccolpo', dice Loro in un coffeeshop in città. 'Ora abbiamo persone che vanno in tutte le scuole elementari in Islanda per tenere lezioni per educare i bambini sull'[identità] LGBTQ+'.

Eppure l'universalizzazione dei diritti e dell'espressione LGBTQ+ in Islanda ha creato un interessante non problema per gli artisti queer nella piccola nazione insulare, che affrontare relativamente poche barriere all'accettazione mainstream, ma mi chiedo anche come sarebbe avere una scena più coerente. Quella situazione è stata una delle questioni affrontate durante la conferenza Iceland Airwaves di quest'anno all'inizio di novembre, che si svolge insieme a un festival musicale annuale.

'Dati gli standard internazionali, sono decisamente un artista queer, ma in Islanda non c'è tanto bisogno che io mi identifichi come tale a causa dell'apertura [della cultura]', Magnús Bjarni Gröndal, moderatore di un panel intitolato ' Siamo tutti pop divas? racconta Loro . “Tra i lati positivi, [i diritti e l'espressione LGBTQ+ sono] generalmente ben accettati, quindi non c'è stato bisogno che emergesse questa scena underground. Ma d'altra parte, dov'è la compagnia quando siamo così ben inseriti nel mainstream? Ci stiamo perdendo o è una buona cosa?'



Gröndal, un veterano della musica islandese che ha diretto la band post-metal We Made God negli ultimi due decenni, gestisce Gaukurinn, il bar più antico di Reykjavik. Si esibisce anche come personaggio drag Mighty Bear, attraverso il quale esplora gli aspetti non binari e femminili della sua identità e pubblica musica elettronica sperimentale. 'Mi permette di scappare da me stesso', spiega.

Il panel comprendeva anche Huldaluv e Sigga dei Systur, così come Samantha Togni, la fondatrice londinese di Boudica e Flesh Festival, e Heiðrik á Heygum delle Isole Faroe, che suona nella band electro-country Kóboykex. L'obiettivo di Gröndal per il discorso era quello di discutere apertamente questioni di identità e voce per i musicisti queer in Islanda e oltre, e di andare contro l'idea tradizionale di come siano i musicisti LGBTQ+.

“Quello che volevo mostrare con il panel era che non siamo tutte dive pop. Siamo grunge e punk e questo e quello', aggiunge.



Anche se il panel non è mai arrivato a una risposta definitiva alle domande di Gröndal, forse perché non c'è un unico filo conduttore che lega insieme tutti gli artisti LGBTQ+ in Islanda, le esibizioni al festival Iceland Airwaves hanno offerto una visione elettrizzante di come può essere l'arte queer quando è accolto dal grande pubblico.

Yael BC

Poco dopo aver aperto il loro set cantando un inno con la madre e il padre, i Systur hanno suonato una canzone chiamata 'Savior', che hanno dedicato ai 'bambini queer, in particolare ai bambini trans'. Quel sentimento è stato accolto con applausi dalla folla. Quindi la band si è lanciata nella ballata con testi meravigliosi come 'Che cosa meravigliosa sei / Sembra che tu stia arrivando da lontano / Come un raggio di luce che passa attraverso i miei occhi', cantato su una chitarra acustica ipnotica.

Le parole hanno assunto un significato speciale perché le tre sorelle si stavano esibendo a Fríkirkjan, una chiesa luterana riconvertita in un luogo di musica, mentre i loro genitori guardavano: un sacro raduno di famiglia a sostegno della vita trans.

Allo stesso modo, Torfa è salita sul palco di Iðnó, insieme a suo fratello che suona la chitarra e il flicorno nella sua band. La folla era estasiata mentre suonava una delle sue canzoni più importanti, 'En' (che si traduce in 'Ma'), sull'eterno saffico esperienza di 'innamorarsi del tuo migliore amico', come spiega. “Hai questa connessione molto intima con qualcuno e vorresti che potesse fare un ulteriore passo avanti. Dicono tutte queste cose che sembrano pensare la stessa cosa che stai pensando tu. [Poi] aggiungono che, 'Ma, non proprio però.''

'Vorrei che tu potessi abbracciarmi e sussurrare / Mi sento esattamente come hai pensato che mi sentissi per molto tempo', ha cantato con coraggio al pubblico, che sembrava commosso dalla specificità dell'emozione.

In un paese in cui praticamente tutti parlano inglese, Torfa ha parlato solo in islandese durante il suo set, e in genere scrive tutte le sue canzoni nella lingua, affermando che non 'sogna necessariamente di portare la mia musica fuori dall'Islanda'. Sebbene una volta abbia scritto alcune canzoni in inglese da adolescente, le parole non 'sembravano originali o complete come quando scrivo con il cuore nella mia lingua madre', spiega. Ora è al lavoro sul suo album di debutto, che seguirà una direzione più dance rispetto alle canzoni di ispirazione folk che ha pubblicato in precedenza.

La decisione di Torfa di rimanere locale si discosta dall'approccio di Vök, il cui obiettivo è 'ovviamente quello di riempire gli stadi di tutto il mondo', come afferma Magnúsdóttir. Il cantautore trentenne ha comandato una folla gremita e danzante all'Art Museum Hafnarhús di Reykjavik con tutta l'autorità di qualcuno che aveva suonato Airwaves ogni anno da quando Vök è stato fondato nel 2013, a parte i due anni in cui il festival è decollato per il pandemia.

Magnúsdóttir, che lavora anche come compositore di film e membro del leggendario gruppo pop elettronico GusGus, ha scritto a lungo canzoni con testi in inglese che fanno riferimento all'amore e alle relazioni lesbiche per Vök. Ma l'ultimo disco omonimo della band, che è stato scritto durante la pandemia e pubblicato questo settembre, approfondisce in gran parte la 'storia del coming out' di Magnúsdóttir e tocca anche la recente morte di suo nonno, spiega. I suoi testi su 'non seguire il gregge' e 'inseguire la mia fede' sono abbinati a sintetizzatori esuberanti.

'Lo descriverei come il mio album terapeutico', continua. 'Il panorama sonoro dell'album è pieno di energia ma in un certo senso triste allo stesso tempo, quasi come qualcosa che brilla nell'oscurità.'

Sebbene Vök abbia guadagnato l'attenzione internazionale al di fuori dell'Islanda, Magnúsdóttir è ai capricci dell'onnipotente algoritmo, che ora può creare o distruggere carriere con pochi input da artisti o etichette discografiche. 'Ho avuto un incontro con la mia etichetta, e mi hanno detto, 'Il tuo algoritmo è andato male', e io ho pensato, 'Beh, cosa vuoi che ci faccia con quello?'', dice con una risata esasperata. Nei prossimi anni, spera di trasferirsi in un altro paese per collaborare con nuovi artisti e anche suonare più spettacoli per un pubblico che non ha mai incontrato prima.

Per quanto riguarda la scena musicale islandese, sembra evolversi, proprio come ha sempre fatto, anche se ora è sotto il radar degli ascoltatori internazionali. Gröndal è particolarmente entusiasta dell'emergere di gruppi femminili punk locali, come Ólafur Kram e Gróa, che quest'anno hanno entrambi suonato al festival. 'È particolarmente bello da vedere, e aiuta sicuramente la scena queer in cui queste ragazze sono arrabbiate e parlano di problemi, invece di cercare di adattarsi a uno stampo', osserva.

Torfa è d'accordo, aggiungendo che pensa che 'la gente si stia rendendo conto che c'è spazio per più di una famosa artista femminile'. I due artisti emergenti di cui è più entusiasta sono i cantautori Rakel e Salóme Katrín, relativamente nuovi arrivati ​​a Reykjavik che sono stati attratti dalla mancanza di pressioni e aspettative della città. 'Soprattutto perché siamo una nazione così piccola, la scena musicale [mainstream] qui a volte diventa molto 'monotona'. Vediamo sempre le stesse persone'.

Ma sostenuti dalla lunga storia di Reykjavik nell'accogliere il nuovo, strano e queer, Torfa e i suoi colleghi musicisti della Gen-Z stanno dimostrando che 'uguale' è l'ultima cosa che la musica islandese potrebbe mai essere accusata di essere.