La morte di Layleen Polanco dimostra la crudeltà dell'isolamento

Quando martedì mattina gli avvocati si sono mobilitati per porre fine all'uso dell'isolamento nelle carceri di New York, uno dei nomi che hanno evocato, sui cartelli e nei discorsi, era Layleen Polanco. Una donna transgender di 27 anni e figura ben nota nella scena da ballo di New York City, Polanco è stato trovato morto nella sua cella di isolamento a Rikers Island il 7 giugno, a meno di 10 miglia da dove milioni di persone si sono radunate quel mese per celebrare il World Pride.



Arrestato per la prima volta ad aprile con l'accusa di aggressione per reati minori, Polanco è stato poi trattenuto su cauzione di $ 500 a causa di un precedente arresto legato al lavoro sessuale. Incapace di pagare, è stata successivamente collocata nel unità transgender di una struttura per donne a Rikers Island, e successivamente mandato in isolamento a seguito di una presunta rissa, il tutto senza essere condannato per un crimine. I funzionari di Rikers hanno fornito pochi dettagli su come Polanco sia morto sotto la loro custodia e lo hanno fatto spostato i prigionieri dal reparto di isolamento femminile in seguito alla sua morte. Ma per quanto tragico e probabilmente prevenibile com'era, per molti non è stata una sorpresa: le persone transgender, e in particolare le donne di colore come Polanco, sono regolarmente travolte dal sistema di giustizia penale e soggette alle sue pratiche più violente a tassi di gran lunga superiori a quelli loro coetanei bianchi o cisgender.

Polanco era tra il 16% delle persone transgender – e Il 47 percento delle persone transgender nere — che hanno passato del tempo dietro le sbarre. Secondo un sondaggio del National Center for Transgender Equality, nel 2014, le donne transgender nere sono state incarcerate a un ritmo dieci volte quello della popolazione americana generale. Quella cifra esorbitante è probabilmente dovuta a una combinazione di fattori sistemici, tra cui una rete di leggi che spesso costringono le donne transgender nere in economie di sopravvivenza criminalizzate e eccessivamente controllate, e la semplice transfobia e razzismo da parte delle forze dell'ordine. (Un terzo delle donne transgender nere nel sondaggio del 2015 ha riferito di aver avuto interazioni nell'ultimo anno in cui la polizia presumeva che fossero lavoratrici del sesso.)



'Ho passato più di cinque anni in isolamento, ma anche un solo giorno può essere una tortura. Certi giorni, le pareti della mia cella sembravano chiudersi su di me. Immagina di essere bloccato in un ascensore, per ore, per non parlare di giorni o settimane o mesi o anni. Per tutto il giorno e la notte, le persone battevano sui loro armadietti e urlavano in agonia, ha detto il mese scorso al New York City Board of Corrections il sopravvissuto all'isolamento e attivista Roger Clark.



Le donne transgender di colore affrontano una serie di abusi in custodia correttiva, dall'aggressione sessuale alle molestie verbali. I funzionari della prigione spesso esacerbano il problema assegnando le persone transgender a strutture che non corrispondono alla loro identità di genere, quindi citano proprio quegli abusi come giustificazione della forma di violenza che alla fine potrebbe aver ucciso Layleen Polanco: l'isolamento prolungato.

Sebbene sia difficile tracciare con precisione il numero di persone transgender che finiscono in isolamento durante l'incarcerazione, un Rapporto 2015 del gruppo abolizionista della prigione LGBTQ+ Black and Pink ha scoperto che l'85% degli intervistati LGBT incarcerati era stato in isolamento ad un certo punto durante la pena.

I detenuti transgender spesso finiscono in isolamento per motivi disciplinari direttamente o indirettamente legati alla loro identità di genere. Molte carceri possono classificare gli oggetti utilizzati per esprimere l'identità di genere come contrabbando, il cui possesso può portare a un isolamento punitivo. Una donna in una prigione maschile in Nevada ricevuto 60 giorni in segregazione disciplinare per aver indossato una canotta tagliata e due paia di calzini come reggiseno improvvisato, violazione ritenuta possesso di contrabbando. Altri, come Polanco, finiscono in isolamento punitivo in risposta ad altre presunte violazioni delle regole, il che non sorprende visti i livelli dilaganti di violenza contro le persone transgender in prigione e la mancanza di efficaci protezioni di sicurezza. Ma forse la cosa più scioccante, molte persone transgender si trovano in condizioni di isolamento indefinito e prolungato classificato dalle Nazioni Unite come tortura — apparentemente per la propria protezione. Mentre alcuni detenuti optano volontariamente per la custodia protettiva per la propria sicurezza, i funzionari della prigione spesso usano tale segregazione amministrativa per isolare a piacimento le persone transgender, con poca o nessuna supervisione giudiziaria.



Sebbene la custodia protettiva non debba essere punitiva, le persone ospitate lì subiscono i segni distintivi dell'isolamento, inclusa la mancanza di accesso alla programmazione e alle interazioni umane significative. Ad esempio, a rapporto recente del Vera Institute of Justice ha scoperto che le unità abitative utilizzate per la custodia protettiva in Louisiana sono simili ad altri tipi di segregazione. E quando Solitary Watch ha intervistato persone in isolamento in Louisiana per un recente rapporto , un uomo ha scritto che in custodia protettiva non hai diritti, una tuta, niente, niente asciugamano... Non posso lasciare la mia cella senza restrizioni. [Dopo aver indossato le cinture] le mie caviglie hanno sanguinato. Sono passato più di un mese senza asciugamano o igiene.

Mentre alcune persone chiedono di essere ospitati in custodia protettiva per la propria sicurezza, come ex funzionari delle forze dell'ordine, potenziali testimoni o altri che temono violenze e molestie nella popolazione generale, la decisione è estremamente rara e presa per disperazione. In genere, gli individui transgender in custodia protettiva non sono lì perché hanno scelto di esserci, ma perché i funzionari della prigione li hanno collocati lì. Black e Pink hanno scoperto che metà degli intervistati LGBT che avevano trascorso del tempo in isolamento erano lì in qualche forma di custodia protettiva involontaria. Dean Spade, attivista e professore di legge alla Seattle University of Law, ha detto a Solitary Watch che essere messi in isolamento espone le persone transgender a una maggiore vulnerabilità all'aggressione delle guardie e può peggiorare gli impatti psicologici dell'essere in gabbia e diminuire l'accesso alla programmazione e al supporto sociale, portando a frasi più lunghe.

Questa collocazione di routine di individui transgender in quello che equivale all'isolamento semplicemente per essere transgender - anche come misura di sicurezza sbagliata - è, sulla carta, illegale ai sensi della legge sull'eliminazione degli stupri carcerari del 2003. PREA vieta il collocamento di persone transgender, o altre persone particolarmente vulnerabili ad aggressioni sessuali, in custodia protettiva tranne che come ultima risorsa , e richiede specificamente una valutazione individualizzata per determinare i bisogni particolari di ogni persona. Richiede inoltre che qualsiasi persona posta in isolamento a seguito di tale valutazione riceva l'accesso a programmi, privilegi, istruzione e opportunità di lavoro nella misura del possibile e stabilisce limiti sulla durata di tale reclusione.

Un fattore trainante dietro l'uso eccessivo della custodia protettiva è la dilagante errata classificazione delle persone transgender che entrano in prigione o in prigione. Il collocamento di Layleen Polanco in una struttura che corrispondeva alla sua identità di genere era in realtà estremamente raro: nell'ottobre 2018, New York City divenne solo la terza grande città del paese ospitare persone transgender in base alla loro identità di genere. Altrove nel paese, contrariamente a quanto richiesto dalla PREA, gli individui sono quasi uniformemente alloggiati in base al sesso sono stati assegnati alla nascita, aggravando una crisi in cui 34 per cento di individui transgender incarcerati subiscono violenza sessuale.

La giornalista e attivista Aviva Stahl ha spiegato a Solitary Watch che le celle di isolamento sono solo un campo di battaglia in una guerra culturale più ampia sulla differenza tra sesso e genere e su chi può definirli ciascuno. Stahl ha indicato una coalizione emersa negli ultimi anni, di femministe autodescritte reazionarie e membri della destra cristiana, che cercano di ridefinire in modo restrittivo il genere basandosi esclusivamente sull'anatomia biologica, piuttosto che sull'identità e sull'espressione. La battaglia di chi appartiene a dove si è svolta più recentemente e visibilmente nei bagni e nell'esercito, ma è una lotta politica molto più ampia, secondo Stahl, e ha tutto a che fare con il motivo per cui le persone trans finiscono in isolamento a ritmi astronomici.



Se guardi il volando causa Vedrai che l'amministrazione Trump e TERF stanno già lavorando insieme per tenere le donne trans nelle carceri maschili sostenendo che sesso e genere sono la stessa cosa', ha affermato la giornalista Aviva Stahl. È importante capire che questo dibattito discorsivo - su cos'è l'identità di genere e chi può definirla secondo la legge - ha conseguenze nella vita reale e, con ogni centimetro di 'progresso', l'amministrazione Trump è in grado di mantenere più donne trans nella scatola.'

In definitiva, la reclusione è disumana e dannosa, e non esiste una prigione 'sicura' o una prigione per le persone trans, ha detto a Solitary Watch l'attivista e professore di legge Dean Spade.

Sebbene le carceri determinino più spesso l'alloggio per le persone transgender in base ai genitali, la legge richiede in realtà un approccio caso per caso e una revisione più flessibile e articolata. Proprio come PREA richiede una valutazione prima che qualcuno possa essere posto in custodia protettiva, richiede anche una valutazione individualizzata del fatto che qualcuno debba essere ospitato in una struttura per uomini o donne. Come minimo, i funzionari devono valutare caso per caso se si tratta di un collocamento garantirebbe la salute e la sicurezza del detenuto e deve prendere in seria considerazione le opinioni della persona rispetto alla propria sicurezza. Il Centro nazionale per l'uguaglianza transgender ha raccomandato che includano anche una serie di altri fattori, tra cui il ruolo sociale di genere dell'individuo nella comunità e le opinioni del personale medico e della salute mentale riguardo all'impatto del collocamento sulla salute mentale della persona.

Questi requisiti, per quanto vaghi e imperfetti, sono spesso palesemente ignorati dai carcerati e dai funzionari delle carceri. Nel 2018, il Federal Bureau of Prisons dell'amministrazione Trump ha sventrato il proprio Manuale sui trasgressori in apparente violazione degli standard PREA e ora impone che le persone nelle carceri federali siano ospitate in base alla loro identità di genere solo in rari casi . Il cambiamento è stato in parte una risposta a una causa intentata da un gruppo di difesa legale cristiano per conto di quattro donne cisgender che hanno affermato che i loro diritti costituzionali sono stati violati quando sono state ospitate con altre donne transgender. Non è ancora chiaro se le recenti modifiche annulleranno le protezioni di PREA o creeranno semplicemente confusione legale, una delle quali promette solo continui maltrattamenti.

In molti modi, Il caso di Layleen Polanco è stata un'eccezione positiva all'esperienza tipica di un individuo transgender che entra in prigione o in prigione: è stata collocata in una struttura che corrispondeva alla sua identità di genere, in un'unità presumibilmente progettata per soddisfare i bisogni delle persone transgender. A maggio, appena un mese prima della morte di Polanco, un funzionario ha testimoniato che l'unità ha stabilito lo standard nazionale per gli alloggi transgender e intersessuali nelle strutture carcerarie.

Ma la storia di Polanco sottolinea i pericoli dell'isolamento, anche all'interno di un'unità speciale designata per le persone transgender. Presumibilmente le riforme progressiste non sono riuscite a proteggerla dai danni dell'isolamento. Come ha spiegato Spade a Solitary Watch, in definitiva, la reclusione è disumana e dannosa e non esiste una prigione 'sicura' o una prigione per le persone trans. Invece, i sostenitori [dovrebbero] lottare per far uscire le persone dalla prigione, per fermare le pratiche diffuse di tortura nelle carceri come l'uso dell'isolamento e per affrontare le condizioni immediate che le singole persone devono affrontare come cercare di accedere al cibo, alle docce o all'assistenza sanitaria.

Sulla scia della morte di Polanco a Rikers Island, un membro del Board of Correction di New York City ha detto che era considerando le riforme solitarie ispirato dal HALT legge sul confinamento solitario , un disegno di legge progressista che i legislatori non sono riusciti a portare al voto ad Albany il mese scorso. Il Governatore Andrew Cuomo ha fatto deragliare la legislazione con un accordo dell'ultimo minuto, in parte perché avrebbe fortemente limitato l'isolamento non solo nelle carceri statali ma anche nelle carceri locali, che sostenevano che non avevano le risorse per creare alternative praticabili. Cuomo ha anche subito pressioni politiche per porre il veto al disegno di legge da parte degli ufficiali penitenziari e del sindacato delle forze dell'ordine dello stato, che gode di un'enorme influenza politica nella capitale.

Ma i sostenitori di New York City ora si sono raddoppiati, chiedendo la fine del virtualmente tutto isolamento su Rikers. Nelle settimane successive alla morte di Polanco, il New York City Anti-Violence Project, con la famiglia di Polanco e una coalizione di organizzazioni di attivisti, ha inviato un lettera al Governatore Cuomo e al sindaco DeBlasio con un elenco completo di richieste di riforma a livello cittadino e statale, tra cui un'indagine accelerata sulla morte di Polanco, la riforma dell'isolamento sistemico e un investimento di risorse significative nella salute e nel benessere dei trans, genere non conforme e non binario Nero, Latinx e persone di colore.

La scorsa settimana, una coalizione di gruppi comunitari ha organizzato una protesta davanti al New York City Board of Corrections prima della sua riunione mensile. Il sopravvissuto all'isolamento e attivista Roger Clark ha detto al consiglio che ho trascorso più di cinque anni in isolamento, ma anche un solo giorno può essere una tortura. Certi giorni, le pareti della mia cella sembravano chiudersi su di me. Immagina di essere bloccato in un ascensore, per ore, per non parlare di giorni o settimane o mesi o anni. Per tutto il giorno e la notte, le persone sbattevano sugli armadietti e urlavano in agonia.

Nei giorni successivi alla morte di Polanco, si trovavano le altre otto donne detenute nel reparto di isolamento dove è morta concesso un rilascio condizionato di emergenza nella popolazione generale, in attesa di un'indagine. Nella loro lista di richieste, l'Anti-Violence Project e la coalizione dietro la loro lettera di advocacy hanno chiesto che le donne rimangano fuori dall'isolamento fino a quando tutte queste strutture su Rikers non saranno chiuse. Questo mese, invece, l'amministrazione DeBlasio riaperto la struttura e il Dipartimento di Correzione hanno riportato le otto donne in isolamento.