Legalmente non binario: cosa significa cambiare l'indicatore di genere da M o F a X

Il 4 maggio, Joshua M. Ferguson, residente in Ontario, Canada, ha ricevuto il primo titolo della provincia certificato di nascita non binario . Invece di una M o una F, al certificato di nascita di Ferguson viene ora assegnato il contrassegno di neutralità rispetto al genere, X. La decisione arriva sulla scia di leggi rivoluzionarie simili in California , Oregon , e il Distretto della Colombia , che ha iniziato a consentire ai residenti di scegliere X come sesso sugli ID governativi nel 2017.



Queste nuove politiche sono senza dubbio motivo di festa. I residenti non binari, intersessuali e transgender non dovranno più scendere a compromessi per selezionare una designazione di genere che non sia in linea con la loro vera identità. Potranno sperimentare l'affermazione che nasce dall'essere riconosciuti dal loro governo e dal poter essere visibili come il loro sé più autentico.

Ma c'è uno svantaggio per i marcatori di terzo genere?



Se le comunità transgender, intersessuali e non binarie hanno imparato qualcosa negli ultimi anni, è quello visibilità e il riconoscimento spesso ha un prezzo.



Mentre siamo passati attraverso il punto di svolta transgender , siamo entrati in un periodo di maggiore violenza legata ai pregiudizi, in particolare nei confronti delle donne trans di colore. Siamo entrati in un periodo in cui i governi stanno discutendo sul diritto delle persone trans di usare il bagno che si allinea con il loro genere e dove l'attuale presidente degli Stati Uniti ha adottato misure senza precedenti vietare le persone transgender dal servizio militare.

Le cose sono migliorate, sì. Ma sono anche diventati molto, molto cattivi. La stessa visibilità che aiuterà ad affermare le persone transgender, intersessuali e non binarie nelle nostre identità potrebbe anche esporci a più molestie, discriminazioni e danni?

Le persone transgender, intersessuali e non binarie vengono spesso maltrattate dalla polizia anche quando cercano assistenza. Secondo il National Center for Transgender Equality's Sondaggio Trans negli Stati Uniti 2015 , il 58% degli intervistati che avevano interagito con la polizia nell'anno prima di partecipare al sondaggio aveva subito una qualche forma di maltrattamento come molestie verbali, di sesso sbagliato, aggressioni fisiche o aggressioni sessuali. Non sembra inverosimile che un agente di polizia o un altro funzionario governativo possa discriminare una persona con un segno X sulla sua carta d'identità. E chiamami paranoico, ma nell'era Trump in cui le minacce ai registri sono nell'aria, l'ultima cosa che voglio è che il governo abbia un database facilmente accessibile di tutti i suoi cittadini trans, non binari e intersessuali.



Attualmente negli Stati Uniti viene proposta e persino approvata una legislazione che richiederebbe alle persone di utilizzare il bagno associato al sesso assegnato. Con così pochi bagni, spogliatoi e altri spazi neutri rispetto al genere, sembra possibile che le persone con marcatori di terzo genere possano avere difficoltà ad accedere ad alcuni di questi spazi necessari. Le persone con marcatori di terzo genere lotteranno per trovare un posto dove fare pipì in pace, in particolare nei luoghi in cui la discriminazione è legittimata culturalmente e persino legalmente?

È spesso nell'atto di presentare l'identificazione legale che le persone trans subiscono alcune delle peggiori discriminazioni, in particolare se il loro genere legale non corrisponde alla loro espressione di genere. Secondo lo US Trans Survey del 2015, il 25% degli intervistati era stato molestato verbalmente quando mostrava un documento d'identità incongruente con il proprio genere, mentre al 16% erano stati negati servizi o benefici e al 9% era stato chiesto di lasciare una struttura.

Tutto ciò non vuol dire che le politiche del terzo marcatore di genere non dovrebbero essere approvate: sono un passo importante in una direzione positiva. Ma c'è molto altro da considerare in termini di legalizzazione dei generi non binari, e c'è ancora molto lavoro da fare.

È fondamentale che gli enti governativi che offrono un terzo indicatore di genere riconoscano che l'istruzione, la formazione e le politiche dovranno essere attuate al fine di garantire che le persone con un terzo indicatore di genere siano trattate con dignità e per assicurarsi che abbiano accesso a cure mediche cura e un luogo dove usare il bagno in sicurezza. L'approvazione di questa legislazione è un passo importante nella promozione del rispetto per le persone non binarie, ma sarebbe pericoloso presumere che solo perché è stata apportata questa importante modifica legale, le persone transgender, intersessuali e non binarie sono ora più sicure o più accettate di erano ieri.

Quindi abbiamo bisogno di indicatori di genere sui nostri ID? Una delle principali vittorie per quanto riguarda la nuova politica dell'Ontario è che consente di rimuovere completamente il contrassegno di genere sul certificato di nascita. E una delle organizzazioni che ha guidato la lotta per il terzo marcatore di genere in California, Progetto di riconoscimento intersessuale e di genere , afferma nella seguente dichiarazione di intenti: In futuro, come per la razza o la religione, il sesso o il genere non dovrebbero essere una categoria sui certificati di nascita o sui documenti di identità per nessuno.



Con un lampo di ottimismo, spero certamente che sia così: che un'ulteriore legislazione faccia passi critici verso un futuro senza indicatori di genere.

KC Clements è una scrittrice, oratrice ed educatrice queer, non binaria con sede a Brooklyn, New York. Il loro lavoro è stato presentato su The Establishment, Bustle, Into, GO Magazine, Huffington Post, Healthline e altro ancora.