I lavoratori LGBTQ+ ora sono protetti dalla legge sui diritti civili, dalle regole della Corte suprema

In una vittoria storica per i diritti LGBTQ+, lunedì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso una decisione per proteggere i dipendenti LGBTQ+ dalla discriminazione sul posto di lavoro basata sul proprio orientamento sessuale o identità di genere.



In una sentenza 6-3, con il giudice capo John Roberts e il giudice Neil Gorsuch che si uniscono ai quattro giudici liberali nella maggioranza, la corte ha ritenuto che una legge federale che vieta la discriminazione sul posto di lavoro — Titolo VII del Civil Rights Act del 1964 — dovrebbe essere applicato ai casi che coinvolgono lavoratori LGBTQ+.

Un datore di lavoro che licenzia un individuo perché omosessuale o transgender licenzia quella persona per tratti o azioni che non avrebbe messo in discussione in membri di un sesso diverso. Il sesso gioca un ruolo necessario e non mascherabile nella decisione, esattamente ciò che vieta il Titolo VII, giudice Neil Gorsuch ha scritto per il tribunale.

A seguito di ascoltando argomentazioni orali in data 8 ottobre 2019 il tribunale si è pronunciato in merito Altitudine Express Inc. contro Zarda , Contea di Bostock V. Clayton, Georgia , e RG & GR Case funebri Harris v. EEOC e Aimee Stephens. I primi due casi riguardavano uomini che affermano di essere stati licenziati dal loro incarico per essere gay, mentre il secondo riguardava una donna transgender che è stata licenziata dopo aver detto al suo capo che era in transizione. (Stephens, figura centrale nella lotta per i diritti dei trans, morto il 12 maggio, quasi un mese prima che potesse vedere la vittoria assicurata dal suo coraggio.)

La sentenza del tribunale prevale appelli dell'amministrazione Trump per non considerare le protezioni del Titolo VII contro la discriminazione basata sul sesso applicabili ai lavoratori LGBTQ+. 'Il significato ordinario di 'sesso' è biologico o femminile; non include l'orientamento sessuale', ha affermato il Dipartimento di Giustizia in un agosto 2019. 'Un datore di lavoro che discrimina i dipendenti in relazioni omosessuali non viola quindi il titolo VII fintanto che tratta gli uomini in relazioni omosessuali allo stesso modo di donne in relazioni omosessuali.'

Questa sentenza promette di avere enormi implicazioni positive per la comunità LGBTQ+ della nazione. Secondo il Williams Institute dell'UCLA, la comunità LGBTQ+ include circa 1 milione di lavoratori che si identificano come transgender e 7,1 milioni che si identificano come lesbiche, gay e bisessuali. Prima della decisione odierna, solo 22 stati (più Washington D.C.) aveva leggi che vietava esplicitamente la discriminazione sul posto di lavoro basata sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere. Senza l'intervento federale, le persone queer in 26 stati vivevano con la possibilità di essere licenziate semplicemente a causa della loro identità. Questa sentenza cambia che, introducendo tutele occupazionali a livello nazionale per gli americani LGBTQ + - il prima volta nella storia della nazione che tali protezioni sono esistite.

Gli attivisti queer e le organizzazioni no profit si sono affrettati a salutare la decisione della corte come una massiccia vittoria per i diritti LGBTQ+. Vedi le reazioni di seguito.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Nel titolo VII, il Congresso ha adottato un linguaggio ampio rendendo illegale per un datore di lavoro fare affidamento sul sesso di un dipendente quando decide di licenziare quel dipendente, ha scritto il giudice Gorsuch. Non esitiamo a riconoscere oggi una conseguenza necessaria di quella scelta legislativa: un datore di lavoro che licenzia un individuo semplicemente perché gay o transgender sfida la legge.