Il promemoria mostra che l'amministrazione Trump vuole lasciare che i rifugi per senzatetto controllino le persone trans

L'amministrazione Trump ha lavorato senza sosta per continuare a erodere i diritti civili delle persone transgender in cerca di salute e sicurezza.



Oltre a tentare di revocare le protezioni contro la discriminazione trans come parte dell'Affordable Care Act di giugno, una norma proposta di recente dal Dipartimento per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD) consentirebbe ai centri di accoglienza per senzatetto di discriminare le persone transgender costringendole in strutture in base al sesso assegnato alla nascita. Sebbene i dettagli della proposta non siano ancora stati resi pubblici dall'HUD, documenti trapelati vox mostrare che l'amministrazione si sta preparando a dare libero sfogo ai rifugi per determinare se qualcuno sembra essere trans e potenzialmente tagliare le persone trans da alloggi sicuri, alimentazione e altre risorse disperatamente necessarie per le persone che affrontano una discriminazione sproporzionata sul lavoro e la mancanza di risorse economiche opportunità.

La lingua della regola, secondo il promemoria dell'HUD ottenuto da vox , afferma che i centri di accoglienza possono determinare il sesso di un individuo sulla base della convinzione in buona fede che un individuo che cerca di accedere ai rifugi di emergenza temporanei non sia del sesso, come definito nella politica della struttura dello stesso sesso, che la struttura ospita.

Tra i molti elementi stravaganti e transfobici della regola, gli operatori dei rifugi sarebbero autorizzati a determinare l'ingresso in base a fattori quali l'altezza, la presenza (ma non l'assenza) di peli sul viso, la presenza di un pomo d'Adamo e altre caratteristiche fisiche che , se considerati insieme, sono indicativi del sesso biologico di una persona.



In altre parole, se una persona sembra in grado di essere trans, i rifugi sarebbero in grado di respingerla o richiedere che dimostri la prova del sesso biologico per poter entrare.

Le prove richieste non devono essere indebitamente invadenti della privacy, come prove anatomiche fisiche private. Le prove richieste potrebbero includere l'identificazione del governo, ma la mancanza di identificazione del governo da sola non può essere l'unica base per negare l'ammissione sulla base del sesso, secondo il testo della norma proposta.

L'anno scorso, il segretario dell'HUD Ben Carson ha attirato critiche diffuse per aver deriso le donne trans come grandi uomini pelosi durante un incontro interno con il personale dell'agenzia, e ha rifiutato di scusarsi quando gli è stato chiesto dalla rappresentante Jennifer Wexton (D-Va.), arrivando a dire che è semplicemente una questione di correttezza politica che distruggerebbe la nostra nazione.



Ha chiamato una coalizione di oltre tre dozzine di organizzazioni LGBTQ+, per le libertà civili e contro la povertà L'alloggio salva vite si è formata in opposizione alla regola proposta dall'HUD, evidenziando il potenziale danno che potrebbe essere causato alle persone transgender che cercano un posto accogliente dove stare.

Esistono rifugi di emergenza per mantenere le persone al sicuro e ospitate quando non hanno nessun altro a cui rivolgersi. È oltremodo crudele per questa amministrazione prendere di mira le persone transgender che hanno già urgente bisogno di un posto sicuro dove andare e dire ai rifugi di allontanarci per quello che siamo, ha affermato Kris Hayashi, direttore esecutivo del Transgender Law Center, in una dichiarazione . Con questa proposta, Trump incoraggia ancora una volta la discriminazione illegale contro le persone transgender e attacca la nostra capacità di sopravvivere e prosperare. Indipendentemente da ciò che dice l'amministrazione, i rifugi e i programmi abitativi dovrebbero continuare a seguire la legge e ad accogliere le persone transgender nei luoghi in cui saremo più sicuri.

Il National Center for Transgender Equality, membro della coalizione Housing Saves Lives, afferma che una persona transgender su cinque negli Stati Uniti ha ha subito discriminazioni durante la ricerca di una casa , e che più di uno su dieci è stato sfrattato a causa della propria identità di genere. NCTE rileva anche che una persona transgender su tre hanno sperimentato i senzatetto ad un certo punto della loro vita.