Non il Choco Taco

Quando ero in terza elementare, non avevo idea di essere gay. Ma conoscevo l'amore. L'ho trovato in un luogo gelido.
  La cancellazione di Choco Taco è la mia ultima cannuccia Klondike; Getty Images

Come tanti di voi, non volevo crederci. Non con vaiolo delle scimmie in aumento. Non dopo tre lunghi anni di vita pandemica . Non dopo di più fatture anti-trans rispetto ai controlli di stimolo. Non dopo che hanno tagliato Roe V. Wade , adattato Re Tigre in uno spettacolo, e ha detto al clima di raffreddarsi.



Dopo tutto questo e molto altro, ora stanno arrivando per il Choco Taco. Come riportato in lungo e in largo, il Klondike ha confermato lunedì che avrebbe interrotto probabilmente il suo prodotto più amato .

Come mai?



So che il Klondike ha rilasciato una dichiarazione di qualche tipo, ma non l'ho letto e non mi interessa. Vendite, affari, capitalismo: qualunque sia la spiegazione, l'abbiamo già sentito prima. La mia domanda è esistenziale. Perché, dopo che ne abbiamo passate così tante, il mondo deve muoversi in questo modo? Come possiamo procedere normalmente senza di lei, la nostra prelibatezza congelata che presto sarà scomparsa? C'è ancora qualche certezza in questa vita?



sono stanco. So che anche molti di voi lo sono. Forse questo può essere un luogo in cui potremmo unirci alla nostra tristezza, al nostro dolore, al nostro amore eterno per il più grande sfavorito che abbellisca un congelatore di una stazione di servizio.

Quando ero in terza elementare, non avevo idea di essere gay. Ma conoscevo l'amore. L'ho trovato in un luogo gelido. Veniva il giovedì, stantia perché la giornata è lunga. Correvo da lei dalla lezione di arte, lasciando ad asciugare al vento bastoncini di ghiaccioli incollati. Facendo i gradini due alla volta, con il mio zaino a rotelle che strepitava dietro di me, sono entrato nella caffetteria e sono andato dritto all'angolo dei dolci. Nessun Joe sciatto o Danimals potrebbe intromettersi tra noi. Per così tanto tempo ho pensato che niente potesse.

Se non hai mai provato un Choco Taco, smetti di leggere questo articolo. Vai, vai ora. Guida fino al negozio all'angolo, corri verso la bodega, sfonda la porta del padrone di casa e fai irruzione nel loro congelatore. Perché non c'è niente che posso dire qui che possa farti sapere. Devi assaggiare per te stesso, finché puoi. Anche se stai leggendo questi anni da oggi, 27 luglio 2022, quando l'ultimo Choco Taco esistente si scioglie su un podio di platino nella stanza degli ospiti di Elon Musk, permettimi di informarti di ciò che tu - anzi, noi - abbiamo perso.



Nato a Filadelfia nel 1983 , il Choco Taco è il dono definitivo dell'inventore Alan Drazen all'umanità. Un originale multi-trattino, il trattamento si apprezza al meglio attraverso le sue parti componenti.

Iniziamo con il guscio, la cui iconica trama molliccia ha introdotto milioni di persone al concetto di ironia. Ricoprire l'esterno curvo di circa quattro pollici è uno strato di cioccolato, cosparso di arachidi. All'interno del taco si trova una mezzaluna di gelato alla vaniglia e un vortice più scuro di origine misteriosa. Presi insieme, il Taco fa ciò che nessun cono potrebbe: ti invita a gustare ogni elemento del dessert in una volta, cono e tutto. Dal punto di vista gastronomico, questa è la grande rottura del Choco Taco. Ma chiunque li abbia provati sa che il loro fascino eterno va molto più in profondità del solo gusto e consistenza; che qualcosa di molto più risonante del gelato alla vaniglia vive in quel guscio miracolosamente delizioso.

Ok, per la maggior parte, questo articolo è uno scherzo. Voglio dire, eh. Il mondo sembra indicibilmente oscuro in questo momento, quindi perché non urlare al cielo a causa di un dessert stranamente appropriato? Allo stesso tempo, penso che ci sia qualcosa nel modo in cui le notizie di Choco Taco hanno colpito una corda. Non c'è dubbio le persone sono in lutto . E penso che qualcosa abbia a che fare probabilmente con la grande sfida della vita: accettare che le cose cambino; quella memoria è imperfetta.

Con l'onnipresenza degli smartphone possiamo registrare un momento, anche un'intera performance. Possiamo scattare un numero infinito di foto. Ma almeno in questo momento, non abbiamo modo di cristallizzare completamente come ci si sente a mangiare. Se il Choco Taco è davvero pronto per la cancellazione, è un grosso problema Se nell'era dei fake-out di Twinkie, quella singolare esperienza se ne andrà. Finito. Perso nel passato. E cosa dice sui ricordi che gli abbiamo legato? Anche loro andranno persi, ora che non avremo il nostro ponte ghiacciato verso tempi più semplici?

Ieri, quando è arrivata la triste notizia, ho preso quindici minuti dalla mia scrivania per raggiungere a piedi la carniceria dall'altra parte del luogo in cui abito. Con il cuore pesante, ho trovato vuoto il congelatore un tempo dedicato ai Choco Tacos. Potrei non assaggiare mai più il mio primo amore. E poiché non va bene come sono, mi sento supportato nella consapevolezza di non essere solo. Non lo sono mai stato.



Tre brindisi a te Mx. Taco. Ci vediamo dall'altra parte.