Il North Dakota approva la legge sulla libertà di parola che consente la discriminazione contro gli studenti LGBTQ+

Mentre 10 progetti di legge anti-LGBTQ+ siedono sulle scrivanie dei governatori di tutto il paese, uno è diventato legge lunedì. Il governatore del North Dakota Doug Burgum ha firmato una proposta che secondo i critici avrebbe consentito la discriminazione contro gli studenti universitari queer e transgender con la scusa della protezione della libertà di parola.



I sostenitori affermano che House Bill 1503 ha lo scopo di prevenire la violazione dei diritti del Primo Emendamento negli 11 college del North Dakota che ricevono finanziamenti statali. Introdotto dal rappresentante statale Kim Koppelman (R-13th District), HB 1503 vieta ai campus di limitare le opinioni impopolari o offensive a zone di libertà di parola selezionate nei terreni scolastici.

La legislazione afferma inoltre che i college non possono rifiutare finanziamenti a un gruppo di studenti in base al suo punto di vista o vietare relatori ospiti in base alle loro opinioni o al contenuto del discorso, secondo l'affiliata Bismarck-Minot CBS KXMA .



HB 1503 ha approvato l'Assemblea legislativa del North Dakota con ampi margini all'inizio di quest'anno, nonostante i critici affermino che ha affrontato un problema che lo stato non ha. Lisa Johnson, vicerettore per gli affari accademici e studenteschi del North Dakota University System (NDUS), afferma di non aver presentato denunce del Primo Emendamento almeno negli ultimi 12 anni.



Nonostante il fatto che i nostri campus non abbiano riscontrato casi comprovati di restrizioni imposte alla libertà di parola, nessun oratore sia stato messo a tacere, nessun visitatore aggredito, nessun oratore 'disinvitato' e nessun reclamo da parte degli studenti... ci sono ancora forze esterne che continuano a perpetuare l'idea che i college e le università del North Dakota stiano lavorando attivamente contro la libertà di parola e di espressione, ha detto Johnson al Grand Forks Herald a marzo.

NDUS si è opposto a HB 1503, ritenendo che potrebbe potenzialmente invitare azioni legali, secondo KXMA .

Sebbene la legislazione non risolva alcun problema che attualmente il North Dakota sta affrontando, i sostenitori affermano che è in grado di discriminare ulteriormente gli studenti universitari LGBTQ + nello stato.



Secondo una dichiarazione della campagna per i diritti umani, l'HB 1503 mina le politiche 'all-comers' che richiedono ai gruppi guidati da studenti di consentire a tutti i membri di aderire indipendentemente da razza, sesso, religione, orientamento sessuale o identità di genere. Secondo la sentenza della Corte Suprema del 2010 in Società giuridica cristiana contro Martinez , gli stati hanno la possibilità di trattenere i finanziamenti alle scuole che consentono ai gruppi di studenti di respingere potenziali partecipanti LGBTQ+.

Con la HB 1503 firmata in legge, il presidente dell'HRC Alphonso David afferma che le organizzazioni collegiali possono ora scegliere di respingere una serie di potenziali membri e leader - dagli studenti LGBTQ agli studenti di sesso, razza o credo religioso particolari - e continuare a ricevere finanziamenti statali.

Questa legge non è altro che un tentativo dannoso da parte del governatore Doug Burgum e dei legislatori del North Dakota di discriminare le persone LGBTQ e altre comunità emarginate, ha affermato in una nota. A nessuno studente dovrebbe essere negato il pieno accesso e godimento delle opportunità educative, sociali e di leadership tipicamente offerte da college e università a causa della propria identità.

Altre organizzazioni di difesa LGBTQ+ si sono unite per far esplodere HB 1503 in dichiarazioni condivise con loro . Brian Bond, direttore esecutivo di PFLAG National, ha affermato che la legislazione mina l'accesso equo e paritario all'istruzione per tutte le persone, mentre il direttore esecutivo ad interim del GLSEN Melanie Willingham-Jaggers ha accusato i repubblicani del North Dakota di rendere le scuole più pericolose per gli studenti LGBTQ+ e per tutti gli studenti.

Non vi è alcuna giustificazione per escludere gli studenti dai club e da altre opportunità, ed è chiaro che questa legge è il risultato di alcuni politici estremisti anti-LGBTQ+ che spingono la propria agenda politica, quando dovrebbero dedicare le proprie energie a sostenere le scuole con risorse per aiutarle riprendersi dalla pandemia, ha detto Willingham-Jaggers in una e-mail.



Nonostante il fatto che il North Dakota sia stato uno degli stati più pesantemente colpiti dalla crisi COVID-19 in corso, HB 1503 non è l'unico conto prendendo di mira le persone LGBTQ+ durante la sessione legislativa statale del 2021. Tra gli altri due atti legislativi discriminatori introdotti, il più allarmante è HB 1298 — che cerca di vietare agli studenti transgender di praticare sport in linea con la loro identità di genere. Il disegno di legge è attualmente sulla scrivania di Burgum per l'approvazione.

In tutto il paese, quest'anno più di due dozzine di stati hanno introdotto una legislazione che ha un impatto negativo sui giovani LGBTQ+, con la maggioranza che mira alla partecipazione atletica e all'assistenza di genere per i giovani trans.

Il governatore del Nord Dakota Doug Burgum Alabama, North Dakota, approvano le fatture sportive anti-trans come altre due anticipazioni I conti del North Dakota e dell'Alabama sono diretti alle scrivanie del loro governatore, mentre la legislazione in Florida e Texas ha eliminato i primi grandi ostacoli. Visualizza storia

Il Trevor Project, un'organizzazione nazionale per la prevenzione del suicidio, ha osservato in una dichiarazione che la scuola è uno spazio sicuro e una fonte di affermazione per molti giovani LGBTQ+ che si sono trovati sotto attacco da parte dei legislatori repubblicani in tutto il paese. L'organizzazione ha previsto che fatture come HB 1503 serviranno solo a spogliare ulteriormente alcune delle pochissime risorse rimaste a questi studenti.

Tentare di legalizzare la discriminazione contro gli studenti LGBTQ è irragionevole', ha affermato Sam Brinton, vicepresidente della ricerca. Dire a una giovane persona LGBTQ che non può entrare in uno spazio o partecipare a un gruppo semplicemente per quello che è è incredibilmente doloroso e potrebbe avere un impatto negativo sulla sua salute mentale.

Secondo Ricerca 2020 da The Trevor Project , i giovani queer e trans che avevano subito discriminazioni nell'ultimo anno, a scuola o fuori dal campus, avevano il doppio delle probabilità di tentare di porre fine alla loro vita. I tassi di tentato suicidio sono diminuiti del 35%, tuttavia, quando gli intervistati sono stati in grado di accedere ad almeno una risorsa che affermava la loro identità LGBTQ+, come un gruppo di studenti accoglienti.