Ora Elenco 2021: Lydia X.Z. L'avvocatura di Brown fa spazio ai disabili di colore

Disabili omosessuali combattono da tempo per le forme basilari di giustizia, come l'equità sanitaria e l'accesso agli spazi. Ecco perché Lydia X.Z. Brown — scrittore, educatore, organizzatore, artista e avvocato — è determinato ad aiutare altre persone disabili nelle loro comunità a ottenere ciò di cui hanno bisogno per sopravvivere. In quanto persona con un'identità più emarginata, Brown comprende intrinsecamente come sistemi come l'abilità, il razzismo e il classismo siano tutti collegati nell'alimentare la violenza e la discriminazione nei confronti di persone come loro.



Brown unisce tutte le loro modalità di competenza nei loro ruoli di advocacy e politici per organizzazioni non profit come il Center for Democracy and Technology e Autistic Women and Nonbinary Network. Nel loro lavoro organizzativo, hanno fondato la Fondo per le riparazioni comunitarie per l'interdipendenza, la sopravvivenza e l'empowerment delle persone autistiche di colore , che ha raccolto quasi $ 100.000 per le persone di colore autistiche. Ora stanno lavorando a un progetto artistico personale chiamato the Disability Justice Wisdom mazzo di carte dei tarocchi , che reimmaginerà gli arcani maggiori per rappresentare parti ordinarie delle vite [e] delle esperienze dei disabili.

Quest'anno, loro. sta onorando Brown come parte di la nostra Now List annuale , i nostri premi per i visionari LGBTQ+. Di seguito, parlano con la scrittrice e organizzatrice Elly Belle del loro approccio multiforme all'advocacy e del perché è importante passare il microfono ad altre persone emarginate.

In che modo le tue varie identità e le esperienze che hai avuto nella tua vita influenzano la tua organizzazione e il modo in cui ti avvicini alle soluzioni ai problemi?



Mi sono spostato attraverso il mondo come qualcuno che è molti emarginato. In quanto persona non binaria e trans, queer, asessuale, dell'Asia orientale, adottata a livello transrazziale e internazionale e con disabilità multiple, spesso mi ritrovo come l'unico nelle comunità di colore che può essere l'unica persona apertamente trans o disabile in un particolare spazio. Ovunque mi trovi, mi dà la responsabilità di essere responsabile nei confronti delle comunità da cui vengo. Credo che ogni volta che qualcuno di noi si trova in tali spazi, la sfida non è solo come possiamo attirare più persone dalle nostre comunità, ma come porre fine alla dinamica che ha creato questo tipo di spazio.

Quali sono state alcune delle sfide più grandi e quali esperienze hai avuto che ti hanno dato più speranza o gioia?

Le sfide più grandi che ho dovuto affrontare sono comuni in molte comunità emarginate. Una delle sfide che affrontiamo viene dall'interno della nostra stessa comunità [attivismo e organizzazione], [in cui] alcune persone replicano schemi di interazione violenti e abusivi. Quel trauma si accumula continuamente, da una vita vissuta in un ambiente profondamente razzista, mondo abilista, classico, anti-queer, anti-trans. Il secondo tipo di sfide che affrontiamo all'interno dei movimenti per la giustizia sono quelle create da sistemi, strutture, modelli e istituzioni di oppressione che cercano di cancellare il nostro lavoro e la nostra esistenza, di privare e negare l'accesso alle risorse o al supporto.



Quanto alla gioia, lavoriamo costantemente per sostenerci a vicenda. Puoi vedere che quando un singolo membro della comunità chiede supporto, molti di noi si affretteranno a vedere cosa possiamo fare. Sono così felice che ci siano progetti là fuori ora come Club di cultura per la giustizia della disabilità e altri come il Donne autistiche e rete non binaria , dove lavoro part time. Sono davvero felice di vedere questo tipo di progetti, organizzazioni e gruppi che i membri della nostra comunità creano continuamente in così tanti spazi diversi.

Ma a un livello più personale, amo cuocere e cucinare. Posso farlo per qualsiasi restrizione dietetica immaginabile. Mi dà gioia sapere che molte volte, quando esco con altre persone disabili e malate croniche, a volte sono una delle prime persone che preparerà il cibo giusto la prima volta e sarà delizioso. Di solito siamo privati ​​dell'opportunità di avere cibo che sappiamo sarà sicuro e accessibile. Quindi mi dà molta gioia.

In che modo tutti i tuoi diversi ruoli di scrittore, avvocato, organizzatore e educatore si servono a vicenda per promuovere i tuoi obiettivi?

Credo nel lavorare tra comunità, campi e istituzioni. Questo è intenzionale. Non credo che nessuna tattica o strategia o approccio da solo porterà alla nostra liberazione. Riconosco anche che non tutti hanno la capacità o la capacità di lavorare in più di un'area alla volta. E va bene. Ma ho questa capacità. Perché lo faccio, porto i miei impegni con me ovunque io vada, forgiando quelle connessioni e costruendo quelle relazioni in modo che nessuno con cui lavoro nello spazio politico possa dire di non conoscere un attivista, un organizzatore o un accademico perché mi conoscono. Credo nel sostenere e costruire queste connessioni come un modo per rafforzare tutti i nostri movimenti nella nostra comunità.

Puoi parlarmi del mazzo di tarocchi Disability Justice su cui stai lavorando in questo momento?



Attraverso questo mazzo, ho reinventato tutti gli arcani maggiori, per rappresentare i punti e i temi principali e cardine all'interno della vita neurodivergente, malata e disabile. L'artwork, che sto creando per ogni caratteristica della carta, [raffigura] persone di colore completamente disabili. Non ho avuto molto tempo per lavorare sulla mia arte visiva per molti, molti anni, solo a causa della vita, del lavoro, della pandemia e della crisi costante. Quindi impegnarmi in questo progetto è un modo per ritagliarmi uno spazio per impegnarmi nuovamente con la mia arte. [Sto creando] uno spazio per fare un lavoro che non è necessariamente professionale, ma per creare qualcosa che è per me, ed è anche un regalo per le altre persone nella [mia] comunità.

Questa intervista è stata modificata per lunghezza e chiarezza.