Perché il monumento di uno storico bar gay di Los Angeles è coperto da insegne Shake Shack?

La catena di hamburger è stata anche in acqua calda per aver utilizzato un fornitore con legami politici anti-LGBTQ.
  L'immagine può contenere testo simbolo parola alfabeto e segno Miles Griffis

L'orologio ha suonato la mezzanotte di Capodanno quando i clienti della Black Cat Tavern hanno condiviso i loro primi baci del 1967. Hanno ballato e festeggiato con i Rhythm Queens, un trio nero che ha eseguito una cover rock di 'Auld Lang Syne'. Solo pochi istanti dopo, una dozzina di agenti in borghese del dipartimento di polizia di Los Angeles si precipitarono dentro e picchiarono brutalmente il personale e i partecipanti, arrestando in seguito 16 persone per 'condotta oscena'.



Poche settimane dopo, l'11 febbraio, un gruppo di sostenitori organizzato un raduno di quasi 600 persone al di fuori del bar gay, citata dalla Commissione per i beni culturali della città di Los Angeles come la prima protesta LGBTQ organizzata documentata nella nazione. La Black Cat Tavern alla fine chiuse nello stesso anno, ma lo spazio continuò a ospitare una serie di bar gay tra cui Bushwhacker e Le Barcito fino al 2008, quando l'intero duplex divenne un monumento storico-culturale di Los Angeles per il suo ruolo nel movimento per i diritti civili LGBTQ così come un Pietra miliare storica della California all'inizio di questa estate.

Nel 2012, un gastropub chiamato The Black Cat ha aperto su un lato del duplex di Silver Lake che ospitava il bar gay originale. Sebbene il nuovo stabilimento non è strano , rende omaggio al suo omonimo esponendo fotografie delle manifestazioni del 1967 e utilizzando la sua segnaletica originale.



Ma questo autunno, il Gatto Nero condividerà l'edificio con un nuovo inquilino. La catena di fast food Shake Shack ha recentemente posizionato tre grandi insegne sullo storico duplex, che domina gran parte dell'edificio Art Déco con il suo marchio. Quando sono iniziate le foto della presenza di Shake Shack nell'edificio circola sui social , molti hanno espresso la loro frustrazione, facendo eco alle tensioni di vecchia data tra comunità queer e società, che spesso conducono grandi campagne di Pride mentre sono ancora donazioni a politici anti-LGBTQ .



'Quello che avrebbero potuto fare non è stato intonacare questi giganteschi cartelli Shake Shack sulla parte anteriore e laterale dell'edificio o aggiunto quel segno aggiuntivo in alto', ha affermato Maebe A. Girl, candidata al 23esimo distretto del Congresso e membro del Consiglio di vicinato di Silver Lake. 'È uno schiaffo in faccia'.

A parte il simbolismo della mossa, Girl ha anche detto che alcune persone vedono un'amara ironia in un'azienda come Shake Shack che occupa lo spazio: il fornitore di panini della catena di hamburger, il Martin's Famous Pastry Shoppe con sede in Pennsylvania, è diventato un punto critico politico quest'estate dopo è stato segnalato che il presidente esecutivo dell'azienda, James Martin, ha contribuito con oltre $ 100.000 alla campagna governativa del politico anti-LGBTQ Doug Mastriano. Ulteriore segnalazione ha affermato che Martin ha donato oltre $ 200.000 a dozzine di candidati repubblicani negli ultimi 15 anni.

Mastriano ha recentemente affermato di sì 'disgustoso' per scoraggiare la terapia di conversione, ha votato un disegno di legge che limita i programmi LGBTQ nelle scuole della Pennsylvania, e ha promesso di bandire le donne trans dagli sport femminili in a discorso della vittoria primaria . Il candidato governatore è anche un negazionista elettorale, che è stato accusato di aver violato le linee di polizia durante l'insurrezione del 6 gennaio. È stato riferito che ha noleggiato autobus per portare i rivoltosi di destra dalla Pennsylvania all'evento in cui almeno sette persone sono morte.



Il famoso blogger di cibo Joe Rosenthal ha chiesto a Shake Shack di troncare i legami con Martin's per il suo sostegno a Mastriano all'inizio di quest'anno. Shake Shack ha scritto in una dichiarazione all'outlet locale della Pennsylvania Billy Penn questo giugno in cui si trovavano “conversazioni attive” con Martin's, ma non ha interrotto pubblicamente i rapporti con il fornitore, come alcune imprese ha fatto quando l'azienda affrontato boicottaggi durante l'estate grazie alle donazioni di Jim Martin.

Contenuti Instagram

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina da.

In un'intervista a Loro , Rosenthal ha detto che il trasferimento di Shake Shack in questo nuovo indirizzo di Los Angeles è stato 'grossolano' dato il suo silenzio su Mastriano. 'Shake Shack sta aprendo in questo edificio storico LGBTQ mentre consente a un candidato che ha e continuerà a danneggiare le persone gay e trans', ha affermato.

Gay LA: Una storia di fuorilegge sessuali, politica di potere e lesbiche con il rossetto La coautrice e storica Lillian Faderman ha mantenuto un sentimento simile. 'Ci sarebbe un enorme oltraggio se qualcosa del genere accadesse a Stonewall', mi ha detto, definendo la mossa una 'dissacrazione di qualcosa che la comunità gay dovrebbe considerare sacro'.



Shake Shack ha affermato che provengono i loro ingredienti da 'fornitori che la pensano allo stesso modo che ammiriamo e amiamo', secondo il suo 2021 sintesi aziendale . Un rappresentante di Shake Shack ha rilasciato la seguente dichiarazione quando ho contattato una serie di domande via e-mail sul loro uso dei panini di Martin e sulla loro prossima posizione in uno strano monumento storico e punto di riferimento statale.

“Shake Shack si impegna a essere un buon vicino. Rispettiamo e ammiriamo il significato storico di The Black Cat e il ruolo fondamentale che ha svolto nel movimento per i diritti LGBTQ+', ha scritto il rappresentante. 'Mentre entriamo in questa nuova posizione, non vediamo l'ora di coinvolgere la comunità e continuare ad imparare, come sempre'.

Shake Shack non ha risposto quando gli è stato chiesto se Martin's fosse ancora il fornitore di panini dell'azienda. Quando ho chiamato uno Shake Shack locale a Hollywood al 6201 di Hollywood Blvd, Suite 104, un dipendente mi ha detto che li usavano ancora nella loro posizione e 'credevano' fossero usati in tutte le località.



Il portavoce dell'azienda di fast food mi ha anche fatto notare che Shake Shack collabora con The Trevor Project e che negli ultimi quattro anni ha ricevuto il 100% dell'indice di uguaglianza aziendale della campagna per i diritti umani.

Inizialmente informato anche un rappresentante di Shake Shack Loro che la società avrebbe collaborato con il Los Angeles LGBT Center per il giorno di apertura della sede di Silver Lake, donando una parte dei proventi al Centro. Tuttavia, quando ho contattato Phillip Picardi, Chief Marketing and Communications Officer del Los Angeles LGBT Center (e guarda caso un ex redattore capo di questo sito web), ha detto che Shake Shack aveva contattato solo la mattina del 16 settembre, il giorno dopo ho inviato un'e-mail all'azienda di hamburger con una serie di domande. 'Non abbiamo una partnership pianificata o programmata con l'azienda', ha scritto in una nota. Quando ho sollecitato il rappresentante per il loro punto di contatto al Centro, in seguito hanno scritto che non stanno andando avanti con il Centro LGBT di Los Angeles come partner di beneficenza.

Sebbene la designazione del monumento offra molte protezioni all'edificio di Silver Lake, Ken Bernstein, Principal City Planner presso l'Office of Historic Resources, ha scritto via e-mail che lo staff dell'urbanistica ha stabilito che il marchio Shake Shack è posizionato su un'insegna sul tetto che è stata attaccata al edificio in quanto prima della sua designazione a monumento non comporterebbe la perdita o il grave danno di una significativa risorsa storica. Bernstein ha anche osservato che l'urbanistica non può e non può trattenere legalmente un'autorizzazione all'autorizzazione sulla base delle opinioni politiche o delle azioni politiche passate di qualsiasi richiedente di progetto. 'Il nostro dipartimento lavora per combattere la discriminazione e l'esclusione e si impegna a promuovere politiche che creino una Los Angeles più giusta, equa e giusta', ha scritto Bernstein.

Nonostante la vasta storia gay di Los Angeles e la vasta popolazione queer di oltre 500.000 persone , solo sei dei 1.266 monumenti storico-culturali della città rendono specificamente omaggio ai siti storici LGBTQ.

Miles Griffis

'La storia LGBTQ di Los Angeles non è conosciuta comunemente, ma è davvero importante riconoscere i luoghi che raccontano le loro storie', Linda Dishman, CEO e Presidente dell'organizzazione no profit The Los Angeles Conservancy, che lavora per preservare siti storici e risorse culturali nella contea di Los Angeles, raccontati Loro . 'Abbiamo sostenuto la nomination [del gatto nero] ed eravamo entusiasti che si fosse fatta avanti nel 2008', mi ha detto Dishman. Ha detto che la Conservancy sosterrebbe anche un riconoscimento nazionale dell'edificio storico, come Monumento nazionale di Stonewall designazione del 2016 del presidente Barack Obama.

Joey Espinoza-Hernández, Direttore delle politiche e della costruzione della comunità presso il Los Angeles LGBT Center, concorda sul fatto che l'edificio meriti una designazione di monumento nazionale. 'Penso che le persone che sono preoccupate per i monumenti storici LGBTQ e in particolare per il gatto nero dovrebbero contattare i loro funzionari eletti', mi hanno detto. 'È importante per loro ricordare che gli attacchi alla nostra comunità non si limitano solo all'assistenza sanitaria, all'immigrazione, ai senzatetto e a una varietà di altri sistemi, ma anche nella nostra stessa visibilità'.

Poiché la gentrificazione e altri fattori spingono le persone e le imprese queer fuori dai quartieri, Espinoza-Hernández ha affermato che i siti storici per la comunità LGBTQ diventano ancora più importanti per riconoscere lo sfollamento di persone queer e trans in tutto il paese.

Quando ho contattato il proprietario del monumento storico e punto di riferimento dello stato, David Cohen, mi ha detto al telefono che non era a conoscenza del fatto che Shake Shack si fosse affidato a un venditore con legami commerciali anti-LGBTQ. 'Contatterò Shake Shack per determinare se sono disposti a porre rimedio a questa situazione', ha scritto in seguito tramite e-mail. 'Conosco molto bene l'importanza storica di questo spazio e continuerò a lavorare per preservarne l'eredità'.

Girl, membro del Consiglio di vicinato di Silver Lake, mi ha detto che anche i vicini e i membri della comunità possono esprimere le loro opinioni traendo ispirazione dalla storia della Black Cat Tavern. 'Sai', ha detto, 'possiamo sempre tornare alle radici dell'edificio e protestare'.