Il presidente Biden emette la prima proclamazione in onore del mese dell'orgoglio LGBTQ+

Joe Biden ha promesso di continuare a lottare per l'uguaglianza LGBTQ+ nella prima proclamazione ufficiale del Pride della sua presidenza.



In una dichiarazione pubblicata sul sito web della Casa Bianca, Biden ha riaffermato l'impegno del governo federale a essere solidale con gli americani LGBTQ+ nella loro continua lotta contro la discriminazione e l'ingiustizia.

Durante il mese dell'orgoglio LGBTQ+, riconosciamo la resilienza e la determinazione di molte persone che stanno lottando per vivere liberamente e autenticamente, ha scritto. In tal modo, stanno aprendo cuori e menti e stanno gettando le basi per un'America più giusta ed equa. In questo mese del Pride, affermiamo il nostro obbligo di difendere la dignità di tutte le persone e di dedicarci alla protezione dei più vulnerabili tra noi.



Pur rilevando le principali vittorie in materia di diritti civili ottenute dalla comunità LGBTQ+ dall'insorgere di Stonewall 52 anni fa, Biden ha affermato che resta ancora molto lavoro da fare. Ciò include il passaggio del Legge sull'uguaglianza , un'ampia proposta di legge sulla non discriminazione è in stallo al Senato degli Stati Uniti dopo aver superato la Camera. Se firmata in legge, la legislazione garantirebbe uguale protezione per le persone LGBTQ+ in quasi tutti i settori della vita pubblica, compresi l'alloggio, il lavoro, l'assistenza sanitaria e gli alloggi pubblici.



Il presidente ha richiamato in particolare l'attenzione sugli attacchi legislativi e fisici alla comunità trans, in particolare il tragico picco di violenze contro le donne transgender di colore nel 2021. Quest'anno, almeno 27 persone trans e di genere non conforme hanno perso la vita a causa della violenza, lo stesso numero come numero totale di omicidi anti-trans in tutto il 2019.

In mezzo a questa continua epidemia, Biden ha notato che alcuni stati hanno scelto di prendere di mira attivamente i giovani transgender attraverso progetti di legge discriminatori che sfidano i valori della nostra nazione di inclusività e libertà per tutti. Questi stati includono 7 che hanno emanato una legislazione limitando la partecipazione dei giovani transgender negli sport scolastici, come la Florida, che firmato un disegno di legge mirato studentesse trans atlete nel primo giorno del mese del Pride LGBTQ+.

Sostenitori LGBTQ+ hanno invitato l'amministrazione Biden per agire contro queste leggi unendo le cause intentate da gruppi come l'American Civil Liberties Union (ACLU), Lambda Legal e Human Rights Campaign cercando di fermarli dall'entrare in vigore. Biden non si è impegnato in quella linea d'azione martedì, ma ha ribadito l'opposizione della sua amministrazione a questi disegni di legge.



Porre fine alla violenza e alla discriminazione contro la comunità LGBTQ+ richiede la nostra continua attenzione e diligenza, ha scritto. In qualità di presidente, mi impegno a difendere i diritti di tutte le persone LGBTQ+.

Sebbene molti dei più grandi obiettivi di uguaglianza della Casa Bianca debbano ancora essere realizzati, il proclama rilevava che l'America aveva compiuto alcuni passi avanti storici sotto la nuova presidenza. Il primo giorno in carica di Biden, lui istruito tutte le aree del ramo esecutivo applicare la sentenza della Corte Suprema del 2020 sulla non discriminazione LGBTQ+ alla politica federale. Tale decisione ha portato il Dipartimento per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD). fare una dichiarazione unica nel suo genere quel pregiudizio sulla base dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere nelle case popolari è illegale.

Giorni dopo, Biden ha ribaltato il divieto trans-militare di Donald Trump e ha emesso un promemoria in cui si impegnava a promuovere i diritti LGBTQ+ in tutte le decisioni di politica estera. Ha anche nominato diverse persone queer e trans in posizioni storiche all'interno del suo gabinetto, incluso quello di Segretario dei Trasporti Pete Buttigieg e Assistente HUD Segretario Dr. Rachel Levine .

Nella sua proclamazione, Biden ha riferito che il 14% delle 1.500 persone nominate a posizioni federali all'interno della sua amministrazione sono membri della comunità LGBTQ+.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden Biden è il primo presidente a onorare il Trans Day of Visibility nella proclamazione storica In una dichiarazione, ha accreditato le generazioni di lotta, attivismo e coraggio che hanno avvicinato il nostro Paese alla piena uguaglianza. Visualizza storia

La dichiarazione di martedì è stata una grande rottura con l'amministrazione Trump, che non ha mai emesso un proclama ufficiale del Pride durante i 4 anni in carica dell'ex presidente. Nel 2019 Trump divenne il primo presidente repubblicano riconoscere l'orgoglio LGBTQ+ esprimendo solidarietà alle numerose persone LGBT che vivono in dozzine di paesi in tutto il mondo che puniscono, imprigionano o addirittura giustiziano individui sulla base del loro orientamento sessuale in una serie di tweet.



Quella dichiarazione sembrava fare riferimento all'inefficace campagna di Trump per depenalizzare l'omosessualità nei quasi 70 paesi in cui l'intimità tra persone dello stesso sesso rimane illegale o potenzialmente punibile con la morte. Tuttavia, il presidente secondo quanto riferito, sapeva poco quella campagna quando interrogato dai giornalisti.

Il 2019 sarebbe il primo e unico riconoscimento del mese del Pride da parte di Trump, come lui non ha twittato per celebrare l'occasione l'anno successivo.

Bill Clinton fu il primo presidente di emettere una proclamazione del mese dell'orgoglio nel 1999, una tradizione che è stata ripristinata da Barack Obama nel 2009. Obama ha rilasciato una dichiarazione in onore delle persone LGBTQ+ tutti gli 8 anni del suo mandato.