L'orgoglio è ed è sempre stato sulla ribellione, quest'anno più che mai

Mentre il mondo continua a fare i conti con il COVID-19 pandemia, l'America sta lentamente raggiungendo il suo punto di ebollizione. Con oltre 100.000 morti a causa del virus, quasi 40 milioni di disoccupati e una risposta del governo priva dell'urgenza della situazione, gli Stati Uniti stanno rapidamente scivolando in una crisi umanitaria. Sfortunatamente, per i neri, il razzismo, l'anti-nero e la supremazia bianca non prendono giorni di riposo, né il sistema di polizia oppressivo. Con l'uccisione di polizia della scorsa settimana George Floyd , migliaia di persone in tutto il paese sono scese in piazza per combattere l'ingiustizia - uno straziante ricordo di questo mese del Pride di un'epoca nella storia in cui i trans neri e marroni e le persone queer hanno guidato una violenta rivolta contro la polizia.



La notte del 28 giugno 1969, la storia è stata scritta in un bar del Greenwich Village, New York, chiamato il Locanda Stonewall . Fu quella notte durante un raid della polizia che le persone LGBTQ+ hanno condotto la loro prima grande azione contro il NYPD e le loro pratiche discriminatorie nei confronti delle persone queer. Durante quell'incursione, una lesbica butch birazziale di nome Storme De Larverie ha resistito all'arresto, urlando agli altri lì, perché non fate qualcosa? Fu in quel momento che il solo la risposta alla violenza potrebbe essere la violenza, l'unica lingua che la polizia e lo stato abbiano mai parlato. La folla circostante iniziò quindi a sollevarsi e nacque la rivolta di Stonewall.

Guidata da persone trans e queer nere e marroni, la ribellione che seguì durò sei giorni. Ci furono proteste, saccheggi e violenti scambi con la polizia mai visti in quell'epoca. Sebbene il record storico di Stonewall sia spesso dibattuto, molti attribuiscono a Marsha P. Johnson, una donna transgender nera, il merito di aver lanciato il primo mattone a Stonewall e Stormé di aver lanciato il primo pugno. Ciò che è chiaro è che le persone LGBTQ+ nere e marroni hanno svolto un ruolo fondamentale nella rivolta.



Stonewall era una ribellione. Stonewall è stata una rivolta. Molti hanno definito Stonewall una rivolta, un'idea che viene spesso rifiutata, poiché la parola rivolta ha una connotazione negativa. Non importa come lo chiamiamo, Stonewall rappresenta il momento spartiacque nella storia LGBTQ+ e il catalizzatore del movimento per i diritti LGBTQ+. In quanto persone queer, le rivolte e le proteste sono state spesso tra gli strumenti più potenti che abbiamo per creare il cambiamento. Molte delle stesse persone coinvolte con Stonewall hanno dovuto essere altrettanto attive nella protesta e nell'attivismo durante l'epidemia di HIV, un'epidemia che sta ancora danneggiando le persone LGBTQ+ nere a tanto tassi più elevati rispetto ad altre comunità.



Il problema non è il saccheggio. Non puoi distruggere la tua stessa città in un luogo a cui non hai mai sentito di appartenere. L'immobile può essere sostituito. George Floyd, Tony McDade, Breonna Taylor e Ahmaud Arbery non possono. Come persone che una volta erano considerate proprietà, sarò dannato se qualcuno ci dice che siamo sempre meno di così.

Nel 1970, nel primo anniversario di Stonewall, si tenne a New York la prima parata del Pride in assoluto. È stato un atto provocatorio di fronte a ciò che è accaduto l'anno prima, che aveva il potenziale per essere pericoloso e pericoloso per tutti coloro che hanno partecipato. Fortunatamente, la parata si è svolta senza alterchi, dando inizio a una nuova tradizione per le comunità LGBTQ+.

Le parate dell'orgoglio sono cresciute nel corso dei cinque decenni da allora fino a diventare un evento celebrato a livello mondiale, attirando milioni di cittadini in molte città per unirsi ai festeggiamenti. Sfortunatamente, Pride - proprio come molti altri movimenti - è stato mercificato dal capitalismo, imbiancando gran parte del movimento, la sua storia e il collegamento con la resistenza nera per i diritti civili. Si è trattato di concedere alle aziende 30 giorni per supportare le comunità queer schiaffeggiando un arcobaleno su ogni prodotto e donando a buone cause LGBTQ+, concentrando la loro alleanza sui bisogni di coloro che affermano di sostenere. Le comunità LGBTQ+ nere e marroni continuano ancora ad affrontare lacune nell'assistenza sanitaria, nell'istruzione e nella stabilità socioeconomica di fronte all'arcobaleno.



In un pezzo intitolato Symbolism Is Not Enough di Da'Shaun Harrison, un abolizionista e organizzatore non binario con sede ad Atlanta, evidenziano capitalismo arcobaleno con specificità:

Rainbow Capitalism, noto anche come capitalismo rosa, è un termine usato per descrivere in dettaglio l'allusione all'incorporazione dei diritti LGBTQIA+ nelle società con incentivi al profitto […] La solidarietà di queste società si è estesa al matrimonio gay, ma non all'abolizione della polizia [.. .] aziende come Nike, Walmart e Jack Daniels annunciare innumerevoli prodotti color arcobaleno ogni anno mentre si investe in carceri private, lavoro schiavo , e ignorando il tasso più alto in cui le persone LGBTQIA+ soffrono di abuso di sostanze.

L'orgoglio non è una festa. Questo non significa che non dovremmo celebrare le nostre comunità e i progressi che abbiamo fatto, ma è necessario ricordare i motivi per cui questo mese è necessario. È un promemoria di dove siamo partiti, la necessità che quella storia sia documentata e protetta, così come la lotta per continuare il movimento verso l'equità e l'uguaglianza.

I neri LGBTQ+ sono sempre stati in prima linea; siamo stati organizzatori e coinvolti in ogni aspetto del movimento per i diritti dei neri, così come i diritti di coloro con identità intersecanti. Eravamo lì tutte le sere di Stonewall, tutte le sere del movimento per i diritti civili, e ora ci siamo nel mezzo di un movimento nazionale contro lo stato di polizia. Poiché rimaniamo il più alto rischio di COVID-19, molti di noi hanno messo da parte questa paura, superata dalla necessità di combattere ancora una volta contro la brutalità della polizia in un paese costruito sull'anti-nero.

I manifestanti di No Justice No Pride interrompono la Capital Pride Parade 2017 il 10 giugno 2017 a Washington DC.

Paul Morigi/Getty Images



Le recenti proteste per l'uccisione di George Floyd per mano di 4 agenti di polizia del Minnesota sono state un punto di rottura dopo settimane di morte dei neri. L'uccisione di Ahmaud Arbery da due suprematisti bianchi, di cui uno era un ex agente di polizia. L'uccisione di un lavoratore EMS Breonna Taylor dalla polizia, che ha sfondato la sua porta e l'ha uccisa nella sua stessa casa. L'uccisione di un uomo trans di nome Tony McDade, che ha perso la vita per mano della polizia proprio la scorsa settimana. Proteste e rivolte si sono verificate in più di 30 grandi città del paese e nelle principali città del mondo, poiché la difficile situazione dei neri in America è stata nuovamente messa sotto processo affinché il mondo lo veda.

Il mese dell'orgoglio quest'anno è diverso. Ora spetta ai bianchi, in particolare ai bianchi queer che guardano i neri seduti agli incroci morire per mano dell'oppressione a strati, alzarsi in piedi. Spetta a coloro che amano bere allo Stonewall Inn e in ogni bar gay in tutta la nazione mettere in gioco i propri corpi in segno di solidarietà e spendere i propri privilegi per proteggere gli altri con forme condivise di emarginazione.

Poiché le celebrità, il governo, i liberali e i conservatori continuano a condannare i manifestanti che attualmente combattono contro la brutalità della polizia e i sistemi che la generano, dobbiamo appoggiarci alla storia e al modo in cui ci guida. Il problema non è il saccheggio. Non puoi distruggere la tua stessa città in un luogo a cui non hai mai sentito di appartenere. L'immobile può essere sostituito. George, Tony, Breonna e Ahmaud non possono. Come persone che una volta erano considerate proprietà, sarò dannato se qualcuno ci dice che siamo sempre meno di così.


Altre storie sulle proteste di George Floyd e sul movimento per la giustizia razziale: