I genitori omosessuali in Georgia si aprono sulla legge di adozione anti-LGBTQ+ dello Stato

Lunedì, il Senato della Georgia ha votato per approvare la misura SB 375, un disegno di legge sulla libertà religiosa che consente alle agenzie di adozione di rifiutarsi di servire le famiglie LGBTQ+ se ciò è in conflitto con le convinzioni religiose sincere dell'agenzia. Perversamente, lo sponsor del disegno di legge, il senatore William Ligon, ha affermato che consentire alle agenzie di adozione di discriminare porterebbe a più adozioni, non meno.



Sul campo, genitori e attivisti sono cautamente ottimisti sul fatto che un boicottaggio coordinato spingerà il governatore, Nathan Deal, a porre il veto al disegno di legge. Affare posto il veto una misura anti-gay ancora più ampia nel 2016 dopo le proteste di Hollywood, leghe sportive e grandi società.

Ma il calcolo politico per i leader georgiani potrebbe essere cambiato negli ultimi due anni. Deal non cercherà la rielezione per un terzo mandato a novembre e il Luogotenente Governatore Casey Cagle, un probabile sfidante, ha recentemente dimostrato di essere un fermo sostenitore delle cause conservatrici proponendo la fine delle agevolazioni fiscali statali di Delta dopo che l'aereo di linea ha smesso di fornire sconti all'NRA. Anche con la Georgia che attira le produzioni cinematografiche di Hollywood e gareggia per fare di Atlanta la sede del secondo quartier generale di Amazon, c'è ancora la possibilità che i politici possano rifiutare una campagna di boicottaggio a favore della difesa dei valori del sud.



Nel frattempo, una stima 14.000 bambini nello stato sono attualmente in attesa di essere adottati in famiglie amorevoli e stabili. L'adozione è un processo lungo e arduo per molti potenziali genitori, ma è particolarmente difficile quando lo stato in cui vivi non riconosce la legittimità della tua famiglia. Abbiamo contattato un certo numero di genitori LGBTQ+ e potenziali genitori in Georgia per avere la loro opinione sul nuovo e oneroso conto.

Beth e Krista Wurz insieme ai loro sette figli.



Beth e Krista Wurz in una foto insieme ai loro figli.Lambda Legale

Krista e Beth Wurz, sette figli adottivi, Brunswick, Georgia

Krista: Quando io e mia moglie ci siamo incontrati, abbiamo deciso di adottare attraverso l'affidamento ed è stata una battaglia per tutto il tempo. Eravamo a Columbus, in Georgia, e dovevamo lottare anche per poter prendere lezioni di famiglia adottiva. Abbiamo parlato con gli assistenti sociali e ci hanno detto, guarda, probabilmente non ci saranno assistenti che vorranno mettere i bambini con te.



E questo è stato vero per un po'. Eravamo l'ultima risorsa. Se c'era un bambino che aveva bisogni speciali eccezionali o aveva bisogno di cure di sollievo quando i suoi genitori uscivano dalla città, lo facevamo. È così che abbiamo trovato il primo gruppo di fratelli che abbiamo adottato; erano tre sorelle che sono venute da noi per un fine settimana e ci siamo innamorate all'istante. Sapevamo che i diritti dei loro genitori sarebbero stati revocati, quindi abbiamo continuato a chiedere agli assistenti sociali se potevamo fermarci. Ci hanno abbattuto ogni volta. 'No, no, abbiamo una famiglia per loro.'

Poi, dieci minuti dopo il nostro matrimonio nel New Hampshire nel 2010, abbiamo ricevuto una chiamata. Quello che accadde fu che gli abusi subiti da questi gemelli avevano reso impossibile collocarli in una famiglia che aveva un padre. Non sapevano come relazionarsi con un uomo in modo positivo.

La nostra prossima figlia era una Jane Doe con grandi bisogni speciali che è stata data via alla nascita. I servizi per l'infanzia hanno combattuto per noi e hanno combattuto duramente, ma il giudice l'ha portata via. Abbastanza fortunatamente, circa due anni dopo, sua madre ce l'ha data volontariamente. Si rese conto che nessuno amava questo bambino più di noi.

Mi fa male il cuore che abbiamo potuto perdere qualcuno dei nostri bambini a causa di una legge ridicola come questa. Il nostro primo adottato aveva tre mesi e dodici ossa rotte. E questo era un ragazzo di genitori eterosessuali timorati di Dio. Sono quelli che hanno rotto questi bambini, ma in qualche modo siamo quelli che non sono abbastanza bravi.

La cosa frustrante è che so che il [governatore] Nathan Deal non sta guardando questo attraverso l'obiettivo di 'Voglio fare ciò che è meglio per questi bambini in affido'. l'industria si ritirerà, Amazon si ritirerà. Non gli viene in mente che questi sono ragazzi adottivi che hanno bisogno di una famiglia. Questa è l'ultima cosa che ha in mente.

Una foto di Scott Secret e del marito Andrew Bugbee.



Una foto di Scott Secret (a sinistra) e del marito Andrew BugbeeSegreto Scott

Scott Secret e Andrew Bugbee, potenziali genitori, Atene, Georgia

Scott: Ci siamo incontrati con una madre naturale qui lo scorso settembre e poi tre giorni prima della nascita del bambino abbiamo saputo che la madre aveva cambiato idea. Siamo nel processo di guarigione e stiamo ancora affrontando il dolore.

Non siamo rimasti sorpresi da questo disegno di legge, ma siamo cautamente ottimisti che sarà sconfitto. Siamo molto fortunati che la Georgia abbia aziende Fortune 500 per fare pressione sul legislatore, come Coca-Cola e Delta. Penso che anche Amazon eserciterà pressioni quest'anno. Hai la sensazione che queste grandi aziende siano più favorevoli alle questioni progressiste rispetto al pubblico in generale. Se queste società non si trovassero in Georgia, il risultato potrebbe essere molto diverso.

La nostra città, Atene, è un punto blu. È ancora raro vedere famiglie dello stesso sesso, ma la maggior parte delle persone qui non è bigotta. Il problema è che la nostra Camera e il Senato sono controllati dai repubblicani. La Georgia è ancora afflitta dal gerrymandering; anche nella nostra comunità i punti di vista progressisti sono sminuiti.

Penso che queste proposte di legge anti-LGBTQ+ continueranno ad essere introdotte. Non sono ingenuo. Ma amo il mio partner, amo il mio lavoro e amo il luogo in cui vivo. Come molti ragazzi gay, sono cresciuto credendo che non avrei mai avuto una famiglia, e ora sembra che sia finalmente possibile. L'adozione è un processo arduo per ogni coppia, ma ci siamo dentro per il lungo periodo

Una foto di Jeffrey Roach Jackson ManfordRoach e Ken Manford

Una foto di Jeffrey Roach, Jackson Manford-Roach e Ken ManfordJeffrey Roach

Ken Manford e Jeffrey Roach, un figlio adottivo, Decatur, Georgia

Ken: Quando ho visto i titoli dei giornali, sono rimasto sbalordito. Ho pensato 'deve essere uno scherzo', ma eccoci qui.

Ci sono migliaia di bambini là fuori che aspettano una casa. Ridurre al minimo il numero di famiglie che possono adottare è una follia. Dimentica il fatto che stai rendendo più difficile per le persone LGBTQ+ diventare genitori; stai anche discriminando questi ragazzi. Non capisco come un leader religioso o un funzionario del governo possa giustificarlo.

Abbiamo un figlio di 16 anni e mezzo che prenderà la patente questa settimana (per favore prega per noi). Abbiamo adottato dal Guatemala. Non ci importava se stavamo adottando dal Centro America, dalla luna o da qualche altra parte. Erano ragazzi che avevano bisogno di una casa. Tutto ciò a cui tenevamo era portare un bambino nelle nostre vite.

Credo che ci sarà un contraccolpo. Non riesco a immaginare che Amazon non abbia qualcosa da dire su questo, e nemmeno sulla NFL. Penso che il nostro attuale governatore porrà il veto al disegno di legge, ma siamo molto nervosi per il nostro luogotenente governatore; è un pazzo conservatore.

Gli amici di mio figlio continuano a chiederci: 'Perché continua a succedere? Non abbiamo finito?’ Non so cosa dirgli.

Zach Schellhase in una foto insieme ai suoi due figli.

Zach Schellhase in una foto insieme ai suoi due figliZach Schellhase

Zachary Schellhase e marito, due figli adottivi, Marietta, Georgia

Zaccaria: Onestamente, quando ho sentito parlare per la prima volta della legislazione, ho pensato: 'Davvero? Lo stiamo provando di nuovo?'

Anche se il nostro governatore è un repubblicano conservatore, deve fare ciò che è giusto per il nostro stato e affrontarlo: questa è una cosa finanziaria. Proprio come con l'ultima legge, la Georgia costerebbe così tanto denaro per mettere in atto questi atti discriminatori. Non penso che abbiano alcuna trazione, ad essere onesti.

Abbiamo adottato entrambi i nostri figli dalla stessa coppia. Il giudice che ha presieduto il nostro caso ci ha detto di non dire a nessuno che ha approvato l'adozione. Non l'abbiamo detto a anima viva. Ma quando siamo tornati ad adottare il nostro secondo figlio, lo stesso giudice ha detto: 'I tempi sono cambiati e non mi interessa a chi lo dici'. So che ci sono persone anziane come lui che vedono i vantaggi nell'adozione tra persone dello stesso sesso.

La Georgia è famosa per essere piena di bravi ragazzi. Sai, mio ​​marito è un insegnante e non è fuori; si riferisce a me come sua moglie. È una situazione difficile. Ma questi bravi ragazzi governano lo stato e detengono le chiavi politiche. Sono le persone che hanno queste ridicole opinioni conservatrici che non rappresentano la Georgia.

Penso che gli atteggiamenti stiano cambiando, però. Di recente ci siamo uniti a una squadra di baseball cristiana e siamo stati accolti da tutte le altre famiglie. Alla fine sono diventata la mamma della squadra che pianifica tutti gli spuntini. Una volta che ti conoscono, cambia. Riceviamo sguardi come 'Cosa ci fai qui?' ma non è odio, è confusione.

Steven Blum è una scrittrice ed editrice con sede a Los Angeles il cui lavoro è incentrato su questioni di sesso, genere e LGBTQ+. Ha scritto per VICE, Slate, GQ, Out, MEL, Broadly e The Stranger.