Il registro: il Museo della pelle di Chicago è una lettera d'amore a una sottocultura queer incompresa

Benvenuto in The Registry, dove gli scrittori consigliano cose della loro vita che hanno avuto un impatto sulla loro esperienza queer. Scopri di più qui.



C'è stato un tempo prima che il kink si normalizzasse: un tempo prima che 50 Shades of Grey diventasse un bestseller nazionale, prima che Brandy Melville vendesse collane a catena d'argento, prima che il Met Museum vendesse a fantasia di bandana Note sul merchandising del campo . Un tempo prima che fosse considerato accettabile da indossare per Taylor Swift un'imbracatura toracica all'indietro , spingendo Diciassette a chiedere se dovremmo uscire tutti e comprare imbracature ora, tanto meno che le imbracature maschili diventino in buona fede tendenza moda tappeto rosso .

La cultura pop si è sempre appropriata dell'estetica queer, ma è sicuro dire che questo decennio ha portato il kink nel mainstream. Ma prima che l'estetica BDSM diventasse di moda, c'era il Archivio e Museo della pelle (LA&M). Fondati nel 1991 dai pionieri della pelle Chuck Renslow e Tony DeBlase, i Leather Archives sono l'unica istituzione al mondo che si concentra specificamente sulla storia della pelle, del nodo, del fetish e delle culture BDSM. In altre parole, non è il tipico museo del sesso trappole per turisti. È un'ode a due piani di 10.000 piedi quadrati a parti di queste culture raramente viste nei media mainstream, incluso il modo in cui i leatherfolk hanno combattuto per decenni in prima linea nei movimenti di attivisti queer più essenziali e il modo in cui la cultura della pelle ha spesso raggiunto una sorta di intersezionalità e positività sessuale che altre sottoculture queer si sforzano di eguagliare.



Il LA&M è ospitato in un edificio abbastanza innocuo a Rogers Park, uno dei quartieri più settentrionali di Chicago. Mentre il mio compagno Noah ed io ci avvicinavamo all'ingresso, un altro cliente ha scherzato, e dicono che il lato nord non ha istituzioni culturali! Abbiamo riso, ma era vero: se cerchi i musei di Chicago su Google Maps, LA&M è tutt'altro che un ottimo risultato; tutti gli altri grandi musei si trovano molto più a sud. Proprio come molti degli stabilimenti di cui la LA&M racconta, non ci si imbatterebbe mai accidentalmente nel luogo a meno che non lo si stia cercando intenzionalmente.

Gli archivi e il museo della pelle di Chicago.



Gli archivi e il museo della pelle di Chicago. Bretagna Sowake

La lobby del LA&M ha tutti gli ornamenti di un normale museo, tra cui una reception, un guardaroba e un negozio di articoli da regalo. Ma un esame più attento rivela che non sei al Met: la reception è una teca di vetro piena di manufatti stravaganti; il guardaroba è rivestito di gilet e giacche di pelle storiche. Né pagherai i prezzi dell'Art Institute; un biglietto a prezzo pieno per LA&M costa solo $ 10 ($ 5 per studenti, anziani e personale militare) al momento della stesura di questo articolo e gratuito il giovedì.

Scendemmo le scale, adornate con un gigantesco striscione in pelle del contingente della marcia del 1993 su Washington per i diritti dei gay e delle lesbiche, al livello inferiore. La Guest Artist Gallery (accorciata scherzosamente in GAG) normalmente sarebbe stata la prima tappa, ma al momento della nostra visita stava uscendo da una mostra. Tuttavia, non eravamo affatto privati ​​dell'arte; il mio ex-cattolico è stato particolarmente solleticato da una statua in bronzo di un Cristo nudo che abbraccia la croce, scolpita da Filippo Hitchcock . Fui ugualmente solleticato da una fotografia del 1886 che ritraeva tre donne impegnate in sesso di gruppo, nientemeno che in epoca vittoriana. Insieme, Noah e io abbiamo sfogliato un libro di fotografie di modificazioni corporee estreme e bondage nel Fachiro Musafar mostra come ho pensato tra me e me, questo è ciò che è il romanticismo.



Il museo è composto in parti uguali da arte e manufatti storici, con una buona parte dedicata al ruolo della comunità della pelle nell'attivismo queer. Come i dettagli della mostra Pride, la pelletteria, che statisticamente hanno maggiori probabilità di essere sieropositivi , sono sempre stati in prima linea nella diffusione dell'HIV/AIDS, nella prevenzione e nel sostegno della comunità, nonostante siano stati demonizzati da gay rispettabili al culmine dell'epidemia. L'esistenza stessa delle donne sadomasochistiche ha portato a uno dei maggiori scismi nella comunità femminista durante le guerre sessuali degli anni '70 e '80; una delle figure principali di quel conflitto, Gayle Rubin , attualmente fa parte del consiglio di LA&M.

Gli archivi e il museo della pelle di Chicago.

Gli archivi e il museo della pelle di Chicago. Bretagna Sowake

Il Women's Leather History Project, infatti, ha una sua mostra, che funge da contrasto alla narrativa secondo cui la pelle è stata sperimentata esclusivamente dagli uomini bianchi cis. Chiamato A Room of Her Own, è ancorato da un manichino donna in pelle di nome Chris, che invita lo spettatore nel suo soggiorno per esplorare i manufatti della storia delle donne in pelle, che vanno da un'infografica in codice fazzoletto del gruppo SM lesbico Samois alla fascia per San Francisco Dyke Mommy 1995. C'è anche un muro (anche se piccolo) dedicato alla storia della pelle trans, anche se ci sono anche bandiere dell'orgoglio trans e altri manufatti sparsi per il museo.

Altre mostre al livello inferiore includono il Bootblack Stand, che mostra il ruolo del lustrascarpe nella cultura della pelle. Questo porta il visitatore al Dungeon, che mostra varie attrezzature, come plug di testa giganti e ruote e imbracature Wartenburg, in un ambiente sotterraneo in miniatura. Poi c'è A Point in History, che fornisce una cronologia della storia del BDSM, che va dal giapponese kinbaku alla risposta della comunità alla crisi dell'AIDS all'istituzione del Concorso internazionale di pelle per non udenti . Prima di risalire la scala per tornare all'altra metà del piano terra, attraversi la mostra Gold Coast, un omaggio al bar in pelle di Chicago fondato da Chuck Renslow e alla cultura del bar in pelle nel suo insieme.

Una volta raggiunto il livello del suolo, Noah e io ci siamo diretti verso la biblioteca, piena di rara teoria erotica e BDSM. Dall'ultima volta che avevamo visitato, avevano aggiunto fogli da colorare e materiali artistici NSFW. Siamo rimasti seduti in silenzio per un po', a leggere e colorare, e sono stato sopraffatto dalla gratitudine verso tutti coloro che hanno impiegato decenni di lavoro per creare e archiviare questa ricca storia e cultura.

Gli archivi e il museo della pelle di Chicago.



Gli archivi e il museo della pelle di Chicago. Bretagna Sowake

Ho passato la mia adolescenza a ripetere a pappagallo la retorica moralmente conservatrice che vedevo su Tumblr e Twitter: che i queer in pelle non meritavano di essere orgogliosi, che le persone perverse volevano corrompere i bambini, che il kink era elitario e per i ricchi gay bianchi cis . Eppure chiunque sia stato coinvolto anche marginalmente nella comunità della pelle sa che questo è tutt'altro che vero. Il mio compagno, che usa un bastone per camminare per la maggior parte del tempo, ha osservato in più occasioni di non aver mai visto tanti altri queer visibilmente disabili come in spazi kink. Il famigerato Etienne, la cui arte riempie l'auditorium di LA&M, era un uomo di colore, filippino proprio come me, cosa che sono stato felice di apprendere. Sebbene ci siano sicuramente eventi di fascia alta, gran parte della comunità della pelle è incentrata sul volontariato e molti eventi operano su scala mobile in modo che nessuno venga respinto per necessità economica.

Ho imparato che le persone disabili, le persone trans, le donne, le persone di colore, le lavoratrici del sesso, le persone della classe operaia e le persone che vivono all'intersezione di tutte quelle identità hanno sempre avuto un posto in queste comunità, e questo è stato rivelatore. Sono stato in giro per i gruppi di affinità puritani e politicamente corretti che sembrano decisi a divorziare dall'erotismo e dalla degenerazione dalla queerness e dall'attivismo queer. Ma per me, le gioie della sessualità queer risiedono nei suoi eccessi, nei suoi pericolosi flirt con il tabù. Per me e per molti altri, la pratica erotica è inseparabile dalle nostre vite queer quotidiane, una verità che ho negato per tutta la vita. Arrivare all'accettazione, al potere e al LA&M sembra molto più come tornare a casa che mai.

Gli archivi e il museo della pelle di Chicago.

Gli archivi e il museo della pelle di Chicago. Bretagna Sowake

Che ti piaccia o no, la storia della pelle è una storia queer importante. E nell'età di SESTA-FOSTA , neutralità della rete in via di estinzione e un generale rinnovato senso di conservatorismo morale, un luogo come LA&M è forse più importante che mai.

Ottieni il meglio da ciò che è queer. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale qui.