La star di Drag Race di RuPaul, Raven, ha appena vinto il suo primo Emmy

È ufficiale: Drag Race di RuPaul la star Raven ha appena vinto il suo primo Emmy.



Martedì, l'intrattenitore drag ha portato a casa il Primetime Emmy Award per il trucco eccezionale per una serie o uno speciale multi-camera (non protesico). Mentre ha accettato il premio alla seconda serata dei Creative Arts Emmy di questa settimana, Raven, che è amata per il suo spirito acuto e il suo acuto senso della moda, ha detto agli spettatori di mantenersi feroci e favolosi.

Voglio ringraziare così tanto l'Accademia, non solo per averci nominato quest'anno, ma per averci dato la vittoria, ha aggiunto Raven con una nota più sincera. Dal profondo del mio cuore e di tutti i cuori della squadra glam qui a La corsa di resistenza di RuPaul , voglio ringraziarti per averci dato la vittoria.



Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.



In risposta alla vittoria di Raven's Emmy, i fan hanno notato che rappresentava l'ultimo RuDemption per una regina che è arrivata così vicina a portare a casa la corona - due volte. Raven, conosciuta anche come David Petruschin, ha fatto il suo debutto nella seconda stagione dello show ma alla fine ha perso, finendo seconda a Tyra Sanchez. È tornata per la prima stagione di Tutte le stelle , dove è stata la damigella d'onore una seconda volta, perdendo contro l'eventuale vincitore Chad Michaels.

Da allora, l'artista ha lavorato come truccatrice personale di RuPaul dalla stagione 9, in sostituzione di Mathu Andersen, e ha servito come direttore creativo dello show dalla sua decima stagione in poi Tutte le stelle dalla sua terza.

Un fan ha commentato che la traiettoria di Raven è l'ultimo esempio di perdere la battaglia ma vincere la guerra.



Raven ha perso la corona due volte ma poi ha vinto un vero Emmy? La deviazione del secolo, ne aggiunse un'altra. L'energia a cui aspiro. Una raccolta leggendaria del rispetto formale in ritardo che si merita.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Ma la vittoria è anche un momento di soffitto di vetro per Gara di resistenza stessa, che non ha mai



ha vinto nella categoria Trucco eccezionale per una serie multi-camera o Speciale (non protesica), sebbene sia stata nominata ogni anno dal 2015. La lunga serie di competizioni VH1 ha ottenuto 17 Emmy in totale, di cui due vittorie per Eccezionale Programma di competizione di realtà.

RuPaul, nel frattempo, ha vinto quattro trofei consecutivi come Outstanding Host for a Reality o Reality-Competition Program e è fortemente favorito per vincere un quinto premio record nella categoria quest'anno, secondo gli esperti del Gold Derby,

In vista della cerimonia degli Emmy socialmente distanziata di questo fine settimana, Gara di resistenza ha già aggiunto una manciata di premi al suo scaffale in continua crescita. Ai Creative Arts Emmys, lo spettacolo ha anche ottenuto vittorie in Outstanding Contemporary Hairstyling per un programma di varietà, saggistica o realtà; Eccezionale montaggio di immagini per una realtà strutturata o un programma di concorrenza; e casting eccezionale per un programma di realtà.

Ma anche prima di essere nominata vincitrice di un Emmy, Raven era già una star. L'icona è attualmente attiva Foto di moda Ruview , una serie web che ospita insieme al vincitore della stagione 3 Raja.

Raven ha anche fatto diverse apparizioni come ospite Gara di resistenza nel corso degli anni, ha recentemente recitato come mentore di Snatch Game per la dodicesima stagione dello show.

Altrove, Raven è stata inclusa nel video 100 Years of Drag Fashion di Vanity Fair nel 2016, che includeva artisti drag Divine, David Bowie e il suo capo, RuPaul. Ha anche vinto il Best Lips AKA The Pucker Up Award ai primi WOWie Awards annuali nel 2017.