La Commissione LGBTQ+ di Seattle vuole che il sindaco lesbico si dimetta per brutalità della polizia

Il sindaco lesbico assediato di Seattle sta trovando pochi amici tra i dirigenti della città, con più commissioni che chiedono le sue dimissioni.



Mercoledì, la Commissione LGBTQ di Seattle ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna le violazioni dei diritti umani che si sono verificate nella nostra città durante il mandato del sindaco Jenny Durkan, riferendosi alla sua ripetuta difesa dei violenti agenti di polizia della città durante le proteste di quest'estate. La commissione ha anche denunciato il rifiuto di Durkan degli sforzi per trasferire i finanziamenti dalla polizia ai programmi sociali.

I nostri tentativi negli ultimi quattro mesi di coinvolgere e chiedere responsabilità all'ufficio del sindaco e al dipartimento di polizia di Seattle hanno ricevuto risposte insufficienti, la commissione scritto in una dichiarazione di sei pagine , aggiungendo che le sue dimissioni sono necessarie… per iniziare ad affrontare le violazioni dei diritti umani che si sono verificate nella nostra città.



I suoi membri hanno votato per la sua rimozione con un margine di 6-5-1, dicendo che la decisione è stata presa con il cuore pesante.

Contenuti Facebook



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

La commissione ha osservato che la violenza della polizia è un problema in corso in città da anni, con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti l'imposizione di un decreto di consenso nel 2012 per un modello o una pratica di forza eccessiva che viola la Costituzione degli Stati Uniti e la legge federale. Durkan, il primo sindaco LGBTQ+ della città, è stato eletto nel 2017 e due anni dopo, la polizia di Seattle risultavano violare tale decreto non attuando le riforme.

La peggiore violenza della polizia durante l'estate è stata a Capitol Hill, il quartiere LGBTQ+ della città, con la polizia che ha fatto esplodere frequenti esplosioni e lacrimogeni. La commissione ha notato che i gas lacrimogeni erano così eccessivi che sono entrati nelle case dei residenti e hanno causato problemi medici particolarmente acuti per le persone trans.



Data la lunga storia di violenza riproduttiva contro le popolazioni LGBTQ+ e nere, che ciò sia accaduto ripetutamente nel quartiere tradizionalmente LGBTQ+ di Seattle durante una serie di proteste per le vite dei neri è particolarmente eclatante, ha osservato.

I commissari hanno anche affermato che il sindaco avrebbe potuto rimproverare o rimuovere il capo della polizia in qualsiasi momento e avrebbe potuto assumere le funzioni del capo in caso di emergenza.

Ma le loro critiche più dure sono arrivate riguardo al budget della polizia di mezzo miliardo di dollari della città. I gruppi della comunità hanno chiesto che almeno la metà del budget del dipartimento di polizia di Seattle fosse riassegnato per servire meglio la città, ma Durkan ha proposto una modifica inferiore al 5%. Ciò è avvenuto quando a numerosi altri dipartimenti è stato chiesto di ridurre i propri budget di molto di più, incluso l'Office of Civil Rights. Inoltre, il budget di Durkan prevede un aumento del numero di ufficiali in forza.

La commissione ha denunciato i fallimenti di Durkan in altre aree, come le ripetute spazzate dei campi da parte della città che esacerbano le sfide affrontate dalle persone senza fissa dimora. Hanno anche notato che la Durkan aveva promesso 100 milioni di dollari per le comunità nere, ma il suo budget ha distribuito quei soldi tra più gruppi minoritari senza aumentare i finanziamenti disponibili.

Le azioni del sindaco Durkan in carica non solo non sono riuscite a creare un cambiamento significativo per la nostra comunità, ma hanno in effetti minato altri sforzi all'interno di Seattle per creare un futuro più giusto, concludeva la lettera della commissione.



Le dichiarazioni della commissione LGBTQ seguire una dichiarazione simile dalla Commissione per i diritti umani di Seattle all'inizio di questo mese. La commissione ha votato 8-0 per chiederne la rimozione, affermando che Durkan non ha rispettato il suo dovere di servire e proteggere i diritti dei cittadini di Seattle.

In un dichiarazione alla testata giornalistica locale KOMO , un portavoce di Durkan non ha risposto direttamente alle accuse citate dalle commissioni, ma ha affermato di aver sostenuto gli sforzi a favore della comunità LGBTQ. Questi presunti sforzi includevano lo stanziamento di 1,5 miliardi di dollari per alloggi a prezzi accessibili, il primo alloggio LGBTQ a prezzi accessibili per anziani della città e l'aumento degli investimenti nei senzatetto per affrontare i giovani LGBTQ.

Il sindaco ha sostenuto Lambert House quando è stata fondata e Bailey-Boushay House quando è iniziata nel 1992, ha affermato il suo ufficio. È stata orgogliosa di poter continuare a supportare quelle e altre organizzazioni LGBTQ come sindaco.