Giocatore di calcio sospeso per sei partite dopo aver chiamato insulti omofobi all'avversario gay

Il calciatore Junior Flemmings rimarrà fuori per il resto della stagione dopo che lo era accusato di prendere di mira un concorrente gay con un insulto omofobico.



La United Soccer League ha annunciato martedì che Flemmings, un centrocampista dei Phoenix Rising, sarebbe stato messo da parte per sei partite a causa dell'incidente, ponendo fine alla sua stagione. Oltre a dover affrontare una multa non rivelata, il Rising ha anche annunciato che l'atleta 24enne sarà messo in congedo amministrativo per il resto del suo contratto, che scadrà il 30 novembre. È improbabile che si dimetta.

Gli annunci sono stati fatti a seguito di un'indagine su una partita di qualificazione ai playoff del 30 settembre, in cui il centrocampista avversario Collin Martin del San Diego Loyal ha affermato che Flemmings lo ha definito un ragazzo matto verso la fine del primo tempo. La frase è un termine dispregiativo per gli uomini gay in Giamaica, il paese di nascita di Flemmings.



Martin, che ha giocato per il DC United e il Minnesota, uscito a giugno 2018 . Attualmente è l'unico giocatore gay maschio attivo in uno dei quattro principali sport statunitensi.



Il video catturato dell'alterco mostra Landon Donovan, comproprietario del Loyal, che affronta l'allenatore avversario Rick Schantz, che ha cercato di respingere l'insulto. Dai, amico, si sente dire Schantz. Non fare una grande scena.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Quando il Loyal è tornato dopo l'intervallo, la squadra si è inginocchiata in segno di solidarietà con Martin ed è uscita rapidamente dal campo, perdendo la partita.



Mentre Flemmings ha ripetutamente negato di aver fatto le osservazioni, gli investigatori della USL hanno parlato con 11 giocatori, allenatori e altri funzionari che erano presenti in quel momento. La lega di calcio di secondo livello ha dichiarato che avrebbe lanciato un allenamento di sensibilità e istruzione a livello di campionato per tutto lo staff e i giocatori come risultato dei suoi risultati.

Schantz sarà anche posto in congedo amministrativo, sebbene l'USL abbia affermato che la decisione è stata il risultato di un'indagine separata.

In una dichiarazione rilasciata dopo che gli annunci sono diventati pubblici, Schantz si è scusato per il suo tentativo iniziale di minimizzare il linguaggio omofobo lanciato contro Martin. Ha affermato di non aver compreso appieno l'accusa e ha detto che la sua reazione immediata è stata quella di difendere il mio giocatore e la mia squadra.

Anche se questo non era il mio intento o convinzione personale, riflettendo, capisco perfettamente che i miei commenti erano sbagliati, ha detto. Capisco anche la rabbia giustificata e mi scuso per il dolore che ho causato.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.



Il direttore generale del club, Bobby Dulle, ha aggiunto che il Rising accetta e sostiene i risultati di questa indagine. Queste azioni non potrebbero essere più contrarie ai valori fondamentali della nostra organizzazione e ci scusiamo con tutti coloro che sono stati colpiti, ha affermato Dulle in una dichiarazione rilasciata lunedì alla stampa.

Martin, che inizialmente era rimasto in silenzio sull'incidente, ha rilasciato una dichiarazione il 1 ottobre dicendo che spera di concentrarsi sulla risposta dei miei allenatori, della squadra e dell'organizzazione.

La loro decisione collettiva di uscire dal campo in segno di solidarietà e rinunciare alla partita la dice lunga sul loro sostegno per me e su ciò che questa organizzazione sta affrontando, ha detto su Twitter. In definitiva, spero che questo possa essere un altro esempio del fatto che abbiamo molta strada da fare per educare noi stessi e cacciare l'odio dal nostro gioco.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Questa è solo l'ultima volta nelle ultime settimane che la Loyal ha preso provvedimenti contro l'omofobia e il pregiudizio nel calcio professionistico. Anche la squadra uscito da una partita il 23 settembre dopo che il centrocampista Elijah Martin è stato definito un insulto razziale da un membro dei LA Galaxy, portando la partita a essere dichiarata pareggio.