The Stars of It's a Sin su Trovare gioia nel dolore, Vogue sul set e importanza della storia queer

I personaggi dentro È un peccato , la nuova acclamata miniserie di Russell T. Davies ora in streaming su HBO Max, si getta a capofitto nella crisi dell'HIV/AIDS con tutta l'esuberanza della giovinezza. Arrivati ​​a Londra nel 1981, sono pieni di possibilità e in bilico sul precipizio dell'età adulta. A differenza degli spettatori a casa, non hanno idea di cosa li attende: quante delle loro vite e speranze saranno tragicamente troncate dallo scoppio di un virus mortale e misterioso.



Per il cast di giovani attori, tra cui Olly Alexander, frontman della band Years & Years, Lydia West (di una precedente serie di Davies chiamata anche Anni e anni ), e l'attore teatrale Omari Douglas al suo debutto televisivo, lavorando su È un peccato servito come una sorta di lezione di storia immersiva. La crisi dell'HIV / AIDS si è svolta nel Regno Unito poco prima che il cast stesso diventasse maggiorenne, influenzando così tanto il mondo in cui sono cresciuti.

Raccontare la storia di una precedente generazione di persone queer, molte delle quali perse al culmine dell'epidemia, rappresentava una sorta di passaggio di testimone artistico e spirituale. Gli attori dicono il loro lavoro sulla serie, tipo È un peccato stesso, era devastante ma anche gioioso ed emozionante. Abbiamo parlato con Alexander, Douglas e West di ciò che hanno imparato nel processo, perché stare sulle spalle di coloro che sono venuti prima è più di un semplice cliché e cosa sperano che la serie aggiunga al canone delle storie su un capitolo oscuro della storia omosessuale.

L

Olly Alexander nel ruolo di Ritchie TozerBen Blackall/HBO Max



Com'era la tua conoscenza della crisi dell'HIV/AIDS prima di realizzare la serie, e come ti sei preparato ad immergerti in essa?

Olly Alessandro: Ero un po' familiare da libri come Persone in difficoltà di Sarah Schulman e Ballerino della danza di Andrew Holleran , ma avevo vere lacune nelle mie conoscenze. Mi sono reso conto che ci sono molte cose che non sapevo della storia britannica e di come ciò abbia influenzato la mia crescita. Sto ancora imparando perché abbiamo solo scalfito la superficie; ci sono tante vite e storie ancora da scoprire.

Lidia Ovest: Una volta che ho iniziato a fare ricerche, non riuscivo a smettere. Ho cercato di non essere troppo ben informato per Jill, perché non è così ben informata. Ma non potevo trattenermi. Ero solo così assolutamente sconcertato dalla quantità accaduta negli anni '80 che semplicemente non sapevamo. Nel curriculum nazionale nel Regno Unito, non ci viene insegnata la storia queer. Il fatto che abbiamo realizzato una serie che mette in discussione tutto ciò che sai sul periodo e istruisce una generazione più giovane, è così importante.



Omari Douglas: La mia conoscenza era anche nel regno della cultura pop. Sembrava tutto molto lontano e come se non mi riguardasse davvero. Ero pronto a leggere molto e ad informarmi il più possibile. Preparandomi per il ruolo, ero incuriosito da com'era per le persone che stavano solo navigando giorno per giorno. Leggere quelle testimonianze è davvero straziante, perché è del tutto insopportabile e senza precedenti. Stanno solo cercando di andare avanti e dargli un senso, ed è esattamente ciò che i personaggi stanno facendo nello show.

Iniziavamo a ballare nella mia roulotte alle 6 del mattino sulle nostre canzoni preferite degli anni '80, mettendo in voga, entrando in passerella, sentendoci sicuri, pieni di energia e pronti per affrontare la giornata. Russell Davies ha detto: 'Non devi interpretare la crisi, non devi interpretare il terrore; quello che devi suonare è la gioia.'

Com'è stato emotivamente girare la serie per tutti voi?

Ovest: È stato molto drenante, come puoi immaginare. Vedere il reparto ospedaliero e ricordare che questa non è una storia di fantasia: è successo davvero e le persone stanno ancora morendo a causa di questa malattia. Ho cercato di svegliarmi ogni giorno e divertirmi il più possibile. Iniziavamo a ballare nella mia roulotte alle 6 del mattino sulle nostre canzoni preferite degli anni '80, mettendo in voga, entrando in passerella, sentendoci sicuri, pieni di energia e pronti per affrontare la giornata. Russell Davies ha detto: Non devi interpretare la crisi, non devi interpretare il terrore; quello che devi giocare è la gioia.

Alessandro: È stato molto intenso, ma sono stato molto grato di poter concentrare tutto il mio tempo e le mie energie su questo progetto. C'è stata un'enorme indagine personale [per me], perché volevo che il mio personaggio si sentisse autentico e reale. È stata un'esperienza profondamente emotiva in molti modi diversi, ma mi sono anche divertito molto con tutti.



Douglas: Il dolore è stato catartico, perché abbiamo passato così tanto tempo con questi personaggi. Penso che la nostra chimica e la connessione [che avevamo come cast] significassero che abbiamo provato un senso di perdita più pesante quando stavamo vivendo quei momenti della narrazione.

L

Omari Douglas come Roscoe Babatunde, Neil Ashton come Grizzle, Nathaniel Curtis come Ash Mukherjee e Lydia West come Jill BaxterBen Blackall/HBO Max

Perché pensi che sia importante che il pubblico più giovane che non ha vissuto in prima persona la crisi dell'HIV/AIDS capisca questa storia?

Douglas: I giovani, che siano queer o meno, è così importante che lo sappiano. Quando penso di essere al parco giochi da bambino, il gay era un insulto, lo stesso che chiamare qualcuno un idiota o qualcosa del genere. Eppure nessuno conosceva davvero le vere prove che l'intera comunità ha attraversato. Penso anche che sia facile sottovalutare il valore di vedere le storie raccontate dai media. Quando stavo arrivando alla mia comprensione della queerness, era sempre attraverso serie TV o soap opera.

Ovest: È così importante guardare indietro per andare avanti. C'è ancora molto lavoro da fare per eliminare lo stigma e il pregiudizio che circondano l'HIV e l'AIDS. Ciò funzionerà solo educando il pubblico più giovane sul prezzo pagato dalle generazioni più anziane per permetterci di vivere come facciamo ora. È anche così importante per le generazioni più giovani essere in grado di identificarsi con i personaggi e sapere che la loro verità esiste. Dimostra solo che non sei solo.

Alessandro: Siamo davvero sulle spalle di tutte le persone che ci hanno preceduto. Quando senti quella frase, so che suona come, cosa significa veramente? Ma quando ti ci occupi davvero, come uomo gay che scopre la storia della tua comunità e come ha influenzato il modo in cui sei cresciuto, mi ha davvero aiutato a capire me stesso ed è stata un'esperienza così istruttiva. Mi ha aiutato anche a essere un alleato migliore.

C'è una frase nell'episodio finale che sembra riassumere l'intera serie, la gente dimenticherà che è stato così divertente. Qual è il vantaggio, secondo te, di mostrare gioia insieme al dolore?

Douglas: Questi personaggi erano soggetti a pregiudizi e vergogna senza fine, ma stavano anche solo vivendo la vita e cercando di divertirsi come farebbe qualsiasi altro giovane. E poi improvvisamente i loro desideri vengono derubati da loro. Ma devi mostrare la gioia per capire cosa stanno perdendo.

Ovest: Ci sono state molte difficoltà che sono venute fuori dal periodo, molta morte, molto dolore. Ma nel complesso queste persone hanno vissuto vite così vivaci e straordinarie. C'è così tanto da festeggiare. Questi ragazzi hanno 20 anni e hanno a che fare con la morte, ma impari ad andare avanti: fai ancora sesso, ami ancora i tuoi amici, ti diverti ancora, fai ancora festa. Ed è quello che ricordiamo. Perché hanno vissuto così riccamente e non sono più qui con noi. Ma non sono morti invano, perché stiamo ancora celebrando la loro esistenza.

L

Lydia West nel ruolo di Jill BaxterBen Blackall/HBO Max

Ci sono state diverse interpretazioni creative sulla crisi dell'HIV/AIDS, sul palco, sullo schermo e nei libri, come le storie che hai menzionato tutti. Cosa speri È un peccato aggiunge alla nostra comprensione di quel tempo?

Alessandro: Una storia ha il potere di commuovere qualcuno come nient'altro fa. Penso che sia questo il bello dello spettacolo. Spero che le persone lo guardino e si innamorino dei personaggi e poi li perdano quando se ne sono andati. Penso che induca anche le persone a porre domande e apra una conversazione che penso sia davvero utile.

LSinners, Saints, Sex Con la sua rappresentazione celebrativa borderline della vita gay durante l'epidemia, È un peccato è un aggiornamento glorioso e rivoluzionario alle narrazioni melodrammatiche dell'AIDS del passato.Visualizza storia

Douglas: L'amicizia e gli aspetti della vita ordinaria della narrativa sull'AIDS possono essere travolti dal sensazionalismo di essa. Penso che sia per questo che le persone sono state davvero in grado di relazionarsi È un peccato tanto, perché questi sono solo adolescenti che cercano un po' di indipendenza. Se ne vanno e iniziano a perseguire le loro vite, e poi all'improvviso tutto viene compromesso. Penso che stiamo portando a casa qualcosa di abbastanza domestico, reale e crudo, in questo senso. Si spera che le persone possano mostrare un po' più di compassione per quello che è successo in quel momento.

Ovest: Non è per togliere nulla allo straordinario lavoro là fuori che esplora il periodo, che è monumentale e sarà per sempre rispettato e amato. Funziona come Il cuore normale , I fantasmi di San Vincenzo , L'eredità . Penso È un peccato si aggiunge solo a quel corpo collettivo di lavoro, ed è attraverso una lente di gioia e amicizia, famiglia e amore scelti.