Il giudice della Corte Suprema ritiene che la storica sentenza pro-LGBTQ+ dia potere agli stupratori

Crede di sì uno dei membri più conservatori della Corte Suprema sentenza storica sulla discriminazione anti-LGBTQ+ incoraggerà stupratori e predatori del bagno.



Nel suo dissenso alla sentenza storica 6-3 della Corte Suprema che lo è illegale licenziare i lavoratori perché omosessuali o transgender , il giudice Samuel Alito ha affermato che la decisione potrebbe avere conseguenze indesiderate. Alito, un incaricato di George W. Bush, ha affermato che la ridefinizione del significato di sesso ai sensi del Titolo VII del Civil Rights Act del 1964 per includere anche l'identità di genere ignora il fatto che il termine era inteso durante l'era in cui il Titolo VII è stato emanato per riferirsi a uomini e donne.

La sua opinione di 54 pagine prosegue affermando che un individuo che cerca il termine sesso nel dizionario può vedere che la definizione primaria in ognuno di essi si riferisce alla divisione degli esseri viventi in due gruppi, maschili e femminili, basati sulla biologia, e la maggior parte delle definizioni più in basso nell'elenco sono uguali o molto simili.



Alito conclude che ogni definizione di sesso approvata dal dizionario dovrebbe applicarsi secondo la lettura della corte del Titolo VII, che vieta anche la discriminazione sul posto di lavoro in base a caratteristiche come razza, etnia, religione e origine nazionale.



[I]è plausibile che il Titolo VII vieti la discriminazione basata su qualsiasi impulso o istinto sessuale e le sue manifestazioni? chiese. La voglia di violentare?

Attualmente, tutti i 50 stati degli Stati Uniti criminalizzano il sesso penetrativo senza consenso, un fatto che è estremamente improbabile che venga influenzato dalla decisione di lunedì. La sentenza ha riguardato tre casi di discriminazione sul posto di lavoro anti-LGBTQ+ davanti al tribunale: due contro Gerald Bostock e Donald Zarda, che sono stati licenziati per essere gay, e uno contro Aimee Stephens, che è stata licenziata dopo aver informato il suo capo che intendeva iniziare la transizione a opera.

Il collega conservatore Neil Gorsuch, che ha scritto un'opinione a maggioranza a sorpresa a nome della Corte Suprema, ha affermato che la questione davanti al tribunale non è semplicemente cosa significasse discriminazione sulla base del sesso quando il Civil Rights Act fu approvato 56 anni fa, ma quale titolo VII dice a riguardo.



A quanto pare, allora significava più o meno ciò che significa oggi: 'Fare la differenza nel trattamento o nel favore (di uno rispetto ad altri)', ha sostenuto. Quindi, nel complesso, un datore di lavoro che tratta intenzionalmente una persona peggio a causa del sesso, ad esempio licenziandola per azioni o attributi che tollererebbe in un individuo di un altro sesso, discrimina quella persona in violazione del titolo VII.

Ma il rimprovero lungo e spesso a ruota libera di Alito nei confronti della sentenza della Corte Suprema ha ritenuto che ciò che Gorsuch sosteneva fosse una lettura testualista del Titolo VII si tradurrebbe in una dannosa pendenza scivolosa, vale a dire che consentirebbe alle persone che affermano di essere transgender di accedere all'armadietto delle donne camere e bagni.

[Una] persona che non ha intrapreso alcun passaggio fisico può rivendicare il diritto di utilizzare il bagno o lo spogliatoio assegnato al sesso con cui l'individuo si identifica in quel particolare momento, ha affermato.

Alito alla fine avverte che l'opinione della maggioranza della Corte Suprema non fornisce alcun indizio sul perché la pretesa di una persona transgender di accedere a tale bagno o spogliatoio potrebbe non avere successo, anche se la decisione non riguarda l'accesso alle strutture pubbliche. In effetti, la più alta corte della nazione ha respinto un caso nel marzo 2017 che avrebbe risolto quelle domande. I giudici hanno rifiutato di ascoltare la causa di Gavin Grimm contro la sua ex scuola superiore della Virginia, dove gli è stato negato l'accesso al bagno che affermava il genere, e hanno rinviato il caso a un tribunale di grado inferiore per l'esame.

Inoltre, l'idea che le persone sfrutteranno le leggi sulla non discriminazione LGBTQ+ fingendo di essere transgender è un mito che è stato smascherato da più sondaggi indipendenti, tra cui a Studio del 2018 del Williams Institute all'UCLA. Più di 200 città e stati hanno approvato leggi che consentono alle persone trans di utilizzare il bagno pubblico più da vicino che si allinea alla loro identità di genere senza subire un aumento delle aggressioni.



GLAAD ha definito affermazioni come i gruppi semplicemente falsi di Alito e persino anti-LGBTQ+ ammesso che il tropo è fabbricato .

È importante notare che le tutele antidiscriminatorie per le persone transgender non cambiano le leggi di vecchia data che rendono illegale per chiunque entrare in un bagno pubblico allo scopo di molestare o danneggiare un'altra persona o invadere la loro privacy, GLAAD dichiarato in un rapporto del 2017 .

Alito è stato raggiunto dai giudici conservatori Brett Kavanaugh e Clarence Thomas nell'opporsi al punto di vista della corte sul titolo VII. Kavanaugh, la cui nomina alla Corte Suprema da parte di Donald Trump è stato ritardato da tre accuse separate di aggressione sessuale, ha affermato che la sentenza usurpa il ruolo del Congresso e temeva che il pubblico sarebbe confuso su chi siano veramente i responsabili politici nel nostro sistema di poteri separati.

Dall'altra parte, il giudice capo John Roberts - un incaricato di George W. Bush - si è unito a Gorsuch schierandosi con i loro colleghi liberali. Il blocco progressista della panchina, composto da Stephen Breyer, Ruth Bader Ginsburg, Elena Kagan e Sonia Sotomayor, avrebbe votato tutti a favore delle protezioni LGBTQ+.


Altre grandi storie da loro.