T'Nia Miller afferma che la vera rappresentazione deve essere dietro la telecamera e davanti alla telecamera

T'Nia Miller vuole che il mondo sappia che la rappresentazione queer sullo schermo non è semplice come selezionare una casella.



L'attore, che di recente ha interpretato Hannah Grose nella serie originale Netflix L'ossessione di Bly Manor , ha condiviso i dettagli sulla sua storia di coming out con Il guardiano . Miller ha detto di essere stata sostenuta dalla sua famiglia quando si è dichiarata queer, ma che era consapevole che non è così per molti bambini. So come attore nero cosa significasse vedere persone come me sullo schermo, e penso che sia esattamente lo stesso quando si tratta di sessualità e di come ci identifichiamo, ha detto Miller.

Ecco perché l'ha colpita quando ha notato la mancanza di persone queer in TV. Miller ha detto che non conosceva persone omosessuali nella vita reale fino a quando non è andata al college a Notting Hill, dove ha fatto il pendolare dall'East End di Londra.



È lì che ho incontrato la mia prima famiglia omosessuale, per così dire; persone che erano un po' diverse dalla cerchia sociale con cui ero abituato a mescolarmi, ha detto Miller. Mio Dio, è stato rinfrescante.



Nonostante si sia mescolata con le persone LGBTQ+ nei suoi anni da giovane adulta, ha sentito le pressioni della società per mantenere nascosta la sua sessualità fino ai suoi primi 20 anni, portandola a sposare un uomo e ad avere figli.

Tuttavia, ha rapidamente superato quegli impulsi della società. Quando ha iniziato a fare lo stronzo mi sono reso conto: ho due figli, sono un po' più grande e non me ne frega un cazzo della pressione sociale, quindi inizierò a uscire con le donne. Era davvero così semplice.

Ciò significava che era entrata all'università già divorziata e con due figli - nelle sue stesse parole, un bambino che aveva dei bambini.



La differenza è che non stavo per piangere e crollare perché, accidenti, avevo già vissuto, ha detto Miller, mettendo a confronto la sua esperienza alla Guildford School of Acting con quella dei suoi coetanei meno esperti.

Miller ha continuato a difendere se stessa nella sua carriera di attrice, rifiutandosi di essere incasellata nella casella dell''attore queer' e rifiutandosi di interpretare ruoli che perpetuassero una narrativa dispregiativa sui neri.

Parte di questo includeva il suo recente ruolo in L'ossessione di Bly Manor , incentrato su una storia d'amore lesbica, anche se il suo stesso personaggio, la signora Grose, ha una sottotrama d'amore eterosessuale. Tuttavia, Miller ha detto che era annoiata dalle narrazioni in uscita e Maniero Bly La sottigliezza ha fornito un rinfrescante allontanamento da quel tropo.

Avevamo quella storia d'amore lesbica ed era un dato di fatto, ha detto Miller. Penso che lo stiamo vedendo di più nella programmazione e questo mi fa piacere. Ecco dove deve essere diretto. Quello che dirò è che ne abbiamo bisogno di più e di persone più abili in modo diverso e di razze diverse.

Miller ha anche aggiunto che mentre la diversità sembra decisamente migliorare sullo schermo, il vero miglioramento deve essere dietro la telecamera e davanti alla telecamera.



Non pensare di aver riempito la tua quota di diversità semplicemente inserendo una persona di colore in uno di quei ruoli, ha detto. Ci sono così tante persone da considerare e finché ciò non accadrà, non ci siamo ancora.

Anche l'analisi di Miller è supportata da dati; secondo un recente rapporto dell'UCLA , gli attori neri sono stati rappresentati proporzionalmente come attori principali negli spettacoli con sceneggiatura via cavo dal 2017 al 2019, e sono stati infatti sovrarappresentati (il che significa che c'erano più ruoli di quanti sono proporzionali alla popolazione degli Stati Uniti) nella totale diversità del cast negli spettacoli dal 2018 al 2019. Tuttavia , il rapporto ha anche rilevato che il 92% delle teste di rete era bianco. Solo il 24% di tutti gli scrittori accreditati in trasmissione, digitale e via cavo erano persone di colore, con solo il 22% degli episodi TV diretti da persone di colore.

Tuttavia, con persone come Miller che guidano la carica, è probabile che queste statistiche migliorino.